Browsing Category

Antipasti

Antipasti/ contorni/ frutta secca/ verdure

Girasole di zucca taleggio e nocciole

Dopo averne pubblicati un tot sui social, ho deciso di mettere la ricetta.

Alcuni di voi me l’hanno chiesta quindi anche se semplicissima, procedo spiegando bene tutti i passaggi.

Per me spesso una ricetta salva cena, come ho detto migliaia di volte chi ha inventato la pasta sfoglia è un genio.

Economica, versatile, già pronta, si cuoce in poco tempo. 

La farcitura con quello che volete, la crema la si crea con legumi, verdura, carne, pesce, formaggi.

In versione dolce crema di tutti i tipi, cioccolato, nocciole, pistacchio, miele frutta tagliata sottile, marmellata ecc…

Piace a tutti, carina da vedere, anche se non perfetta in tavola fa sempre la sua scena, calda è eccezionale.

Oggi con della zucca avanzata, idem il formaggio.

 

Ingredienti:

due rotolo di pasta sfoglia rontonda

150 gr di zucca lessata

100 gr di taleggio (vanno benone parmigiano, caprino, robiola, crescenza, stracchino, gorgonzola ecc..)

1 cucchiaio di nocciole

sale

se volete una spolverata di parmigiano grattugiato

 

1 Spappolate bene la zucca creando una purea.

2 Stendete direttamente sulla teglia da forno foderata con carta forno il primo cerchio di sfoglia.

3 Spalmata la zucca in modo omogeneo, meno sui bordi, se vi sembra troppa non utilizzatela tutta (se è troppa straborda in cottura).

4 Distribuite qua e là pezzi di formaggio non troppo grandi e le nocciole spezzettate al coltello grossolanamente, regolate di sale.

 

 

5 Adagiate sopra il secondo cerchio di sfoglia, fate aderire bene i bordi.

5 Ponete al centro del cerchio una tazza, una ciotolina, quello che volete, con un coltello ben affilato o una tagliapasta tagliate delle strisce partendo dalla tazza verso i bordi esterni, circa 2-3 cm di larghezza.

6 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda togliete la tazza e arrotolate ogni strisce su stessa formando una sorta di treccia.

7 Infornate per circa mezzora, dovrà risultare dorata, sfornate, fate riposare dieci minuti e gustate.

Antipasti/ frutta secca

Crostini cachi gorgonzola noci e miele

Chi mi conosce bene penserà perchè questa ricetta?

Effettivamente tutti questi ingredienti non sono fra i miei preferiti, i cachi credo di averli mangiati due volte in vita mia senza soddisfazione, il gorgonzola lo tollero ma solo se in contrasto con altri ingredienti, come in questo caso.

Le noci mi piacciono ma fra la frutta secca sono quelle che lascio per ultime, il miele troppo dolce, lo uso pochissimo, mangiarne un cucchiaino impensabile.

Eppure tutti insieme questi ingredienti sono buoni, i contrasti dolce, salato, amarognolo, croccante, cremoso si sposano benissimo.

Diciamo che mi piace sperimentare, non ero assolutamente certa del risultato e infatti anche le foto le ho fatte al volo, è piacevole restare positivamente stupiti.

Lunedì in salita, dormito poco e settimana piena, compresi molteplici pensieri che mi frullano in testa.

Buona settimana.

 

Ingredienti per 6 crostini:

6 fette di pane, quello che prerite

2 cucchiai di gorgonzola

1 caco 

una decina di noci

miele 

 

1 Accendete il forno a 200 gradi, disponete su una teglia da forno coperta di carta forno il pane.

2 Sbucciate il caco e tagliatelo a fette mediamente sottili, disponetene circa tre per fetta di pane (valutate voi in base alla grandezza delle fette di pane, le mie erano piccole).

3 Disponete ciuffi di gorgonzola sparsi qua e là sul pane, le noci spezzettate grossolanamente, alla fine con una forchetta spargete “fili” di miele a caso sulle fette.

