Browsing Tag:

Pesce

Antipasti/ contorni/ Pesce

Crostoni avocado e salmone e melone e speck

crostoni speck e melone avocado e speck

Le idee che nascono per caso, non era neppure preventivato pubblicare questa sorta di aperitivo, antipasto, chiamatelo come preferite, poi ho pensato che magari per qualcuno potrebbe essere un’idea, un suggerimento.

Di fatto non c’è molto da fare, se non la crema di avocado, gli altri ingredienti sono già pronti, la tartare l’ho presa pronta, potete anche prepararla voi, come sostituirla con tartare di spada, tonno. Gli ingredienti che potreste scegliere sono infiniti, io ho optato per due classiconi che mi piacciono molto ma davvero c’è l’imbarazzo della scelta.

Il classico pomodori e mozzarella, cetrioli e uova sode, verdure grigliate, salse, pesce come aringa, acciughe, sardine, gamberetti, gamberi, olive, tapenade, capperi, guacamole, ravanelli, insalate, miele, frutta secca, yogurt, ecc…divertitevi.

Sono in piedi dalle cinque causa sinusite che la mattina si fa sentire con raffreddore, gola secca, fastidio alla testa, bene che ho fatto un po’ di cose in casa finchè è fresco, male che tornerei a letto subito, comunque è venerdì quindi vi auguro un felice fine settimana.

 

crostoni con avocado e salmone e speck e melone

Ingredienti:

2 fette di pane nero grandi

2 avocado piccoli

100 gr di robiola

100 gr di tartare di salmone

6 fette di speck

3 fette di melone

olio evo

sale pepe/pepe rosa

 

crostoni avocado e salmone melone e speck

 

1 Sbucciate l’avocado, togliete il nocciole, tagliatelo a pezzi e frullatelo con la robiola fino a ottenere una crema omogenea, regolate di sale.

2 Tagliate a metà il melone, estraete i semi e con uno scavino formate delle palline.

3 Tostate il pane qualcuno minuto sotto il grill, nel mentre condite la tartare con olio sale e pepe.

4 Guarnite le fette, una alternando la crema di avocado alla tartare, l’altra disponendo prima lo speck poi il melone e il pepe rosa. Potete ovviamente guarnirle anche stendendo prima la crema di avocado poi la tartare o metà fetta di crema, metà di tartare ecc….

Lievitati/ Senza categoria

Focaccia fiori di zucca acciughe e burrata

foaccia con acciughe burrata e fiori di zucca

Buongiorno, tutti tristi, depressi? In coma post vacanza? post ponte lungo? o per il tempo che dopo due giorni di sole, quanto meno a Milano, oggi sembra novembre inoltrato?

Io devo dire che invece sono energica, sto continuando a sentire o leggere di persone un po’ spente e con la testa ancora in vacanza mentre io sono proiettata sulle tante innumerevoli cose che devo fare, su una settimana che si preannuncia molto intensa con un week end di fuoco, in cucina e non.

Poche chiacchiere che devo appunto mettermi a lavorare, una focaccia da fotografare in un nano secondo per non far sciogliere troppo la burrata, che più si scioglie più inumidisce la pasta, tranquilli se non vi ponete il problema foto non correrete questo rischio perchè si finisce in fretta.

Un abbinamento semplice, noto, che mi piace tanto dove si sposa bene la delicatezza della burrata con il sapore deciso dell’acciuga e il vago amarognolo (non so se esprimermi così sia proprio corretto ma non trovo un altro termine adeguato) dei fiori di zucca, mettici il soffice dell’interno e la croccantezza dei bordi ecco uno sfizio/pranzo niente male.

Io l’ho fatta alta ma potete stenderla su due teglie per averla più bassa o utilizzare meno farina o aumentare i tempi di lievitazione.

