Browsing Tag:

Frutta

Antipasti/ contorni/ Pesce

Anguria spada stracciatella e pesto

anguria con pesto stracciatella e spada

Proseguiamo con le ricette rapide, facili, economiche, fresche e anche carine da vedere.

Anche in questo caso, come per le friselle, unico passaggio sui fornelli, cinque minuti, è la cottura ai ferri del pesce spada, per il resto si tratta di assemblare ingredienti pronti.

Potete apportare molteplici varianti, utilizzare altri formaggi, utilizzare gamberi, tonno fresco, preparare una salsa allo yogurt con aglio o erba cipollina o altre erbe, una maionese semplice o aromatizzata, di fatto l’anguria ha il ruolo di essere il piatto, sopra potete decidere cosa mettere.

A me l’idea è piaciuta tanto, molto semplice però carina, insolita, per una cena informale, in balcone, all’aperto, con i bambini, è anche carino pensare di mettere vari ingredienti e ognuno la personalizza a piacere.

Buona giornata, dai che siamo a fine luglio e tanti di voi staranno per partire.

 

anguria stracciatella pesto e spada

 

Ingredienti:

un ‘anguria, valutate la grandezza in base a quanti siete, la mia era piccola e ho condito con gli ingredienti che vi indico due fette.

due fette di anguria

1 fetta di spada da 200 gr

1 cucchiaio di pesto

2 cucchiai di stracciatella

olio evo

sale e pepe

 

anguria con pesce spada stracciatella e pesto

1 Tagliate l’anguria a fetta per il lato corto, disponetele sui piatti.

2 Cuocete ai ferri il pesce spada, togliete la pelle e tagliate e strisce o pezzetti.

3 Guarnite l’anguria come preferite distribuendo le fette di spada, un cucchiaio di stracciatella per fetta e punte sparse di pesto, olio, sale e pepe.

L’anguria meglio se fredda o tirata fuori dal frigo poco prima. Il pesce potete anche farlo raffreddare se preferite.

DOLCI/ frutta secca

Pie alle nocciole e albicocche

pie con nocciole e albicocche

Buon compleanno a me! Una torta semplice come piace me, non cremosa, con tanta frutta secca, le nocciole che amo tanto, un ripieno di sola frutta, un dolce rustico, casereccio, niente di importante, diciamo che non è più di tanto una cosa voluta, ho pensato a un dolce, avevo una marea di nocciole ed ecco qua.

Che dire? E’ arrivato in un attimo, quasi non me ne sono accorta, ho cominciato a realizzare pochi giorni fa, è un appuntamento che vivo serenamente, niente traumi per un anno che si aggiunge ma neanche fuochi d’artificio, feste, proclami.

Fino a qualche anno fa ho sempre festeggiato con amici, l’ultima volta nel 2013, non so neanche bene perchè ho smesso di organizzare, ormai vivo la giornata così come capita, anche oggi non farò niente di particolare, neanche cena in famiglia.

Ormai sono proiettata sulla partenza, il prossimo post che scriverò sarà dagli Stati Uniti, sabato si sposa mio fratello, al mio ritorno vi racconterò come è andata.

P.S. birthday si scrive così…

 

pie alle nocciole e albicocche

Ingredienti:

per circa 1 chilo di frolla alle nocciole

200 gr di nocciole tritate finemente

240 gr di farina

170 gr di zucchero

1 uovo 1 tuorlo

250 gr di burro + una noce

800 gr di albicocche

3 cucchiai di zucchero

 

pie con albicocche e nocciole

 

1 Preparate la frolla lavorando insieme le nocciole, la farina, lo zucchero, il burro, l’uovo e il tuorlo, quando avrete ottenuto un composto omogeneo e compatto, riponete la pasta in frigo per 45 minuti.

2 In una padella antiaderente fate sciogliere una noce abbondante di burro, aggiungete le albicocche lavate, senza nocciolo e tagliate a pezzetti, aggiungete lo zucchero, mescolate e fate cuocere una decina di minuti.

