Browsing Category

Creme

Creme/ DOLCI/ Uova

Uova con crema pasticcera

Idea pasquale che più facile non si può.

In oltre undici anni di blog forse è la prima volta che preparo una ricetta per Pasqua.

Ricetta che tale non si può chiamare anche perchè vista e rivista più volte.

Però diciamolo spesso anche le idee banali regalano soddisfazione soprattutto per il palato.

Con queste uova ripiene si fanno felici i bimbi e gli adulti che sicuro preferiscono la crema, gli ovetti sopra ripieni per me il pezzo forte.

Idea rapida anche per chi arriverà all’ultimo senza tempo o parenti amici invitati all’ultimo o come che il sabato di Pasqua lavoro fino alle 18.00.

Ovviamente potete sbizzarrirvi nel personalizzare aggiungendo panna, frutta secca pralinata, tartufi, croccante, altre creme dalla chantilly alla ganache ecc…

Buon week end.

 

Ingredienti:

1 uovo di pasqua io fondente ma come preferite

per la crema pasticcera trovate la ricetta qui, unica cosa invece che base 4 tuorli fate 6, aumentate di conseguenza gli altri ingredienti

1 stecca di cioccolato fondente

ovetti

1 Preparate le crema coma da istruzioni, una volta pronta dividetela in due parti uguali, in una aggiungete il cioccolato a quadretti, mescolate, dovete farlo subito quando è calda, fate raffreddare del tutto.

2 Aprite delicatamente in due l’uovo, farcita con trequarti della crema una metà, l’altra metà con l’altra crema.

3 Prendete una sach a poche beccuccio a stella o quello che preferite e decorate alternando i due colori formando dei ciuffi.

4 Infine aggiungete gli ovetti. Tenete in frigorifero, tirate fuori l’uova mezzora prima di gustarlo.

Creme

Crema vegan cioccolato e nocciole

Ennesima crema al cioccolato che provo.

Devo dire che ormai da anni quando ne trovo una voglio provarla.

Mi piace scoprire come un solo ingrediente possa cambiare il risultato.

Ho provato creme al cioccolato con panna, latte, sciroppo d’agave, burro di nocciole o mandorle, frutta secca frulla o in formato farina, con miele, vari tipi di zucchero ecc…

Questa buona ma forse poco dolce o comunque migliorabile.

Se amate un leggero retrogusto amarognolo è perfetta per voi.

Crema perfetta perchè si prepara in pochi istanti, si conserva a lungo, ottima idea regalo soprattutto per vegani.

Buona sul pane, panettone, pandoro, biscotti, fette biscottate ma anche per farcire una torta.

 

Ingredienti per un barattolo:

120 gr cioccolato fondente 75%

100 gr burro di nocciole (o altra frutta secca)

3 cucchiaini di sciroppo d’acero

1 Sciogliete il cioccolato a bagnomaria in un pentolino.

2 Aggiungete il burro di nocciole e lo sciroppo d’acero, fate fondere e amalgamare bene.

3 Trasferite in un vasetto di vetro, lasciate raffreddare del tutto.

NOTE il burro di nocciole o crema di nocciole si intende solo nocciole come unico ingrediente. Trovate pronto quello di Koro o anche al supermercato ci sono alcuni marchi.

Creme/ DOLCI

Torta pandoro e ricotta

In teoria dovrei dire che ho preparato questa torta per finire il pandoro di Natale.

Ecco no, l’ho comprato apposta.

Ora sono in offerta, a me piace molto, ne ho comprati un paio.

Torta semplicissima, non bella ma molto molto buona e facile da preparare.

Amo dare una veste diversa dal solito ad alcuni alimenti, ricette.

Se vi ricordate anche con la polenta vi ho detto che non la preparo praticamente mai classica con formaggio o carne per accompagnarla.

Qua la trovate in versione sandwich, in carrozza, spiedino, panino, fritta, stick, ecc…

Così il pandoro o altri cibi, niente di che, non mi sto vantando di fare qualcosa di originale o altro.

Semplicemente quando li vedo/penso, li immagino sempre in altra veste.

Provatela che è buona buona.