4 Infornate per sette otto minuti, mangiate subito.

Antipasti/ Legumi

Girelle con crema di lenticchie e peperone crusco

Idea last minute per un aperitivo improvvisato.

Prima regola o meglio suggerimento, avere sempre in frigorifero un rotolo di pasta sfoglia, come già detto tante volte spesso vi salva la vita.

Seconda regola avere sempre qualche scatola di legumi in dispensa.

Con i legumi si possono realizzare molteplici ricette, spesso li si associa sempre agli stessi piatti: farinata, pasta e fagioli, hummus, zuppe, minestre.

In realtà sono infinite le varianti, meglio secchi da ammollare ma qualche scatola in casa meglio tenerla sempre per comodità, li frulli, li salti in padella, in insalata, in un primo, stanno bene sempre.

Io che vivo di hummus e non solo di ceci, avevo tante lenticchie ed ecco questa idea capitata per caso quando una coppia di amici mi ha detto “siamo in zona ci vediamo?”.

Naturalmente potete unire alle lenticchie altri ingredienti come i pomodori secchi, erbe aromatiche, verdure, olive, capperi ecc…

Buona domenica.

 

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare

per la crema di lenticchie:

250 gr lenticchie o una scatola (io secche di Azienda Agricola Dolci Giuseppina)

4-5 peperoni cruschi

1 cucchiaio di tahina

succo di mezzo limone

mezzo spicchio di aglio

olio evo

sale e pepe

1 Preparate la crema lavorando insieme le lenticchie, l’aglio, il limone, la tahina, sale, un cucchiaio di olio e i peperoni, frullate, se occorre unite un pochino di acqua, la crema deve risultare densa non liquida.

2 Stendete la pasta, farcitela con due cucchiai abbondanti di crema, lasciate libero uno dei bordi in senso della lunghezza, arrotolate la pasta su stessa formando un cilindro, riponete in frigorifero venti minuti.

3 Tagliate le girelle, spessore un centimetro, disponetele su una teglia coperta di carta forno.

4 Cuocete in forno caldo a 200 gradi per 30 minuti, dovranno risultare dorate, sfornate e lasciate riposare almeno dieci minuti prima di gustarle. 

Antipasti/ contorni/ Dal mondo/ Pesce/ verdure

Pan bagnat alla provenzale

Piatto ricco mi ci ficco! Un tripudio di verdure estive per salutare l’estate che stanotte ci lascia per accogliere l’autunno.

Unite uova, tonno e acciughe e per me diventa un piatto eccellente, reso ancora più buono da una dose generosa di aglio e basilico.

Ciao estate, sei stata lunga come sempre ma meno sfiancante di altri anni, caldo ce n’è stato ma l’ho vissuto abbastanza bene, le zanzare hanno felicemente pasteggiato sulle mie gambe (continuano a farlo) e di questo ti ringrazio molto meno…

Sono stati mesi ricchi di libri e parole, di posti bellissimi rivisti con molta emozione e visti per la prima volta con grandi aspettative non tradite. 

Di grandi quantità di aglio e basilico, friselle come se non ci fosse un domani, di tramonti commoventi e temporali angoscianti.

Di amici e reunion, di km in macchina, di passeggiate serali con mio papà in montagna, di aria condizionata che fa venire il mal di testa al lavoro.

Di canzoni imparate a memoria durante i viaggi, di gelati e zampironi, di progetti futuri e scoperta di nuovi ingredienti.

Di pesche succose e meloni cattivi, di regali inaspettati e serie tv, di persone che non ci sono più e di ricordi indelebili.

Ciao estate, sei stata ampiamente promossa.