3 Accendete il forno a 200 gradi, dividete la pasta in due parti uguali, imburrate una teglia diametro 24, stendete la prima metà di pasta, coprite bene e in modo uniforme i bordi.

4 Distribuite le albicocche livellando la superficie in modo che sia omogenea.

5 Stendete l’altro strato di pasta, deve essere liscio, ben sigillato sui bordi. Infornate per circa 35 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare.

verdure

Insalata con melone gamberi e maionese all’aglio

insalata con melone gamberi e maionese all'aglio

Sono senza parole, scusate ma il caldo mi sta creando seri problemi, fatico a respirare, mi gira costantemente la testa, mi sembra sempre di essere sul punto di svenire, vi lascio una ricetta che chiamarla tale è esagerato.

Si tratta solo di assemblare i pezzi, potete apportare infinite varianti, la maionese l’ho lasciata liquida per condire bene l’insalata, basta montarla qualche istante in più per renderla più densa. Buon fine settimana.

 

insalata con melone gamberi maionese con aglio

Ingredienti:

per due persone

100 gr di valeriana

2 fette di melone

100 gr di gamberi

1 uovo

200 ml di olio di semi

mezzo spicchio di aglio

1 cucchiaino di limone

sale e pepe

1 Preparate la maionese mettendo l’uovo nel mini pimer insieme all’aglio, aggiungete un cucchiaino di limone poi cominciate a montare aggiungendo l’olio a filo, in pochi minuti otterrete la maionese.

2 Assemblate l’insalata inserendo nei piatti gli ingredienti, il melone a pezzi, l’insalata, i gamberi, olio e pepe e la maionese, se volete anche un filo di olio evo.

Senza categoria

Torta al cioccolato panna montata e ciliegie

torta con cioccolato panna e ciliegie

Sembra una foresta nera ma non lo è, ammetto che l’idea era quella, mi sono messa in rete a trovare ricette della foresta nera, ho trovato seimila versioni, ho sfogliato fra i vari libri che ho, stesso discorso.

Alla fine il tempo è trascorso, non ho capito quale sia la ricetta originale, comunque non avevo il kirsh e quindi me la sono farcita semplicemente con la panna montata, un avanzo di sciroppo delle amarene Fabbri e le ciliegie.

Un signor dolce che ieri sera abbiamo mangiato di gusto, piccola ma per quattro abbondante, scappo che è tardissimo e devo fare tremila cose, vi auguro un felice week end, speriamo rinfreschi!

 

torta al cioccolato con panna e ciliegie

Ingredienti:

per il Pan di Spagna:

80 gr di zucchero

50 gr di farina

30 gr di cacao

3 uova

farina e burro per lo stampo

250 ml di panna fresca

80 gr di zucchero

5-6 cucchiai sciroppo amarene Fabbri (potete usare altre bagne)

ciliegie

 

torta di cioccolato panna e ciliegie

1 Setacciate in una ciotola la farina e il cacao

2 In una ciotola o nella planetaria montate lo zucchero e le uova, devono triplicare il volume, dovrete ottenere un composto chiaro, spumoso, gonfio d’aria, con la planetaria circa 14 minuti a velocità medio/alta (4).

3 Unite con una spatola mescolando delicatamente dal basso verso l’alto la farina, controllate bene che non si formino grumi.

4 Imburrate uno stampo e infarinatelo, l’altezza varierà a seconda dello stampo che utilizzerete, queste dosi sono pensate per uno stampo da 16-18 ma io ne ho usato uno più stretto e alto. Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda trasferite il composto nello stampo, cuocete per circa 25 minuti, lasciate raffreddare.

5 In una ciotola messa prima in frigo montate la panna con lo zucchero, deve essere ben ferma.

6 Dividete la torta in tre strati uguali, bagnate il primo strato con tre cucchiai di sciroppo, coprite con uno strato di panna, mettete le ciliegie denocciolate. Proseguite nello stesso modo con il secondo strato, in questo ho messo un po’ di sciroppo anche sopra la panna.

7 Coprite l’ultimo strato con la panna e alcune ciliegie, o decorate come preferite, lasciate in frigo almeno due tre ore prima di serivire.