 

focaccia con burrat fiori di zucca e acciughe

Ingredienti:

300 gr di farina 00 bio

1 bustina di lievito secco

2 cucchiaini di zucchero

acqua q.b.

sale

olio

100 gr di burrata

1 mazzetto di fiori di zucca

5-6 filetti di acciuga

 

focaccia con fiori di zucca acciughe e burrata

1 Per l’impasto mettete tutto nella planetaria, seguite le istruzioni sulla confezione di lievito secco (versate direttamente il lievito, due cucchiaini di zucchero), aggiungete poco alla volta mentre impastata l’acque e il sale, dovrete ottenere una pasta liscia, omogenea, impastate per una decina di minuti. Se usate il lievito di birra, diluitene 10 gr in acqua tiepida, non mettete lo zucchero, procedete per il resto nello stesso modo aggiungendo il sale, l’acqua poco alla volta.

2 Mettete l’impasto in una ciotola, coprite e lasciate lievitare tre-quattro ore in un luogo caldo e asciutto.

3 Oliate una teglia da forno rotonda (o come volete), stendete la pasta direttamente con le mani (se preferite usate il mattarello), lasciate lievitare ancora una mezzora, nel mentre pulite e lavate i fiori, togliete il pistillo, tamponateli con della carta assorbente.

4 Accendete il forno a 200 gradi, lasciate che si scaldi, infornate la focaccia unta d’olio con un pennello in superficie e spolverata di sale, dopo venti minuti aggiungete i fiori e le acciughe, lasciate cuocere altri dieci minuti circa, dovrà risultare ben dorata.

5 Sfornate e mettete subito tipo ciuffi sparsi qua e là, la burrata, servite subito.

Pesce/ Primi

Riso basmati con gamberi al lemongrass

riso basmati con gemberi al lemongrass

I piatti che nascono al volo, un po’ per caso, i gamberi si prestano a tutto e amo la cucina orientale, in casa non mancano mai spezie, tipi di curry (in pasta), erbette, salsa di soia, latte di cocco, in pochi istanti si preparano grandi piatti.

Questa è una settimana molto piena, partita lenta ma in crescendo, sto realizzando bei progetti e cimentandomi in qualcosa di nuovo, non so cosa ne verrà fuori, vivo un misto di impazienza, curiosità, voglia di vedere il risultato, timore che non sia all’altezza delle aspettative.

Fra un po’ vi svelo tutto, intanto mi metto al lavoro.

 

riso basmati con gamberi al lemongrass

Ingredienti:

300  gr gamberi
2 steli  lemon grass
2 peperoncini rossi piccanti
1 spicchio aglio
olio di sesamo
1 cucchiaino sale
foglie di coriandolo
150 gr riso basmati
riso basmati con gamberi e lemongrass

1 Mondate il lemon grass, eliminate le foglie più dure, quindi riducete la parte chiara ad anelli sottili. Dividete poi i peperoncini a metà nel senso della lunghezza, privateli dei semi, lavateli e tritateli.

2 Pelate lo spicchio d’aglio e tritatelo finemente. Lavate il coriandolo, asciugatelo e sminuzzate le foglie. Sciacquate i gamberi e asciugateli tamponandoli delicatamente con carta assorbente da cucina.

3 Scaldate l’olio nel wok e rosolatevi per qualche minuto il lemon grass, i peperoncini e l’aglio. Unitevi i gamberi e saltateli per 3-4 minuti a fiamma vivace, mescolando continuamente; salate, aggiungete il coriandolo e servite insieme al riso basmati.

Lievitati

Focaccia con cipolle acciughe olive e capperi

foaccia con olive capperi cipolle e acciughe

Di fronte a una focaccia c’è poco da dire, sempre buona, sempre gradita, senza nulla o condita, in questo caso con un mix di avanzi da finire, inutile dirvi che è andata a ruba.

Una settimana partita in salita inaspettatamente, avete presente quando siete tranquilli, tutto nella norma poi un’informazione cambia lo scenario e voi non capite bene cosa stia succedendo, da un lato siete scossi, dall’altro lato nessun male vien per nuocere, da un lato la testa si ferma non riesce a fare passi avanti, dall’altro lato corre a progettare altro.