 

Ingredienti per una torta stampo 22-24:

pandoro anche già iniziato, ne serviranno circa 400 gr

400 gr ricotta

100 gr zucchero a velo

2 uova

100 gr cioccolato gianduia (avevo questo ma vanno bene gocce o altro cioccolato)

burro per lo stampo

latte per bagna

1 Imburrate molto bene uno stampo a cerniera.

2 Distribuite il pandoro formando la base e poi i bordi, cercate di farli alti uguali.

3 Con un pennello bagnate bene il pandoro con il latte circa un bicchiere.

4 In una ciotola mescolate bene la ricotta con lo zucchero.

5 Unite le uova, amalgamate.

6 Tritate grossolanamente il cioccolato, unitelo, mescolate.

7 Spalmate il composto sulla superficie livellandolo.

8 Coprite con briciole di pandoro la superficie, come se fosse un crumble.

9 Infornate a 180 gr per 20 minuti, sfornate, lasciate raffreddare del tutto.

Creme

Crema di nocciole e cioccolato bianco

Ci siamo, meno cinque giorni a Natale!

Ormai i giochi dovrebbero essere fatti: regali, menù, addobbi ecc..

Dico dovrebbero perchè sicuro c’è chi arriverà all’ultimo tipo maratona.

Io sono pronta, mi porto avanti in anticipo onde evitare stress, corse, frenesia.

Il menù è l’ultimo dei pensieri, a casa mia non esistono grandi tradizioni, piatti immancabili.

Forse la lasagna è l’unica portata che deve esserci, per il resto ogni anno si cambia o si improvvisa.

Questa crema con pandoro e panettone è una goduria ma ovviamente anche con il pane, sui biscotti, a cucchiaiate.

Anche da regalare è un bel pensiero goloso che si prepara in dieci minuti.

Penso di pubblicare ancora una ricetta prima di Natale ma non ne sono certa, nel dubbio BUON NATALE a tutti.

 

Ingredienti per un barattolo da circa 200 gr

200 gr cioccolato bianco

75 ml olio di semi

100 ml latte 

30 gr zucchero a velo

60 gr farina di nocciole

1 Prendete una casseruola a sponde alte, spezzettateci grossolanamente il cioccolato.

2 Unite la farina di nocciole e lo zucchero.

3 Accendete il fuoco fiamma medio bassa, iniziate a mescolare aggiungendo a filo il latte.

4 Terminato il latte unite l’olio, mescolate fino a far addensare.

5 Trasferite in un barattolo di vetro e fate raffreddare del tutto, si conserva in frigorifero per due settimane circa.

Creme

Pesto di avocado

Idea regalo per tutti, vegetariani, vegani, semplicissimo da realizzare.

Come utilizzarlo? Per condire la pasta, orzo, cous cous ecc….per l’avocado toast, bruschette, con le classiche nachos simil guacamole.

Potete utilizzarlo per farcire dei panni, piadine, in aggiunta a un’insalata, nel burrito, direi che sono molteplici le opzioni.

A me piace molto, lo trovo versatile e ottimo da tenere in casa, unica condizione (ovvia direi) avocado ben maturo.

Oggi a Milano è festa, il patrono, un sogno essere a casa, settimana molto ricca in città.

Due grosse fiere dell’artigiano, mercatini natalizi, prima della Scala, accensione dell’albero in piazza Duomo, insomma piatto ricco mi ci ficco.

Buon ponte a tutti, godetevi questi giorni di festa!

 

Ingredienti:

2 avocado maturi

3 pomodori secchi

succo mezzo limone

mezzo spicchio di aglio

un cucchiaio di noci

1 cucchiaio di olio evo

sale e pepe

1 Sbucciate gli avocado e metteteli nel mixer a pezzetti.

2 Tagliate grossolanamente i pomodori secchi metteteli nel mixer con l’aglio, le noci, il succo di limone, sale e pepe frullate fino a ottenere una crema omogenea.

 

Creme/ Patate/ Primi

Crema di patate, cavolfiore, latte di cocco e curry

In procinto di partire per il week end, vi lascio questa ricetta semplicissima di una crema speziata e saporita, confortevole e casereccia.

Inizia la stagione in cui praticamente si può frullare tutto insieme dando vita a zuppe, vellutate, minestre, creme sempre buone, spesso svuota frigo, finisci avanzi.

La mia è una di queste ricette dovendo finire il cavolfiore e il latte di cocco.

Sono di fretta per cui vi auguro buon week end.

 

Ingredienti per due persone:

mezzo cavolfiore lessato

3 patate medie lessate

250 ml di latte di cocco

50 ml di panna (io dovevo finirla, va bene anche latte o brodo volendo anche solo acqua)

curry

sale 

1 In una casseruola riunite le cimette di cavolfiore e le patate, spappolate grossolanamente.

2 Mettete sul fuoco con la panna, il latte di cocco, sale e curry, lasciate che si scaldi bene poi frullate con un minipimer, potete regolare la consistenza aggiungendo acqua/brodo, a me piace densa. Servite subito.

