Browsing Category

contorni

contorni/ Patate/ Pesce

Tortini di patate tonno ed erba cipollina

Ricetta che doveva essere tutt’altro, sono partita con l’idea di preparare delle polpette, rigorosamente fritte. Poi sono diventato uno sformato, dopo ho sostituito degli ingredienti con altri, quando avevo optato per il forno ecco che mi sono venute in mente delle piccole cocotte che uso poco.

Insomma come sempre non seguo mai l’idea iniziale, resta fissa per giorni, per ore ripasso cosa mi occorre comprare, cosa c’è nel frigo poi nell’ultimo istante prima di partire concretamente a spignattare cambio tutto.

Comunque, ottimo cambio di programma, pochi ingredienti che piacciono a tutti, facilissimi da preparare, versatili, adorabili per i bambini.

Devo ammettere che idee tante, tempo poco ma soprattutto concentrazione scarsa, vorrei sfornare ricette a gogo ma mentalmente sono assorbita da mille altre cose e come sempre quando capita, arranco, vorrei fare tutto e bene ma riesco a fare poco mediamente bene.

Spero di navigare in acqua più calme nei prossimi mesi!

Ingredienti:

mezzo chilo di patate lesse

4 scatolette di tonno 80 gr circa sgocciolate

1 uovo

sale

erba cipollina

1 Nel mixer unite tutti gli ingredienti, frullate fino a ottenere un composto omogeneo, regolate di sale.

2 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda imburrate gli stampini, riempiteli fino all’orlo, appiattite con un cucchiaio, cuocete per 25 minuti. Sfornate, servite caldo o tipiedi.

Antipasti/ contorni/ Legumi

Polpette ai piselli e pomodori secchi

Quando ci sono i piselli freschi bisogna assolutamente approfittarne!

Per anni non mi sono posta il problema, utilizzavo quelli surgelati molto spesso per comodità poi anni fa ho acquistato quelli freschi! Un altro mondo, totalmente diversi, per colore, sapore, consistenza, un’altra vita.

Le polpette si sa, si preparano con tutto, queste sono davvero semplici, pochi ingredienti, volevo esaltare il sapore dei piselli, mi piace molto anche il colore.

Sono piena di idee, molte ricette che vorrei provare ma non ho il tempo per realizzarle, mancano le bocche per gustarle, siamo pochi, me le segno tutte e chissà che prima o poi riesca a farle, la cosa assurda è che appena ne appunto una me ne vengono in mentre tre e considerando che seguo abbastanza fedelmente la stagionalità dovrei cucinare tutto il giorno.

Sono fiduciosa, in una vita intera ce la farò! Applicatevi anche voi!

Ingredienti:

450 gr di piselli freschi lessati

6-7 pomodori secchi

80 gr di parmigiano

mezzo spicchio di aglio

pangrattato q.b.

sale

olio per friggere

1 Frullate i piselli, se occorre aggiungete un filo d’acqua. Dovrete ottenere un composto omogeneo.

2 Tagliate grossolanamente i pomodori secchi.

3 Unite ai piselli i pomodori, il parmigiano, l’aglio e il sale, frullate bene.

4 Trasferite il composto in una ciotola, aggiungete poco alla volta il pangrattato, provate a formare una polpetta, se vi sembra compatta e non si rompe sono pronte se no continuate ad aggiungere pangrattato poco alla volta fino a trovare la consistenza giusta.

5 Mettete a scaldare abbondante olio per friggere in una padella antiaderente, mentre si scalda formate le polpette, grandi come una noce, passatele nel pangrattato, procedete immergendole poche alla volta nell’olio, lasciate che si formi bene la crosticina prima di girarle delicatamente, ci vorranno circa 3-4 minuti, sono pronte quando risultano ben dorate. scolatele su carta assorbente, servite calde o tiepide, temperatura ambiente. 

Antipasti/ contorni/ Dal mondo/ Pesce

Involtini di gamberi e cipollotti

Amore grande per la cucina etnica in generale, orientale in particolare.

Con la pasta phillo si può fare di tutto, è molto versatile, la si può utilizzare per un dolce, come sfoglia per uno strudel, dei cestini, dei sigari, simil lasagna farcendo gli strati, tipo caramella ripiena e chiusa in cima, la forma dell’involtino è un classico che richiama subito gli involtini primavera, presenti qua sul blog.