A tratti vi sembra di aver digerito bene il cambiamento, in altri momenti che un treno vi stia passando sulla testa, per qualche istante siete euforici di fronte alla novità poi vi assale il senso critico perchè dovevate pensarci prima, potrei continuare a lungo, è stato un lunedì da montagne russe e a fine giornata con il mal di testa.

Cominciamo questo martedì senza troppi pensieri, pensando che stasera a casa basterà aprire il freezer e ci sarà qualche pezzo di questa focaccia per cena!

focaccia con olive capperi acciughe e cipolle

Ingredienti:

per una teglia diametro 26 cm

350 gr di farina manitoba

acqua q.b.

12 gr di lieviti di birra

sale

olio evo

2 cipolle già cotte

1 cucchiaio di capperi

2 cucchiai di olive verdi

7-8 filetti di acciughe

focaccia con olive capperi acciughe e cipolle

1 Mettete nella planetaria la farina, nel mentre intiepidite l’acqua e scioglietevi il lievito, accendete la planetaria e cominciate a versare a filo l’acqua, man mano che si forma l’impasto aumentate la velocità, una volta formato l’impasto aggiungete il sale.

2 Impastate per una decina di minuti a media velocità, trasferite in una ciotola, coprite e lasciate lievitare per 3-4 ore.

3 Accendete il forno a 200 gradi, spennellate di olio una teglia, stendete la pasta con le mani, distribuite le cipolle sulla superficie, regolate di sale e infornate per 20 minuti.

4 Dopo venti minuti aggiungete gli altri ingredienti che nel frattempo avrete tagliato, le olive e le acciughe, infornate per altri 10 minuti circa, sfornate, servite.

Antipasti

Polenta in carrozza

Polenta in carrozza

Dal titolo ho già detto tutto!

Fritto, fritto, fritto, niente cuori ieri sera, ho visto cuori di tutto, dolci, tartare, risotti, cous cous, pizzette, biscotti, polpette, pesci, devo dire un’invasione, benefica ma alla fine ero un po’ stanca.

Qui si è fatto l’aperitivo così, con la polenta farcita con mozzarella e acciughe fritta, una ricetta semplicissima e superlativa.

Poco, ho appena assaggiato, ero partita con tanto entusiasmo ma ammetto che ieri non stavo bene, non ho digerito il pranzo e ho avuto un gran mal di stomaco tutto il pomeriggio per cui niente stravizi, gli altri hanno gradito.

Venerdì, siete felici? Io come sempre ho da lavorare un po’, spero sabato pomeriggio di mettermici senza distrazioni, devo anche preparare dei piatti per mia mamma che ha amici domenica a pranzo, voi che fate? Buon week end.

 

polenta fritta con acciughe e mozzarella

 

Ingredienti:

125 gr (1 busta di polenta istantanea)

700 ml di acqua

sale grosso un pizzico

4-5 fette di mozzarella tagliate sottili (se usate quella per pizza meglio, se no sgocciolatela molto bene=

5-6 filetti di acciuga

1 uovo

pangrattato q.b.

olio per friggere

 

polenta con mozzarella e acciughe fritta

 

1 Mettete a bollire l’acqua, quando bolle salatela e versate a filo la polenta mescolando con una frusta per evitare che si formino grumi. Bastano pochi minuti di cottura, vedrete comparire le bolle, fuoco medio/basso.

2 Stendete su una teglia la polenta, appiattitela con una spatola o un altro foglio di carta forno, cercate di fare si che l’altezza sia uguale, circa 5mm-1 cm, lasciatela raffreddare del tutto.

3 Tagliate la mozzarella a fette sottili e i filetti a pezzetti.

4 Tagliate la polenta a quadrati, come una fetta di pancarrè, tagliatela ancora in diagonale per ottenere due triangoli.

5 Farcite i triangoli, non esagerate con il formaggio per evitare che fuori esca, ricoprite con il pezzo di polenta che combacia.