Creme/ DOLCI

Crema al cioccolato e castagne

Finalmente tempo di castagne, da raccogliere nei boschi e da gustare in tavole nelle infinite sfumature.

Questa crema perfetta per farcire una torta, sul pane, biscotti, nei momenti difficili con un cucchiaino.

Ottobre sei volato quanto io sono stravolta dai mille pensieri, dalle ore di sonno arretrate, dai km percorsi, da una situazione lavorativa al momento intensa, da speranze da coltivare.

Porto con me una escape room con amiche, un giro sui navigli dopo secoli, qualche bel libro letto, alcuni regali che mi sono fatta, una pizza attesa da settimane, risate di gusto inaspettate, tanti, forse troppi messaggi vocali, l’organizzazione di un week end in Piemonte, il ritorno da Palermo, il caldo tramutatosi in fresco in un giorno, un pranzo di famiglia a casa mia dopo anni, una nuova libreria, la percezione netta di calore umano, la fine di un capitolo che andava chiuso da tempo, un decisione di spicco.

Sei stato intenso ma anche bello!

Io che parlo con i mesi…

 

Ingredienti:

250 gr marroni lessati

150 gr zucchero

50 ml miele acacia

120 gr cioccolato fondente

100 ml olio di semi

30 gr burro

 

1 Mettete a fondere burro e cioccolato.

2 A parte mescolate insieme il miele e l’olio.

3 Frullate i marroni con lo zucchero.

4 Riunite tutto in una ciotola ed amalgamate, se fate fatica usate un mini pimer, distribuite in contenitori di vetro, si conserva in frigorifero un paio di settimane.

Creme/ DOLCI

Crostata con crema al sidro di mele

La crema al sidro di mele è stata una scoperta di qualche anno fa mai più lasciata.

Ammetto che non sono fra coloro per cui la torta di mele è il massimo, solitamente è un genere di torta adorata che molti descrivono come confortevole che profuma di casa, di infanzia ecc…

A me non entusiasma, ne esistono tanti generi e alcuni sono ottimi ma rispetto a moltissime altre torte per me vale poco, poi se si parla di conforto il cioccolato vince sempre.

Al sidro è un’altra cosa, ricorda le mele ma il sapore è diverso, se lo avete bevuto forse potete immaginare, in formato crema decisamente più godurioso.

A casa mia è andata a ruba, soprattutto mio papà il più goloso in assoluto l’ha molto gradita.

Se volete cambiare un po’, assaggiare qualcosa di diverso è la torta che fa per voi.

 

Ingredienti per uno stampo da 20 cm:

220 gr farina 00

80 gr zucchero

1 uovo+ 1 tuorlo

125 gr burro

per la crema:

4 uova

200 gr zucchero

120 gr burro

100 ml sidro di mele

1 mela per decorare

 

1 Preparate la frolla lavorando rapidamente insieme tutti gli ingredienti, a mano o in planetaria, importante che non restino tracce bianche di burro, formate un panetto rettangolare, riponete mezzora in frigorifero.

2 Per preparare la crema mettete tutti gli ingredienti insieme in una casseruola a sponde alta, fiamma media, mescolate sempre fino a che la crema non si addensa, trasferite in una ciotola e lasciate raffreddare del tutto, se la preparate la sera prima anche meglio.

3 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda imburrate uno stampo a cerniera, di silicone o quello che preferite, stendete la frolla direttamente con le mani o con il mattarello, pareggiate bene i bordi, versate la crema, livellate la superficie.

4 Sbucciate una mela, privatela del torsolo e tagliate a fette, disponetele a raggi partendo dall’esterno, infornate per circa mezzora, i bordi dovranno risultare dorati, lasciate raffreddare del tutto prima di gustarla.

Creme/ DOLCI

Crostatine curd di prugne e ganache

Ecco il dolcetto immancabile per il week end.

Goloso, sfizioso, piccolo (cioè sembra di mangiarne poco e si prende il bis…), cioccolatoso ma con la frutta che anche se non è vero induce a pensare che ci sia anche leggerezza.

Chi mi segue da anni sa che amo i curd di frutta, qua ne trovati tanti, il più celeberrimo al limone, all’arancia, alle fragole, uva spina, sidro di mele, nespolo, pesche, si può fare praticamente con ogni frutto.

Siamo arrivati in un battito di ciglia a settembre, devo dire non senza fatica, sono giornate intense ricche di pensieri da dipanare e qualche dubbio.