 

Ingredienti per 4 persone:

1 pagnotta di circa 600 gr

1 peperone rosso

1 cetriolo

1 zucchina

2 pomodori

1 cipollotto

1 spicchio di aglio

150 gr tonno

6-7 filetti acciuga

2 uova sode

basilico

olive a piacere

olio evo

aceto di vino

sale e pepe

1 Lavate e pulite tutte le verdure, riducetele a dadini, fettine. Radunatele in una ciotola.

2 Unite il tonno sgocciolato, le uova sode a pezzetti, le acciughe, il basilico, le olive, salate e pepate, condite con 3-4 cucchiaio di olio evo e un cucchiaio di aceto, mescolate bene.

3 Tagliate la calotta della pagnotta, tenetela da parte, svuotatela della mollica, strofinate l’aglio sulla superficie del pane, farcitela con il ripieno, ricoprite con la calotta, avvolgetela per un’oretta nella pellicola e riponete in frigorifero.

4 Estraete dal frigo, togliete la calotta e servite.

Antipasti/ contorni/ Creme

Crema di melone, yogurt, cipollotto

Finalmente le temperature sono tornate umane e ha iniziato a piovere, ahimè creando danni.

Spero che continui a piovere perchè ne abbiamo bisogno ma una pioggerella prolungata sarebbe l’ideale.

A Milano e dintorni dopo il ciclone di fine luglio la parola temporale suscita paura, ansia.

Ci si chiude in casa, se si è in giro si blindano le finestre, si mette al sicuro la macchina e si spera che la furia dell’acqua e del vento non imperversino troppo.

Speriamo siano giorni di pioggia tranquilli.

Passando alla ricetta ideale se avete fretta, poca voglia di mettervi ai fornelli, volete qualcosa di fresco ma diverso dal solito.

Il melone in versione salata non è propriamente usuale in tavola, come detto e fatto altre volte con altri ingredienti, tendo spesso a utilizzare la frutta con il salato.

Se avete amici a cena/pranzo mettetela in bicchierini e ciotolino, timo, basilico, qualcosa che crei contrasto e farete anche bella figura.

 

Ingredienti per due porzioni:

1 melone medio

2 fette di pane a cassetta

2 cipollotti medi

200 gr yogurt greco

2 cucchiai di olio

mozzarelline per decorare facoltative

sale pepe basilico

1 Pulite il melone, tenetene da parte un pezzo per realizzare delle palline con uno scavino, il resto mettetelo in una ciotola ampia.

2 Unite il pane sbriciolato, lo yogurt, il cipollotto tagliato a rondelle, il basilico, sale, pepe, olio, frullate fio a ottenere una crema omogenea.

3 Disponete nei piatti e decorate co le mozzarelline, le palline di melone e il basilico, se preferite va bene anche il timo.

Antipasti/ contorni/ Legumi/ Pesce/ verdure

Bruschetta di ceci pomodori zucchine e tonno

Non definirei questa una ricetta ma un’idea per mangiare un piatto unico saporito, diverso dal solito, con ceci, verdure e pesce.

Amo la farinata e cerco spesso di declinarla in vari modi, cosa che mi capita spesso di fare con svariati ingredienti. Vi dicevo di recente l’anguria, la polenta, le castagne ecc…raramente le mangio nel modo più classico.

Farinata uguale nonni, estati in Liguria, al mare, ricordo bene un’istantanea di me, mia sorella e mio fratello con i nonni su una panchina a Monterosso alle 13 con le mani unte che mangiamo farinata.

Lo ricordo come fosse ieri e sono passati trent’anni, ricordo pure come era vestita mia nonna.

Ricordo il sapore preciso di quella farinata, il profumo che invadeva la via, la cosa dal panettiere per il proprio turino, la carta oleata unta e bianca, le mani che ci pulivamo o leccandocele o sulla maglietta (per la gioia della nonna).

Ricordi indelebili dell’infanzia da conservare con cura e tenerseli stretti.

Spero di avervi invogliato, nonostante il caldo, a prepararla, buona giornata.