6 Scaldate abbondante olio per friggere in una padella, nel mentre mettete in due piatti l’uovo e il pangrattato, passate ogni pezzo di polenta tenendolo stretto fra le mani, prima nell’uovo, passatelo bene su tutti i lati, passatelo poi nel pangrattato.

7 Procedete nel friggere, lasciate che si formi bene la crosticina, aspettate almeno 2-3 minuti prima di girare la polenta, siate delicati, fate cuocere altri due tre minuti, dovrà risultare un unico pezzo compatto e ben dorato, se volete regolate di sale, dopo un passaggio su carta assorbente servite subito.

Pesce/ Primi

Linguine con pane e bottarga

linguine con pane e bottarga

Non sono ancora in forma, dopo il raffreddore che venerdì e sabato mi ha sfiancata ora mi fa compagnia la tosse, comincia a scemare ma è fastidiosa, ahimè quest’anno sono un catorcio.

Mentre dovrei pensare a brodi e minestrine penso che invece potrei rifare questa pasta, onestamente non la chiamerei ricetta, è un’improvvisazione dell’ultimo momento con fette biscottate avanzate, aglio, olio, peperoncino e tanta tanta bottarga che mi hanno portato da Cagliari.

Non esiste una vera  e propria ricetta, potete omettere l’aglio come usarne di più, a spicchi o tritato, peperoncino fresco o in polvere, il pane grattugiato o briciole di taralli, cracker, anche rispetto alle quantità potete essere minimal o abbondare come me, vi lascio le indicazioni ma interpretatele a vostro piacere, grandi danni non potete farne.

Ingredienti:

per due persone

4 cucchiai di olio evo

2 spicchi di aglio medi

peperoncino

2 fette biscottate

bottarga

200 gr di linguine

 

linguine alla bottarga e pane

1 Mettete a bollire l’acqua per la pasta, nel mentre sbucciate l’aglio, dividetelo a metà.

2 In una padella versate l’olio, lasciate che si scaldi in minuto poi aggiungete l’aglio e il peperoncino, lasciate rosolare l’aglio poi toglietelo.

3 Sbriciolate grossolanamente le fette biscottate o del pangrattato, mescolate con un cucchiaio, devono dorarsi, fate attenzione a non farlo troppo scurire, deve rimanere croccante ma non bruciato, spegnete il fuoco.

4 Quando state per scolare la pasta riaccendete il fuoco, aggiungete la pasta, mescolate per amalgamare il tutto e grattugiate generosamente la bottarga, servite subito.

colazioni salate/ Dal mondo

Pancake al salmone

pancake insieme al salmone

Eccoci entrati nel mood natalizio, tre settimane per regalarvi qualche idea, spunto per la vostra tavola, a casa mia non ci sono tradizioni particolari, di solito c’è la lasagna e fra carne e pesce sicuro carne, io preferirei pesce ma la maggior parte delle persone no.

Per il resto ogni anno si inventa qualcosa di nuovo, si rispolverano grandi classici, esperimenti ben riusciti o semplicemente si assecondano i propri gusti, onestamente mi piace di più rispetto a un menù standard o mai senza, così ogni anno c’è la sorpresa.

Questi pancake un’idea semplicissima che potete anche variare negli ingredienti, io volevo terminare un barattolo di mascarpone aperto, mai fatti prima con il mascarpone e neppure con gli albumi montati a dire il vero, sono molto soffici, a me l’impasto è piaciuto parecchio.

Perfetti per una colazione salata, un brunch ma anche aperitivo, antipasto o anche solo come pane, la colazione salata è l’utilizzo che preferisco, ogni tanto mi piace l’idea delle uova, avocado, salmone, bacon, altri salumi, french toast, croque madame, le feste sono un buon momento per godersela.