Antipasti/ contorni/ Pesce

Crostoni avocado e salmone e melone e speck

crostoni speck e melone avocado e speck

Le idee che nascono per caso, non era neppure preventivato pubblicare questa sorta di aperitivo, antipasto, chiamatelo come preferite, poi ho pensato che magari per qualcuno potrebbe essere un’idea, un suggerimento.

Di fatto non c’è molto da fare, se non la crema di avocado, gli altri ingredienti sono già pronti, la tartare l’ho presa pronta, potete anche prepararla voi, come sostituirla con tartare di spada, tonno. Gli ingredienti che potreste scegliere sono infiniti, io ho optato per due classiconi che mi piacciono molto ma davvero c’è l’imbarazzo della scelta.

Il classico pomodori e mozzarella, cetrioli e uova sode, verdure grigliate, salse, pesce come aringa, acciughe, sardine, gamberetti, gamberi, olive, tapenade, capperi, guacamole, ravanelli, insalate, miele, frutta secca, yogurt, ecc…divertitevi.

Sono in piedi dalle cinque causa sinusite che la mattina si fa sentire con raffreddore, gola secca, fastidio alla testa, bene che ho fatto un po’ di cose in casa finchè è fresco, male che tornerei a letto subito, comunque è venerdì quindi vi auguro un felice fine settimana.

 

crostoni con avocado e salmone e speck e melone

Ingredienti:

2 fette di pane nero grandi

2 avocado piccoli

100 gr di robiola

100 gr di tartare di salmone

6 fette di speck

3 fette di melone

olio evo

sale pepe/pepe rosa

 

crostoni avocado e salmone melone e speck

 

1 Sbucciate l’avocado, togliete il nocciole, tagliatelo a pezzi e frullatelo con la robiola fino a ottenere una crema omogenea, regolate di sale.

2 Tagliate a metà il melone, estraete i semi e con uno scavino formate delle palline.

3 Tostate il pane qualcuno minuto sotto il grill, nel mentre condite la tartare con olio sale e pepe.

4 Guarnite le fette, una alternando la crema di avocado alla tartare, l’altra disponendo prima lo speck poi il melone e il pepe rosa. Potete ovviamente guarnirle anche stendendo prima la crema di avocado poi la tartare o metà fetta di crema, metà di tartare ecc….

DOLCI

Crostata agli amaretti crema di pesche e cioccolato

torta agli amaretti crema di pesche e cioccolato

Se amate la frolla e gli amaretti questa è la pasta che fa per voi. Giuro che ve ne innamorerete subito, io appena l’ho vista da un’altra blogger che a sua volta l’ha vista da un’altra, l’ho replicata. Ma subito, due ore dopo ero già a impastare. Eccellente.

Una torta fresca con una crema di frutta, un modo un po’ diverso di utilizzare la frutta in una torta invece che a pezzi, il trio è da record secondo me, pesche, amaretti e cioccolato insieme sono un toccasana, una meraviglia, un portento, vado avanti? Meglio di no.

Non sono in forma, in montagna lo scorso week end spesso c’era tanto vento che a me devasta la testa, domenica sole, vento, pioggia, caldo, freddo, non si capiva niente, metti e togli il maglione di continuo, arrivata a Milano mi sentivo rimbambita e infatti, sono due giorno che arranco.

Diciamo anche che ormai conto i minuti per andare in vacanza, manca però ben oltre un mese, mi consolo cucinando, piatti che spesso assaggio appena prima di portarli ai miei genitori, dividerli con i vicini ecc…..Voi che farete quest’estate? Io volo oltre oceano…..quale lo vedrete…..

Ingredienti:

per la frolla agli amaretti

250 gr di farina

150 gr di amaretti

100 gr di zucchero

150 gr di burro

1 uovo

per la crema:

4 pesche mature

mezzo limone

1 cucchiaio di acqua

3 uova

160 gr di zucchero

80 gr di burro

pepite al cioccolato

 

torta agli amaretti con crema di pesche e cioccolato

1 Preparate il curd, sbucciate le pesche, eliminate il nocciolo, tagliatele a pezzetti, mettetele in una casseruola con il limone e l’acqua, fate cuocere per cinque minuti a fuoco medio.