Stavolta ho mixato quello che avevo, non ho seguito una ricetta particolare ma abbinato a mio gusto diversi ingredienti, non esiste una versione originale, mentre preparate il ripieno assaggiate e valutate se aggiungere aglio o zenzero o salsa di soia, se usare una spezia piuttosto che un’altra, se mettere più o meno germogli o cipollotti, idem se volete utilizzare altre verdure.

Una ricetta davvero molto semplice, come vedete basta chiuderli su stessi senza troppe accortezze quanto alla precisione, almeno io, so che tanti baderebbero anche  a quello, come dico sempre per la pasta sfoglia che è bene averne un rotolo in frigorifero, lo sostengo anche per la pasta phillo.

Buon fine settimana.

Ingredienti:

una confezione di pasta phillo

400 gr di gamberi 

2 cipollotti

70 gr di germogli

un pezzetto di zenzero fresco

mezzo spicchio di aglio

un pizzico di peperoncino

salsa di soia

1 Pulite bene i gamberi, pulite i cipollotti e tagliati a rondelle grossolanamente.

2 In un mixer tritate i gamberi, i germogli, il cipollotto tagliato, aggiungete il peperoncino, l’aglio e il succo dello zenzero grattugiato, due cucchiai di salsa di soia (potete anche usare il sale se preferite) dovrete ottenere un composto omogeneo.

3 Su un tagliate disponete due fogli di pasta phillo, su un lato ma non troppo vicino al bordo disponete un cucchiaio abbondante, premete leggermente perchè si appiattisca, arrotolate la pasta su stessa e risvoltate i due lati sotto all’involtino, proseguite nello stesso modo fino a termine gli ingredienti.

4 Scaldate abbondante olio in padella, ci vorranno almeno 3-4 minuti, poi immergete pochi involtini alla volta con la parte della chiusura sotto, lasciate cuocere 3-4 minuti, girate leggermente, se sono dorati girateli se no aspettate un attimo, in tutto dovranno cuocere 8 minuti circa, 4 minuti per lato, scolate bene sulla carta assorbente, servite.

Antipasti/ contorni/ Legumi/ verdure

Quiche di roveja e asparagi

La quiche un classicone, sempre buona, sempre piatto unico con un’insalata o un’altra verdura. 

Mi ricorda i primi corsi di cucina che ho fatto tanti anni fa, facevamo molti impasti, torte salate, pizza, focaccia, calzone ecc…la quiche era sempre molto gettonata, quella classica con panna, uova, pancetta ma anche con pomodori ed erbe provenzali.

Chi mi legge da anni sa che non sono una fan delle torte salate, ho subito un trauma da piccola mangiandone troppe, cattive, crude, senza sale, con pessime verdure scongelate, abbinamenti improbabili, ne preparo poche e la pasta deve essere ottima.

Questa con la farina di roveja, un mio pallino recente, spero di farla conoscere il più possibile, essendo un legume ancora poco conosciuto, tipico dell’Umbria, la mia è dell’Azienda Agricola Azienda Agricola Dolci Giuseppina.

Ingredienti:

200 gr farina

100 gr farina di roveja

130 gr burro

acqua fredda q.b.

sale

1 mazzo piccolo di asparagi lessati

2 uova

250 ml di panna fresca

100 gr di parmigiano grattugiato 

sale e pepe

1 Prepara la pasta brisee mescolando in una ciotola le farina, il sale, unisci il burro freddo tagliato a pezzetti, inizia a impastare aggiungendo man mano, poco alla volta l’acqua. Vedrete che la pasta comincerà a compattarsi, quando avrete una pasta omogenea e compatta stendetela su una teglia imburrata, diametro 24 circa, stendetela direttamente con le mani livellando bene i bordi.

2 In una ciotola sbattete le uova con la panna, il parmigiano, sale e pepe.

3 Distribuite gli asparagi sulla superficie della torta, versate gli ingredienti liquidi.

4 Infornate in forno caldo a 180 gradi per circa 40 minuti, gustate tiepida o a temperatura ambiente.

Antipasti/ contorni/ verdure

Strudel agretti salame e provola

Ecco una ricetta svuota frigo, facile, veloce, gustosa, saziante.

Agretti a parte, tipici del periodo, la sfoglia l’avevo da un  po’, provola e salame mi sono avanzati dal casatiello di settimana scorsa, ho pensato a un bel mix saporito che si prepara in un attimo.