 

pancake con il salmone

 

Ingredienti:

180 gr di farina

1/2 cucchiaino di bicarbonato o lievito

3 uova a temperatura ambiente

125 gr di mascarpone

250 ml di latte

sale

salmone affumicato in abbondanza

 

pancake al salmone

1 Separate i tuorli dagli albumi, mescolate i tuorli con il latte.

2 Unite la farina e il bicarbonato setacciati, mescolate con una frusta.

3 Unite il mascarpone, regolate di sale, amalgamate bene.

4 Montate a neve gli albumi, uniteli delicatamente al composto aiutandovi con una spatola, incorporateli mescolando dal basso verso l’alto.

5 Ungete con del burro una padella antiaderente, lasciate che si scaldi poi versate mezzo mestolo di composto, lasciate cuocere fino a che non risulteranno i bordi compatti e delle bollicine in superficie, a quel punto aiutandovi con una spatola girate il pancake  e lasciate cuocere per ancora un minuto o due, proseguite nello stesso modo fino al termine del composto.

6 Presentateli con il salmone affumicato e se volete creme fraiche.

Pesce/ Primi

Fettucce con pesto di coste e totani

fettucce condite con pesto di coste e totani

Un piatto nato per caso, non avevo molto in casa e voglia di uscire non pervenuta nell’ennesimo week end di pioggia, buio ecc…..prima ho pensato alle coste che mi piacciono tanto condite olio, sale e limone ma il limone non c’era e quindi già storcevo un po’ il baso.

Visto che amo il pesto e trasformo in pesto tutte le verdure possibili (qua lo trovate con i peperoni, gli agretti, di mele ed erba aromatiche, con i pomodori secchi, con le castagne, di fagiolini ecc…..) ecco risolta la questione coste, dopo mi sono tornati in mente i totani.

Un abbinamento mai provato ma che mi è piaciuto, il pesto è delicato mentre il totano ha un sapore più deciso, un incontro fra cremoso e non dico croccante ma corposo si, non so se si può dire ma credo abbiate capito.

Se avete qualche pesto da consigliarmi sono qua, magari qualcosa di particolare, intendo dire non zucchine, broccoli, melanzane ecc…che sono piuttosto noti, se vi viene in mente qualcosa che per voi merita, che assolutamente va provato ditemi che sono sempre curiosa. Buona giornata.

 

fettucce con pesto di coste e totani

Ingredienti:

per due persone

200 gr di fettucce

2 cespi di coste di medie dimensioni

mezzo spicchio di aglio

1 cucchiaio di pinoli

olio evo q.b.

2 cucchiai di parmigiano

150 gr di totani già puliti

olio evo

peperoncino

sale

1 Lavate e pulite le coste, utilizzate sia la parte verde che quella croccante, quanto meno una parte, fatele cuocere al vapore o saltate in padella per cinque dieci minuti, lasciate intiepidire.

2 Preparate il pesto mettendo nel mixer le coste, i pinoli, l’aglio, il sale, azionate aggiungendo a filo l’olio, dovete decidere voi che consistenza dargli in base ai vostri gusti, se mettete molto olio diventa quasi liquido, se lo volete più denso regolatevi con il parmigiano aggiungendolo poco alla volta.

3 Mettete a bollire l’acqua per le fettucce, nel mentre in una padella scaldate due cucchiai di olio con peperoncino, unite i totani tagliati sottili a pezzetti e un pizzico di sale (se volete sfumate con del vino bianco ma poco vino), cuocete mescolando ogni tanto per circa una decina di minuti scarsi, assaggiate, non cuocete troppo a lungo se no diventano gommosi.

4 Scolate la pasta e condite con il pesto e i totani.

Pesce/ Primi

Strozzapreti con tonno e finocchietto

strozzapreti con tonno pane e finocchietto

Una ricetta che a essere onesti profuma di estate, con il finocchietto, il tonno fresco, avevo entrambi freschi e che fai non ne approfitti? Mettici il pane, un bel aglio, olio e peperoncino come base, per me una pasta eccellente, una signora pasta.