2 Frullate con il mini pimer, rimettete sul fuoco aggiungete il burro a pezzetti, le uova e lo zucchero, amalgamate e mescolate fino a che non comincerà ad addensarsi, fate raffreddare del tutto.

3 Fate la frolla, tritate fini gli amaretti, mettete tutti gli ingredienti insieme e lavorateli fino a ottenere una pasta omogenea e compatta, se occorre perchè non vi sta insieme aggiungete due cucchiai di latte o acqua, non dovrebbe comunque essere necessario, fate riposare in frigorifero per un’oretta.

4 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda imburrate una teglia, la mia è diametro 22 quindi ne è avanzata un po’, stendete la pasta direttamente con le mani, fate attenzione a pareggiare bene i bordi, coprite con un foglio di carta forno e fagioli secchi, infornate per 15 minuti, togliete la carta forno e cuocete per altri 10 minuti, sfornate e lasciate raffreddare.

5 Versate la crema sulla frolla, livellate con una superficie, decorate con le pepite ai tre cioccolati o come preferite.

DOLCI

Torta meringata al limone

torta con limone meringata

Volevo preparare questa torta da almeno tre anni, a preoccuparmi la meringa, stupidamente aggiungerei.

Ahimè sono fatta così, mi fisso per qualche motivo il più delle volte ingiustificato, sul fatto che una ricetta sia difficile, complicata, con ostacoli insormontabili e mi blocco. Attendo, ogni tanto rileggo la ricetta, storco il naso, vorrei, non vorrei ma se vuoi ecc……

Poi un giorno all’improvviso ci provo, senza pensarci troppo, senza aspettative, tutto sommato serenamente. La cosa folle è che tutte le ricette che temevo sono perfettamente riuscite senza neanche troppi ostacoli. Penso ai cannoli siciliani, la pasta sfoglia, i krapfen e altro.

Evidentemente ho bisogno di tempo per convincermi, di solito uno prova, sbaglia, si blocca, no io mi blocco senza neanche aver provato, anche in questo caso non ho avuto problemi con la meringa.

Anche senza termometro me la sono cavata, idem senza cannello, l’ho passata in forno sotto il grill, su questa fase devo migliorare ma temevo di lasciarla troppo. A voi che ve ne pare? Promossa o rimandata?

 

torta al limone e meringa

Ingredienti:

per la frolla:

110 gr di burro

80 gr di zucchero a velo

1 uovo

200 gr di farina

per la crema:

140 ml di succo di limone (almeno 5 limoni dipende dalla grandezza e da quanto succo hanno)

160 gr di zucchero

4 uova

4 gr di gelatina

80 gr di burro

per la meringa:

135 gr di zucchero + 1 cucchiaino

36 ml di acqua

3 albumi

1 pizzico di sale

 

torta al limone meringata

1 Preparate la frolla lavorando insieme tutti gli ingredienti, quando saranno ben amalgamati e compatti, riponete mezzora in frigorifero.

2 Preparate la crema, spremete il succo dei limoni, mettete la gelatina in ammollo per dieci minuti in acqua fredda.

3 In una casseruola a sponde alte mettete le uova, lo zucchero, il burro tagliato a pezzetti e il succo di limone, mettete sul fuoco moderato, cominciate a mescolare.

4 Quando il composto comincerà a scaldarsi unite la gelatina strizzata, mescolate fino a che la crema non si addenserà, lasciate raffreddare.

5 Cuocete la frolla, imburrate uno stampo, accendete il forno a 170 gradi, stendete direttamente con le mani la frolla, fate attenzione a livellare pari i bordi, coprite con un foglio di carta forno, distribuitevi sopra dei fagioli secchi o riso, cuocete per venti minuti, poi altri dieci minuti senza fagioli. Sfornate e lasciate intiepidire.