Per Pasqua ho cucinato tanto, ho voluto sperimentare casatiello e ciaramicola che avete visto ma anche i panini anglosassoni hot cross buns, la pastiera al cioccolato, ho rifatto la pizza umbra, oggi ho optato per una ricetta davvero molto semplice dopo preparazioni non difficili la lunghe da realizzare.

Piano piano ci avviciniamo alla stagione di frutta e verdura che preferisco, ammetto che broccoli, zucca, porri, coste ecc..mi avevano stancato, ora asparagi, fave, agretti, taccole, cipollotti, verdure che mi piacciono ma non alla follia, poi arrivano le mie verdure del cuore.

Tanto temo il caldo, quanto non vedo l’ora di pomodori, peperoni, melanzane, fagiolini, zucchine ecc… Voi come state vivendo questo cambio di stagione? Io dormirei sempre. Buona giornata.

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfogli rettangolare (o tonda)

1 mazzo di agretti

avanzi di salame, io circa una decina di fette

2 fette di provola affumaticata

2 cucchiai di olio

1 spicchio di aglio

sale e pepe

semi di zucca

1 cucchiaio di latte

1 Lavate bene gli agretti, spuntate le radici, saltateli in padella con olio e aglio, se volete anche peperoncino, regolate di sale e pepe, cuocete per circa 15 minuti, fiamma media, probabilmente servirà aggiungere acqua. Lasciate intiepidire.

2 Srotolate la pasta sfoglia, tagliate a cubetti la provol.

3 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda, stendete gli ingredienti al centro sulla sfoglia alternandoli, io ho messo prima salame metà e metà formaggio, poi gli agretti e infine ancora salame e provola, chiudete bene i bordi sovrapponendoli.

4 Spennellate con il latte e i semi di zucca (potete usare anche un albume e semi di sesamo o altro), infornate per 30 minuti, lasciate intiepidire prima di servire.

Antipasti/ contorni/ Lievitati

Casatiello

Un classicone della cucina campana, ricco, profumato, corposo, direi sontuoso.

E’ la prima volta che lo preparo e sono davvero entusiasta e contenta, temevo alcuni passeggi, a cominciare dall’impasto, invece penso di essermela cavata, certo mi manca il giudizio di un vero intenditore della materia, mi accontento della famiglia che ha ampiamente promosso.

Una preparazione tipica del periodo pasquale, un contorno, piatto unico o antipasto che sulla tavola di Pasqua fa la sua bellissima figura, da solo, come pane o accompagnato da verdure, anche salumi e formaggi che perà sono già presenti all’interno.

La prima cosa che mi viene in mente quando lo penso è che si tratti di una ricetta conviviale, profuma di pic nic, ritrovi in famiglia, pranzi abbondanti con amici, relax, spensieratezza, prime giornate di sole, all’aperto, ispira allegria, chiacchiere, famiglia.

Preparatelo, è un consiglio molto molto sentito.

Ingredienti:

Per l’impasto:

  • 600 gr di farina manitoba 
  • 330 gr di acqua
  • 10 gr di lievito di birra fresco 
  • 140 gr di strutto morbido 
  • 10 gr di sale
  • 1 cucchiaio di pepe

Per il ripieno:

  • 120 gr di provolone dolce
  • 50 gr di caciocavallo (oppure scamorza)
  • 120 gr di salame tipo napoli 
  • 50 gr di pancetta dolce
  • 40 gr di pecorino
  • 1 cucchiaino di pepe nero macinato

Per completare:

  • 4  uova 
  • 1 tuorlo
  • 1 cucchiaio di latte

 

 1 Realizzate un pre impasto con 95 gr di farina (presa dal totale), 100 gr di acqua (presa dal totale) e il lievito. Con l’aiuto di una planetaria o delle fruste elettriche, mescolate gli ingredienti fino ad ottenere una crema liscia e priva di grumi,  coprite la ciotola con una pellicola e lasciate lievitare ad una temperatura di 26 °- 28°  fino al raddoppio. Occorreranno circa 30 – 40 minuti.

2 Versate nel pre impasto lievitato, la farina e l’acqua, fate qualche giro con la planetaria o impastatrice; oppure impastate a mano. L’impasto risulterà piuttosto compatto. Lasciate lavorare a velocità medio – alta fino a quando il composto non attacca più al cestello ma si aggrappa alla foglia (frusta K).