A volte bisogna essere pratici, preparare piatti veloci, diciamo express, quando torno a casa alle 13 passate ho fame e se non ho niente di già cucinato da scaldare opto per piatti così, l’acqua della pasta bolle rapidamente e mentre cuoce in un lampo si mettono in padella gli ingredienti per il condimento.

Una pasta che per me profuma di Sicilia, di pesce fresco, di pasta fatta in casa, di erbe aromatiche, di sole, mare, verde intenso, costi ridicoli per sfamarsi alla grandissima, distese di colline, montagne, spiagge, città barocche, dolci da morire di gioia, gli alberi di limone, le persone sedute sulle sedie in piazza, i colori accesi, zone perfette accanto a zone sfasciate.

Ricordi di una vacanza in terra sicula bellissima.

 

strozzapreti con tonno fresco e finocchietto

 

Ingredienti:

per due persone

250 gr di strozzapreti

1 trancio di pesce da 120 gr

2 cucchiai abbondanti di pangrattato

finocchietto q.b.

3 cucchiai di olio evo

mezzo spicchio di aglio

peperoncino

sale

 

strozzapreti tonno e finocchietto

1 Mettete a bollire l’acqua per la pasta, in una padella versate l’olio, aglio schiacciato o se preferite tritato, il peperoncino, lasciate soffriggere un minuto poi unite il pesce tagliato a bocconcini, mescolate regolate di sale, lasciate cuocere 5 minuti.

2 Quando state per scolare la pasta unite il pane, mescolate e un po’ di finocchietto, tenete da parte due cucchiai di acqua di cottura, scolate aggiungete la pasta e l’acqua al condimento, fate saltare un paio di minuti, decorate con finocchietto fresco.

Pesce/ Primi

Linguine con baccalà e pomodori secchi

lunguine con pomodori secchi e baccalà

Un piatto che adoro, i pomodori secchi li metterei anche nel caffè, li trovo fantastici nella pasta, nei biscotti, il pesto, tritati con svariati ingredienti, in insalata, nel pane, qua regalano sapore al baccalà pesce che amo, specie fritto.

Un piatto semplice che ho preparato domenica, poca voglia di mettermi ai fornelli, ma voglia di un piatto buono e saporito, questo ha soddisfatto le mie esigenze ed è piatto unico.

L’autunno è arrivato, così di botto, tutto insieme, sabato la gente girava in maglietta, alcuni senza calze, c’erano oltre venticinque gradi e ora sciarpa, prime botte di riscaldamento, aria frizzantina la mattina, una bella coperta è indispensabile, tanta voglia di minestra, te caldo, una colazione che sazia, il profumo delle caldarroste, che dire? Finalmente!

E poi diciamolo, mancano due mesi a Natale! E con questo vi saluto perchè qualcuno non avrà apprezzato questa dichiarazione.

 

linguine con pomodori secchi e con baccalà

Ingredienti:

per due persone

180 gr di lunguine

200 gr di baccalà (già pulito, già dissalato)

60 gr di pomodori secchi

peperoncino

mezzo spicchio di aglio

olio evo

sale

 

linguine con baccalà e pomodorini secchi

 

1 Mettete a bollire l’acqua per la pasta, nel mentre in una padella versate due tre cucchiai di olio, lasciate che si scaldi un attimo poi unite il peperoncino fresco o in polvere, l’aglio tritato o intero, lasciate soffriggere un minuto poi unite i pomodori secchi precedentemente tagliati a listarelle.

2 Mescolate, regolate di sale, dopo qualche minuto unite il baccalà, lasciate cuocere cinque/dieci minuti, vedrete che il pesce si romperà, girate di tanto in tanto per evitare che si attacchi.

3 Scolate la pasta e fatela saltare un paio di minuti nel condimento, servite  subito.

 

linguine con baccalà e pomodori secchi