6 Aggiungete la crema alla frolla, preparate la meringa mettendo gli albumi nella planetaria (potete farlo anche in una ciotola con le fruste), aggiungete un cucchiaino di zucchero e un pizzico di sale, lavorate per uno due minuti, deve fare la schiuma non montare.

7 In un pentolino mettete lo zucchero e l’acqua, a fuoco medio fate sciogliere lo zucchero, lo sciroppo dovrà essere chiaro, non scurire, spegnete appena comincia a bollire. Aggiungete subito agli albumi, azionate alla massima temperatura le fruste e montate per cinque minuti.

8 Scaldate il forno a 220 gradi, funzione grill, mentre si scalda mettete la meringa in una sach a poche, distribuite sulla superficie della torta dei ciuffi o delle strisce circolari, infornate per pochi minuti, restate davanti al forno o nei paraggi, bastano pochi istanti, la meringa deve scurire non cuocersi ulteriormente. Sfornate, una volta fredda riponete in frigorifero. Estraete dal frigo almeno mezzora prima di servire.

DOLCI

Folls crema pasticcera e fragole

folls crema e fragole

Ho conosciuto questa ricetta che forse non è neanche corretto chiamare in questo modo data la semplicità, circa tredici anni fa a un corso di cucina con Csaba dalla Zorza, da allora li preparo spesso così come i  bignè, la frolla, la  crema pasticcera, il pan di Spagna, la ricetta è la sua, raramente cambio.

Come oggi che la crema pasticcera non è di Csaba, se cercate l’idea veloce, che potete preparare prima, sia la crema che la panna, con la frutta che preferite, in mono porzione così non è ne’troppa la quantità ne’ occorre una frolla, un uno strato di torta o altro per accompagnarla, quest fools sono l’ideale.

Finalmente venerdì, attendo domani per dormire anche se confesso che in questa settimana sono andata a letto alle ventidue praticamente tutte le sere, mi sento stanca, ho sonno, arrivo a ora di cena che mi pare di aver scalato una montagna. Per chi starà provando invidia pensando che mi sono fatta delle belle dormite, sappiate che non dormo tutta notte, magari addormentarmi alle ventidue fino alla mattina seguente.

Buon fine settimana.

 

folls crema e fragole

Ingredienti:

per la crema pasticcera:

450 ml di latte

50 ml di panna fresca

125 gr di tuorli (circa sei uova)

100 gr di zucchero

100 gr di cioccolato fondente

50 gr di burro

25 gr di cacao

20 gr di amido di mais

per la panna:

150 ml di panna fresca

60 gr di zucchero

fragole a piacere

 

folls crema e fragole

1 In una ciotola amalgamate i tuorli  allo zucchero, l’amido di mais e il cacao.

2 In una casseruola portate a bollore il latte e la panna, versate lentamente poco alla volta il composto sui tuorli, mescolate con una fustra.

3 Spegnete, unite il cioccolato a quadretti e poi il burro, mescolate, una volta ottenuta una crema omogenea fate raffreddare la crema trasferendola in una ciotola, coprite con la pellicola a contatto (per evitare che si formi la crosticina).

4 In una ciotola (possibilmente messa in frigo una mezzora prima di utilizzarla) versate la panna e lo zucchero, montateli con le fruste fino a che non risulteranno ben montati.

5 Lavate e asciugate le fragole, togliete l’estremità superiore e tagliatele a pezzetti piccoli.

6 Componete i bicchieri mettendo sul fondo delle fragole, poi la crema pasticcera, possibilmente con una sach a poche dopo la panna e altre fragole, potete anche invertire gli strati come preferite.

DOLCI

Crostata ricotta e mirtilli

crostata ricotta e mirtilli

Che fai ha la ricotta e  il burro di malga e non fai una crostata? Sia mai, mettici anche la marmellata del posto, preparata con i mirtilli raccolti l’estate scorsa, una vera goduria.

Una semplicissima crostata mangiata il giorno di Pasqua in montagna con la famiglia, rustica, freschissima, volutamente con le strisce irregolari per non perderci troppo tempo, sabato era una giornata splendida, senza una nuvola, calda, con 24 gradi a 1300 metri alle 17 passate del pomeriggio, poco tempo ai fornelli, molto tempo all’aria aperta.