3 Aggiungete lo strutto morbido a temperatura ambiente poco alla volta.

4 Fate fare qualche giro all’impastatrice, prima velocità media poi alta e solo quando i primi pezzetti di strutto si sono assorbiti completamente, spegnete la macchina, rovesciate l’impasto prendetelo tra le mani, pirlate : portate l’eccesso di impasto verso il basso per ottenere una superficie liscia a forma di palla.

5 Riponete l’impasto in planetaria, inserite qualche altro pezzettino di strutto e ripetete l’operazione di incordatura e pirlatura fino a terminare lo strutto. Aggiungete il sale, lasciate lavorare finché non è completamente assorbito  e aggiungete il pepe, lasciate assorbire completamente all’impasto.

6 Sostituite la frusta k con quella ad uncino e completate la fase di incordatura  ad alta velocità, alternando pause in cui rovescerete l’impasto. L’impasto finale è pronto quando risulta ben incordato  e non si attacca alle pareti del cestello. (Ci vorranno dai 10 ai 20 minuti a seconda dello strumento che state utilizzando).

7 Formate una palla con il metodo spiegato sopra e ungete di strutto una ciotola piuttosto capiente, sigillate la ciotola con una pellicola e ponete il panetto a lievitare ad una temperatura di 26° – 28° lontano da correnti d’aria.  Lasciate lievitare per tre ore.

8 Rompete la lievitazione e rovesciate l’impasto direttamente su un piano di lavoro piuttosto ampio, con le dita delle mani allargate delicatamente gli estremi dell’impasto e  piegate a portafoglio: prima il lembo destro e sopra il lembo sinistro.

9 Togliete  un pezzetto di impasto  (circa 30 gr)  ponete da parte. Servirà per realizzare le strisce sulle uova.  Lasciate riposare l’impasto 30 minuti

10 Utilizzate   un matterello di legno piuttosto lungo e iniziate a stendere l’impasto piegato, molto delicatamente, allungandolo in avanti. Dovrete ottenere una sfoglia piuttosto lunga e larga circa 25 – 30 cm dello spessore di 1 cm.

11 Adagiate dapprima la metà del pecorino grattugiato su tutta la sfoglia, aggiungete salumi e formaggi scelti che avrete precedentemente tirato fuori dal frigo e tagliato a cubetti, cospargete di una generosa macinata di pepe, completate con il restante pecorino grattugiato.

12 Arrotolate,  non troppo stretto, partendo dalla parte larga, quella alla vostra destra, fino ad ottenere un salame/cilindro . Chiudete molto bene, chiusura  sul fondo.

13 Ungete con lo strutto una teglia forma ciambella, meglio stampo a cerniera. Adagiate il casatiello all’interno.

14 Stendete la pallina d’impasto messa da parte,  ad uno spesso di circa 4 mm circa e tagliate con un coltello affilato delle piccole strisce di 5-6 mm ciascuna. Calcolate 2 strisce per ogni uovo che intendete adagiare sul vostro lievitato.

15 Adagiate solo leggermente le uova nella ciambella, giusto per tenerle ferme,  formate una croce, con le strisce d’ impasto precedentemente realizzate. Procedete con l’ultima lievitazione,  temperatura di 26 ° – 28°  per circa 2 h – 2 h e mezzo fino a quando il vostro Casatiello non avrà raddoppiato il suo volume, appare bello gonfio.

16 Pennellate la superficie con tuorlo e latte a temperatura ambiente. Riscaldate il forno a 200° per poi abbassarlo a 180°  e cuocete  per circa 45′, forno statico e ponete il Casatiello nella parte medio – bassa del forno. Controllate di tanto in tanto la cottura ( non prima dei 30′ ) e fate sempre la prova stecchino prima di tirare fuori. Sfornate, lasciate raffreddare in teglia per almeno 1 h.

contorni/ Legumi

Burger di cicerchie pomodori secchi e olive

Le cicerchie sono troppo poco conosciute e sottovalutate ahimè.

Sono buonissime, si cucinano rapidamente, saziano, sono un prodotto sano, genuino, versatile.

L’idea di un burger non è originale ma un ottimo piatto unico, basta aggiungere qualche ingrediente e soprattutto un contorno di verdure, il pane ed ecco un pasto pronto, gustoso, sicuramente diverso dal solito.

Adoro i legumi, mi piacciono tutti e in tutte le salse, come crema, nelle zuppe, nelle minestre, come contorno, speziati, con la carne, il pesce, anche da soli con un filo d’olio.

