Browsing Category

DOLCI

Creme/ DOLCI

Torta alle mandole mele e crema all’amaretto

Una torta che mi è piaciuta tantissimo nella sua semplicità.

Sono sapori che amo, umida al punto giusto grazie alla presenza delle mele, quel retrogusto leggermente amaro dato dalla farina di mandorle, la bontà dell’amaretto (adoro l’amaretto di Saronno) e la note dolce del cioccolato bianco, insieme si sposano alla grande.

Perfetta a colazione, per merenda, se mettete la crema conservatela in frigorifero, considerate che la crema con il passare dei giorni perde consistenza, la torta invece dura tranquillamente quattro – cinque giorni….non a casa mia!

Pronti per le ricette natalizie? In realtà come ormai faccio da un paio d’anni, vi proporrò idee regalo a tema culinario dolci e salate, ricette semplice che potete replicare per fare un pensiero ad amici, colleghi, la portinaia ecc…giuro prometto idee alla portata di tutti!

Buon fine settimana!

 

Ingredienti:

per la torta:

160 gr farina di mandorle

80 gr farina 00

200 gr zucchero

2 mele

100 gr burro

4 uova

2 tuorli

8 gr lievito per dolci

per la crema:

250 ml latte

2 albumi

20 gr amido di mais

60 gr zucchero

1 cucchiaio liquore all’amaretto

50 gr cioccolato bianco

 

1 In una ciotola montate le uova e i tuorli con lo zucchero fino a che saranno raddoppiati.

2 Unite il burro fuso tiepido, mescolate bene.

3 Setacciate le due farine e il lievito, uniteli delicatamente al composto poco alla volta, amalgamate bene.

4 Unite le mele sbucciate e grattugiate o tagliate a fette sottili, mescolate.

5 Imburrate uno stampo a cerniera diametro 22 (vanno bene anche 18 o 24 cambierà l’altezza della dolce), scaldate il forno a 170 gradi, versate il composto livellate la superficie, infornate per circa 45 minuti.

6 Preparate la crema, in una casseruola a sponde medie radunate gli albumi, lo zucchero, l’amido e il liquore, mescolate con una frusta.

7 Versate sul composto il latte scaldato (potete non scaldarlo, la crema ci metterà di più ad addensarsi), mettete sul fuoco, fiamma bassa, mescolate fino a che la crema non si addenserà, spegnete e unite mescolando il cioccolato tritato grossolanamente.

8 una volta che la torta sarà fredda o tiepida spalmate con una spatola la crema.

DOLCI

Torta alla crema di cioccolato di Knam

Ed eccoci giunti all’ottavo compleanno di Lilli nel paese delle stoviglie.

Chi l’avrebbe mai detto? Tra l’altro fra pochi giorni su queste pagine si festeggia un altro piccolo grande traguardo, come si dice oggi stay tuned.

Ogni anno penso a cosa dire e fiumi di pensieri si accalcano nella mia mente, potrei davvero parlare per ore, raccontare tanti episodi, aneddoti, dinamiche di questi otto anni, luoghi, persone, ricette, insegnamenti, flop, grandi scoperte, immense soddisfazioni, cambiamenti ecc….

Quel che è certo è che non mi sono mai annoiata, mai, neppure per un istante, tante amiche blogger hanno mollato, chiuso il blog, diminuito le pubblicazioni, cambiato strada ecc…io non ho mai avuto un attimo di esitazione nonostante non sia una blogger con mille mila follower, offerte di lavoro.

Queste pagine sono parte di me, le sento mie al cento per cento, percepisco di esserne intrisa fino all’ultima punta dei capelli, non riesco a immaginarmi senza, pensare alle ricette, immaginarle nella mia testa, comprare e cercare ingredienti, sperimentare, sbagliare, gioire, gustarle, scrivere, fotografarle, impazzire dietro alla bellezza dell’ennesimo piatto o teiera, candela o fiori, runner o posate, è la prassi, la mia quotidianità.

Il mio pensiero più grande ovviamente va a voi che mi leggete, seguite con affetto, commentate, replicate le ricette, chiedete consigli, correggete gli errori, mi chiedete come sto, mostrate apprezzamento, grazie grazie grazie di cuore!!!!!