Settimana corta questa, bello, anche se un po’ mi scombussola, il prossimo ponte devo lavorare, a casa, al pc ma devo mettermi sotto e finire un lavoro per cui niente o quasi, distrazioni, niente trasferte.

Scappo che devo tornare a Milano, buona giornata.

 

crostata con ricotta e mirtilli

 

Ingredienti:

per la frolla:

220 gr di farina

80 gr di zucchero

1 uovo e 1 tuorlo

125 gr di burro

per il ripieno:

750 gr di ricotta

200 gr di zucchero

3 uova

1 barattolo di marmellata di mirtilli da circa 350 gr

 

crostata alla ricotta e mirtilli

1 Lavorate lo zucchero, la farina, il burro e le uova fino a ottenere una pasta compatta e liscia, riponete mezzora in frigo.

2 In una ciotola lavorate insieme la ricotta, lo zucchero, le uova e la marmellata fino a ottenere un composto omogeneo.

3 Imburrate uno stampo da 24 cm, accendete il forno a 190, mentre si scalda stendete con le mani o con il mattarello trequarti della frolla, fate i bordi abbastanza alti perchè la crema è parecchia.

4 Versatevi la crema di ricotta, con la frolla avanzate formate le strisce creando dei cilindri di frolla lunghi quando la teglia, disponeteli a scacchiera. Infornate per circa 45 minuti, sfornate, lasciate raffreddare e mettete in frigo, tiratela fuori almeno mezzora prima, se la fate il giorno prima è anche meglio.

DOLCI

Crostata con marmellata di fragole e ganache al cioccolato

crostata con marmellata di fragole e ganache al cicocolato

Si sa il cioccolato risolve tutti i mali, regala risposte, mette di buon umore, alleggerisce le giornate, dona allegria, potrei continuare ma se siete lettori assidui sapete quanto io ami il cioccolato in tutte le sue versione, tavoletta, crema spalmabile, cioccolatino, ecc….

Le prime fragole, non buonissime confesso, insieme al cioccolato sono un abbinamento classico che piace sempre, amo il contrasto fra il croccante della frolla e il cremoso della ganache, tutto cremoso mi stanca, non fa per me, invece questo mix mi piace sempre, in questo caso arricchito da uno strato di marmellata.

Il dolcetto per il week end che io trascorrerò a Perugia con due care amiche, amo molto l’Umbria e non vedo l’ora di vedere le colline, perdermi per i vicoli, il sali e scendi, ammirare ancora una volta la pizza con il duomo e la fontana maggiore, gli scorci che offre ovunque la città, naturalmente anche la cucina!

Voi che farete di bello? Buon fine settimana.

torta al cioccolato e fragole

Ingredienti:

180 gr di farina

40 gr di cacao

80 gr di zucchero

125 gr di burro freddo

1 uovo e 1 tuorlo

250 gr di cioccolato fondente

200 ml di panna fresca

2 cucchiai abbondante di marmellata alle fragole

fragole

crostata con ganache e marmellata di fragole

1 Preparate la frolla impastando insieme tutti gli ingredienti fino a che non avrete ottenuto una pasta compatta e omogenea, mettete mezzora in frigo.

2 Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda imburrate lo stampo, stendete la pasta non troppo sottile, coprite con un foglio di carta forno e coprite con dei fagioli secchi, infornate per 15 minuti poi togliete la carta forno e continuate a cuocere per altri 10 minuti, sfornate e lasciate intiepidire.

3 Preparate la ganache sciogliendo a bagnomaria il cioccolato, quando è quasi sciolto aggiungete la panna e mescolate con una spatola, una volta ben amalgamate togliete dal fuoco e lasciate riposare una ventina di minuti.

4 Stendere la marmellata sulla superficie della torta, versate la ganache, mettete in frigorifero fino a che la crema non si rassoda, se non dovete mangiarla a breve potete anche lasciarla fuori, la crema comunque deve essere morbida al morso non dura, decorate con le fragole.