Le cicerchie sono di Azienda Agricola Dolci Giuseppina, una garanzia, buon week end!

Ingredienti:

per tre burger da circa 8 cm l’uno

250 gr di cicerchie lessate

1 albume

5-6 pomodori secchi

2 cucchiai di olive verdi denocciolate

pangrattato q.b.

sale e pepe

1 Schiacciate le cicerchie fino a ottenere una crema. Se serve frullatele.

2 Scolate bene i pomodori e le olive, tagliateli a pezzetti piccoli.

3 Unite gli ingredienti, mescolate, regolate di sale e pepe, unite l’albume, amalgamate bene.

4 Unite poco alla volta un po’ di pangrattato, amalgamate, provate a formare una polpetta, se resta ben compatta va bene, se unite altro pangrattato, sempre poco alla volta. Il composto sarà pronto quando rimarrà ben compatto.

5 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda mettete un foglio di carta forno su una teglia, prendete un coppapasta, distribuite all’interno il composto, schiacciate bene per uniformare, altezza circa 1,5/2 cm ma se preferite anche più basso. Formate i tre burger sfilando il coppapasta delicatamente ogni volta se non avete il coppapasta formate i burger con le mani.

6 Infornate per circa venti minuti, nel mentre se volete mangiarli nel panino preparate gli ingredienti che volete utilizzare, gli ultimi due minuti scaldate il pane, sfornate i burger e componete il vostro panino.

contorni

Sofficini

La mia generazione conosce benissimo i sofficini, credo anche quelle dopo visto che al supermercato ne ho visti in quantità e versioni, probabilmente sono uno di quei piatti evergreen.

Io li adoravo, probabilmente perchè fritti e si sa che fritto è buono anche il tavolo, a ripensarci oggi sono buoni ma davvero niente di speciale, di fronte però all’opportunità di sperimentarli a casa non ho saputo resistere.

Sono immensamente curiosa, fosse per me sperimenterei ricette su ricette ogni giorno, soprattutto quelle che ho mangiato in passato, quelle che ritengo difficili (e magari non lo sono per niente), quelle che mi ricordano qualcuno o un periodo.

Dei sofficini ricordo bene che io e mia sorella volevamo sempre che uscisse il sorriso premendo come si vedeva nella pubblicità, non ci siamo mai riuscite che io ricordi, ovviamente ci ho provato anche stavolta e…non è uscito il sorriso.

Ricetta di Simona del blog Tavolartegusto, un nome una grandissima garanzia, la copio incollo perchè non ho cambiato nulla.

Ingredienti:

Quantità per 5 pezzi

Impasto sofficini:

  • una tazza di farina ’00 (oppure integrale, farina di farro o quella che preferite)
  • una tazza di acqua (la stessa che utilizzate per la farina, non è importante la dimensione o la forma)
  • 1 cucchiaio di olio extravergine o di semi (oppure burro pari quantità)
  • un pizzico di sale
  • 1 albume (per la panatura)
  • pan grattato (per la panatura)

Sofficini pomodoro e mozzarella:

  • 3 cucchiai di pomodori pelati, sale, 1 cucchiaino di olio, basilico fresco
  • 100 gr di mozzarella sgocciolata o formaggio a pasta filante

Sofficini agli spinaci:

  • 200 gr di spinaci lessati sgocciolati e con un pizzico di sale
  •  
  • 100 gr di mozzarella sgocciolata o formaggio a pasta filante

 

Prima di tutto, ponete in un pentolino l’acqua, il sale e l’olio.

Portate ad ebollizione. Quando si riempie di bollicine, aggiungete la farina in un sol colpo. Girate bene qualche secondo fino ad ottenere un impasto che quasi attacca alla pentola, compatto e morbido. Allontanate dal fuoco:

Trasferite l’impasto dei sofficini su un piano di lavoro e fate raffreddare, nel frattempo preparate il ripieno.

Affettate a dadini il formaggio o a striscioline il prosciutto cotto o salumi. Mescolate i pelati con olio e sale.

Staccate dall’impasto dei pezzi di impasto di circa 60 /70 gr e arrotolateli a palline. Quando si sono raffreddati stendete ogni palla con un mattarello, formando un disco di circa 10 – 12 cm.

Richiudete la mezzaluna e proseguite a farcire tutti i vostri sofficini fatti in casa!