 

Ingredienti:

per la farinata trovate la ricetta qui, farina di ceci di Azienda Agricola Dolci Giuseppina

per condire sei fette ho utilizzato:

7-8 pomodori ciliegini grandi

100 gr tartare di tonno

3/4 di una zucchina cruda grattugiandola

olive a piacere

olio

sale pepe

basilico

limone

 

1 Preparate la farinata, lasciate che diventi tiepida poi tagliatela a quadrotti.

2 Lavate i pomodori tagliateli a spicchi piccoli, conditeli con olio sale e basilico, se volete anche origano.

3 Lavate la zucchina, eliminate le estremità, grattugiatela a julienne e conditela con la tartare olio sale, pepe, limone.

4 Farcite la farinata, aggiungete le olive.

Antipasti/ contorni/ verdure

Millefoglie melanzane peperoni pesto stracciatella

Le idee che mi vengono per caso, ore a pensare a ricette, ormai siamo oltre le mille tante che mi vengono in mente le ho già fatte.

Non trovo nulla, mi areno, lascio perdere poi mentre faccio altro, per esempio mentre sto guidando o buttando la spazzatura mi si materializza davanti la ricetta da fare.

Le melanzane le ho impanate e cotte per la prima volta nella friggitrice ad aria, direi perfette, ovvio non hanno quel retrogusto divino di fritto ma sono ottime e croccante e soprattutto più leggere, per non parlare del fatto di evitare di friggere.

Mi attirerò l’antipatia di molti ma sapete come si dice ferragosto poi Natale è un attimo.

Ammetto che non proprio a ferragosto ma appena inizia settembre il periodo che immette nel Natale per me  è sempre un attimo, non riesco manco a godermi l’autunno che in un baleno compaiono lucine, addobbi, alberelli ecc..

Ammetto anche che da amante del Natale e del freddo non vedo l’ora, agosto è un mese strano, quando finisce non mi manca, settembre mi piace parecchio e poi puff ci ritroviamo sommersi dalla cannella, il panpepato, vischio, nastri, pacchetti.

Vi auguro buon ferragosto.

 

Ingredienti per due millefoglie:

6 fette di melanzane

2 peperoni medi

6 cucchiaini di pesto

stracciatella

olio

sale

basilico

1 uovo

pangrattato

1 Tagliate le fette di melanzane altezza 5 mm, passatele nell’uovo poi nel pangrattato facendo in modo che siano interamente ricoperte, cuocete o friggendo nell’olio o in forno o friggitrice ad aria (180 gradi 15 minuti).

2 Grigliate i peperoni o nel forno o friggitrice ad aria, per risparmiare tempo vi consiglio di cuocerli il giorno prima così li sbucciate anche meglio.

3 In un piatto disponete una fetta di melanzana poi un cucchiaino di pesto dopo del peperone a cui potete dare la forma tonda con un coppapasta o una tazzina infine la stracciatella ogni tanto salate, replicate per tre volte poi decorate con olio e basilico.

Antipasti/ contorni/ Dal mondo/ verdure

Gazpacho anguria pomodoro

Quando compro l’anguria raramente la mangio come frutta, la immagino sempre e di conseguenza la cucino, abbinata ad altro, solitamente salato.

Questo gazpacho idea a caso prendendo spunto da una ricetta su una rivista, l’ho adattato a quanto avevo in frigorifero, piatto per tutti, di fatto si tratta di frullare gli ingredienti, fine.

Primo giorno del mese, agosto sempre stato un mese strano, particolare, a volte infinito, altre passa in un istante fra lavoro, i week end in cui se posso scappo dalla città, una valigia sempre pronta, la citta deserta.

Da un lato mi affascina il silenzio di Milano, l’assenza di cantieri, clacson, rumori, poca gente, trovare subito parcheggio, la luce che cambia, il sole caldo ma diverso dal sole di fine giugno/inizio luglio, la sensazione di avere la città a disposizione.