Anche se oggi lavoro cerco di godermi i piccoli istanti, una colazione con un’amica – oggi festeggiamo 30 anni di amicizia -, un libro che mi sta piacendo tantissimo, una luce che amo intervallata dalle nuvole, dormire ascoltando la pioggia, una pizza con amici.

Le gioie semplici, sempre le migliori.

Buon week end.

 

Ingredienti per 6 tortine:

per la frolla:

220 gr farina 

20 gr cacao amaro

125 gr burro freddo a pezzetti

1 uovo + 1 tuorlo

80 gr zucchero

per il curd:

8 prugne

200 gr zucchero

125 gr burro

4 uova 

per la ganache:

150 gr cioccolato fondente (72%)

100 ml panna fresca

 

1 Preparate anche il giorno prima (meglio) il curd sbucciando le prugne, eliminate il nocciole e tagliatele a pezzetti grossolani in una casseruola a sponde alte.

2 Unite lo zucchero, accendete il fuoco fiamma medio, portate a bollore, togliete un attimo dal fuoco per frullarle con il mini pimer, rimettete sul fuoco unite il burro a pezzetti, fate fondere del tutto poi togliendo dal fuoco unite rapidamente un uovo alla volta (se siete lenti si cuoce), amalgamate bene, rimettete a cuocere fino a che non si addensa, devono comparire le bolle, lasciate raffreddare del tutto in una ciotola.

3 Preparate la frolla lavorando insieme la farina e il cacao setacciati, lo zucchero, il burro, le uova, formate rapidamente a mano o con la planetaria un panetto compatto ed omogeneo, senza tracce di burro, riponete  mezzora in frigo.

4 Accendete il forno a 180 gradi mentre si scalda stendete anche con le mani la frolla negli stampini, io di silicone quindi senza imburrare, compattate bene i bordi, distribuite due cucchiai di curd per stampini, distribuite con un cucchiaio, cuocete per 30 minuti, spegnete e lasciate raffreddare del tutto.

5 Preparate la ganache sciogliendo a bagnomaria il cioccolato, quando è fuso unite la panna mescolate fino ad amalgamarla del tutto e ottenere una crema lucida.

6 Distribuite la ganache negli stampi, circa 2 cucchiai per stampino, lasciate rapprendere o in frigorifero per mezzora a temperatura ambiente per un’ora, decorate come volete con frutta fresca, secca, praline, meringhe ecc…

Creme/ DOLCI

Torta di crema cotta e pesche

Ricetta vista su una rivista che non mi ha convinta del tutto, la ricetta non la rivista.

E’ buona ma è enorme, ricca di ingredienti, molto calorica, troppa fecola, quando prendo spunto tendo a non cambiare troppo di mia iniziativa per non incorrere in rischi non previsti o prevedibili.

Avrei messo meno fecola e più zucchero, a voi lascio la ricetta identica di Cucina Moderna.

Domenica settembrina calda, forse troppo, io sommersa di cose da fare con una casa che mi guarda come dire ci sono anche io, prenditi cura di me! 

Io che mi volto dall’altra parte pur sapendo che dovrei sistemare un po’ ovunque, ammetto che oggi non mi sento in grande forma, non penso che farò nulla di che, diciamo domenica relax a casa.

Mi aspetta una settimana ricca di impegni e incombenze, relax e torta a pranzo e cena.

Buona domenica.

 

Ingredienti stampo 22-24 cm:

150 gr biscotti digestive (o simili)

70 gr burro fuso

200 gr fecola

140 gr zucchero

4 uova

mezzo litro di latte fresco

mezzo litro panna da cucina

una decina di amaretti

3 pesche mature

1 Preparate la base frullando i biscotti con il burro, distribuite il composto in uno stampo a cerniera imburrato, livellate bene la superficie riponete in frigorifero.

2 In una casseruola grande a sponde alte versate lo zucchero e il latte, fate scaldare poi unite la fecola setacciata e la panna, mescolate bene e fate cuocere per circa cinque minuti finchè non diventa crema. Lasciate raffreddare.

3 Unite un uovo alla volta amalgamando bene poi le pesche a pezzetti.

4 Accendete il forno a 170 gradi, mentre si scalda sbriciolate gli amaretti sulla base della torta poi unite la crema di pesche, cuocere per 1 ora, la consistenza al centro una volta raffreddata del tutto resterà leggermente molle/gelatinosa.

NOTE: meglio prepararla il giorno prima e farle trascorrere una notte in frigorifero. Ho decorato con della mandorle zuccherate che mi hanno regalato, potete lasciarla così o mettere delle pesche a fette o altro.