Passateli prima nell’albume poi nel pan grattato.

Potete anche cuocerli in padella senza olio, 2 minuti per lato.

In padella, aggiungendo un filo d’olio extravergine, stesso tempo dei precedenti.

 

Antipasti/ contorni/ verdure

Frittelle di zucca e grano saraceno

Fritto uguale buono, penso sia una regola che tutti condividono, esiste qualcosa di fritto che non sia divino? Pure i carciofi, che io detesto, fritti sono abbordabili.

Queste sono frittelle molto semplici da preparare, dal sapore rustico, casereccio, gluten free, perfette per un aperitivo informale, come contorno, da fare in anticipo per pasti futuri.

Il sapore è particolare, si sente il dolce della zucca e la punta di amaretto ma soprattutto prevale il granuloso del grano saraceno, il parmigiano si avverte solo leggermente, credo non sia una ricetta che possa soddisfare chiunque.

Sono giornate molto pieno, con tantissime cose da fare, un trasloco in corso, lavori in casa con tutti i vari imprevisti, pasticci ecc…sono un po’ stanca ma tengo duro, queste frittelle le ho preparate in abbondanza per averle pronte in due tre occasioni in cui non ho tempo di cucinare.

Ingredienti:

200 gr di zucca lessata

120 gr di farina di grano saraceno

1 uovo

4 amaretti

50 gr di parmigiano grattugisto

noce moscata

1 cucchiaino di lievito disidratato

sale pepe

olio per friggere

1 Schiacciate bene la zucca, sbriciolate finemente gli amaretti e uniteli alla zucca.

2 Unite il parmigiano, amalgamate.

3 Unite la farina, la noce moscata, sale e pepe e infine l’uovo, amalgamate.

4 Provate a formare una polpetta, se non sta insieme unite poco pane grattugiato, riprovate, se necessario unite sempre poco pangrattato alla volta.

5 Mettete a scaldare abbondante olio di semi, nel mentre preparate delle palline grandi poco meno di una noce.

6 Friggetele lasciando cuocete prima tre minuti per lato, deve formarsi una crosticina poi girandolo delicatamente con una forchetta, sono cotte quando risultano uniformemente dorate, scolatele su un foglio di carta assorbente, gustatele subito e tiepide.

Antipasti/ colazioni salate/ contorni/ verdure

Pancakes cipolle speck e timo

Un secondo o contorno o colazione salata o semplice sfizio di una semplicità estrema, uso sempre la stessa ricetta che siano dolci o salati modificando gli ingredienti a seconda di quelli che desidero utilizzare.

Sono perfetti anche come pane, ben condito certo, un po’ più calorico altrettanto certo ma se li accompagnata a un’insalata o verdure perchè no, a me è capitato di prepararli per esempio, per una persona con problemi di denti, sono morbidi, soffici, l’ideale.

Signori (e signore) miei, siamo arrivati a fine gennaio, sembra ieri Natale, davvero per me è volato questo mese, si dice spesso che gennaio sembra infinito ma a me non pare proprio.

Ho sempre un milione di cose da fare di cui di solito ne faccio quando va bene la metà, le giornate sono piene e arrivo a sera ricordandomi la telefonate che non ho fatto, l’ingredienti che manca, l’appunto che dovevo prendere, il vestito da lavare ecc….

Queste mese mi è volato e con lui tutte le cose rimaste incomplete, chissà che recuperi nel fine settimana, intanto ho pensato a quali ricette preparare.

Buon fine settimana.

Ingredienti: 

per circa una decina di pancakes

200 gr di farina

1 uovo

100 gr di cipolle già cotte (lessate, al vapore, saltate)

230 ml di latte

70 gr di stick di speck

1 cucchiaino di lievito

timo a piacere

sale e pepe

burro per la padella

1 In una ciotola riunite la farina e il lievito.

2 Aggiungete il latte e l’uovo mescolando.

3 Saltate in una padella antiaderente lo speck, senza aggiungere olio, basteranno quattro -cinque minuti.

4 Unite al composto le cipolle, il timo e lo speck, amalgamate bene.

5 Ungete con il burro una padella antiaderente, quando è ben calda, due minuti circa, versate mezzo mestolo di composto, lasciate cuocere fino a che non compariranno in superficie delle bolle, aiutandovi con una spatola girate il pancake, lasciate cuocere ancora un minuto abbondante.

5 Procedete nello stesso modo fino al termine del composto.