Dall’altro lato percepisco sempre un senso di sospensione, come se ci fosse un on/off, i negozi chiusi, la gente in vacanza, il lavoro rallentato, la frase “ci sentiamo dopo le vacanze”, un prima e un dopo che ammetto non mi entusiasma del tutto.

Rispetto agli ultimi anni questo agosto sarà diverso, lavoro tutto il mese, prevedo una discreta dose di noia, vedremo fra quattro settimane.

 

Ingredienti per due persone:

300 ml anguria

120 gr pomodori (quello che volete)

mezza cipolla

1 spicchio di aglio

2 cucchiai di olio evo

timo

sale

2 cucchiai di fiocchi di latte

 

1 Mettete tutti gli ingredienti lavati, sbucciati, tagliati in un mixer, frullate, regolate di sale, se volete pepe o altre erbe aromatiche a piacere. Lasciate riposare in frigorifero un’ora.

2 Servite nei singoli piatti, ciotole o quello che preferite, aggiungete un cucchiaio di fiocchi di latte in ogni piatto, se volete del basilico.

Antipasti/ colazioni salate

Crostini pesche feta e miele

Una ricetta a portata di tutti, diciamo una non ricetta perchè non c’è molto da fare.

Chi ama il contrasto dolce e salato, chi ama la frutta abbinata al salato, amerà questi crostini.

Per me ottimi, amo tutti gli ingredienti e il gusto dolce del miele sulla feta salata e la pasce che si pone fra i due sapori.

Ne avrei mangiati mille.

 

Poche accortezze, utilizzate pane buono, pesche mature sugose possibilmente.

Le dosi sono totalmente a vostro piacere, potete farcire parecchio una fetta di pane piuttosto che mettere pochi ingredienti, tanto miele come un velo ecc…

Per scaldare il pane non occorre accendere il forno, scaldate molto bene una padella  e fate tostare le fette fino a che non sono dorate.

Ingredienti: pesche, pane, miele, sale.

 

Antipasti/ contorni/ verdure

Friselle alla norma

Cosa dire? Se come me amate ogni singolo ingrediente della ricetta, le divorerete!

Non avevo voglia di fare la solita pasta alla norma per quanto la adori, idem la pizza che trovate qui (una delle mie migliori ricette di sempre).

Volevo però qualcosa di sfizioso, carino da presentare (avevo amici a cena) e che potessi preparare prima. Un lampo ed ecco le friselle.

Potete prepararvi prima tutti gli ingredienti, non vanno mangiate calde ma a temperatura ambiente.

Vanno a ruba per cui abbondate. Se non trovate o preferite altro alla ricotta salata, la stracciatella ci sta un incanto.

Buona giornata.

 

Ingredienti per circa 4-5 friselle

1 melanzana grande

6-7 pomodori ramati ma vanno bene anche altri tipi, volendo anche la passata

3 cucchiai di farina

2 spicchi di aglio

3 cucchiai olio evo

50-60 gr ricotta salata

friselle 

basilico

olio per friggere

 

1 Lavate la melanzana, tagliatela a pezzetti piccoli, in un piatto mettete i cucchiai di farina, infarinate la melanzana.

2 In una ampia padella antiaderente fate scaldare abbondante olio di semi, immergete i pezzetti ben scrollati dalla farina nell’olio, cuocete mescolando di tanto in tanto finchè non saranno dorati, circa 10-15 minuti, scolate su un foglio di carta assorbente, mettete da parte.

3 Lavate i pomodori, riduceteli a pezzetti, in una padella versate l’olio evo, l’aglio tritato o a fettine, fate scaldare due tre minuti, unite i pomodori, regolate di sale, cuocete per 15 minuti circa, non devono essere troppo acquosi ma ristretti.

4 Preparate le friselle mettendo alternati pomodori e melanzane, salate, unite la ricotta salata a scaglie, a fettine, grattugiata come volete, il basilico, se volete aggiungete un filo di olio. Servite a temperatura ambiente.