Festeggiamo insieme con una fetta di torta al cioccolato, una vera goduria, una crema che si scioglie in bocca, con questa conquisterete chiunque, la ricetta è del maestro Knam.

 

Ingredienti:

per la frolla:

250 gr burro morbido

250 gr zucchero

2 uova

4 gr sale

400 gr di farina

80 gr cacao amaro

per la ganache: 

300 gr cioccolato fondente 60%

250 ml panna fresca

per la crema pasticcera:

480 ml di latte

4 tuorli

150 gr zucchero

40 gr di fecola di patate

150 gr cioccolato fondente 

 

1 Preparate la frolla lavorando insieme burro e zucchero, usate le fruste elettrice o il gancio della planetaria, ottenuto un composto omogeneo unite rapidamente un uovo alla volta poi il sale, la farina e il cacao, amalgamate bene rapidamente. Formate un panetto, coprite con la pellicola, mettete in frigorifero un paio d’ore.

2 Preparate la crema pasticcera sbattendo i tuorli con lo zucchero in una casseruola a sponde alte, dovrete ottenere un composto chiaro areato, spumoso, unite velocemente la fecola setacciate, state attenti a non formare grumi, mettete sul fuoco, fiamma media, versate il latte e mescolate fino a che non si addensa, circa 8 minuti, nel mentre o prima tritate grossolanamente il cioccolato. Una volta pronta la crema spegnete, unite il cioccolato, mescolate fino a che non si sarà sciolto del tutto.

3 Preparate la ganache sciogliendo a bagnomaria il cioccolato, quando sarà praticamente sciolto unite la panna, mescolate delicatamente, dovrete ottenere una crema liscia, lucida, densa.

4 Imburrate uno stampo di 22 cm, dividete la pasta in due parti di cui una un po’ più grande, stendetela con il mattarello fra due fogli di carta forno, stendetela sulla teglia livellando bene i bordi. 

5 Mescolate insieme rapidamente con una frusta a mano le due creme, dovrete ottenere una crema omogenea, versatela nella tortiera, deve arrivare al bordo, non esagerate mettendone di più perchè poi sprofondano le strisce e rischia di strabordare.

6 Accendete il forno a 170 gradi, mentre si scalda create le strisce, sei, larghezza 2 cm, altezza 3 mm, devono incrociarsi come nella foto, tre da una parte, tre dall’altra. Infornate per 35-40 minuti, non di più. Lasciate riposare almeno 10-12 ore.

NOTE: la frolla che otterrete è di più, ho seguito la ricetta di knam e me ne è avanzata una porzione per una tortina più piccola o biscotti ecc… anche la crema ve ne avanzerà, in pratica viene una seconda tortina, se volete potete usare una tortiera diametro 26 e farne una grande, la cottura rimane uguale.

 

 

 

Dal mondo/ DOLCI

French toast pere e cioccolato

Ciao ottobre, in un batter di ciglia sei finito (o quasi) anche tu, un mese che mi è sempre piaciuto, per le foglie che cadono, i colori della natura che cambiano con sfumature splendide, l’aria che diventa frizzantina, le prime sciarpe, le castagne (quest’anno pessime), i primi stivali, la copertina sul divano, il te caldo, potrei continuare a lungo.

Ogni mese che termina ripenso a cosa mi ha regalato nel bene e nel male, questo ottobre mi ha portato a Bologna, bella città, ricca di movimento, persone, fermento, iniziative, i portici la vera meraviglia della città; mi ha regalato colazioni, cene, passeggiate con gli amici, due bellissimi libri di amiche da leggere e rileggere, qualche bel libro, la risoluzione di qualche problema che da mesi mi porto dietro, un’idea che mi frulla in testa, i primi pensieri, progetti natalizi.

E come sempre la colazione, toglietemi tutti i pasti della giornata ma non la colazione, rigorosamente con una mega tazza di te caldo, possibilmente in silenzio e con qualcosa di buono, anche se me lo concedo solo nel week end anche perchè non riesco ad avere ogni giorno in tavola pancakes, muffin, torte, biscotti ecc…magari!

Il french toast un vero lusso, mi annoia prepararlo ma penso a quando lo addenti….felicita!!!

 

Ingredienti:

8 fette di pane simil carrè senza crosta

2 mele

60 gr di cioccolato

2 uova

pangrattato q.b.

50 gr di burro

1 Sbucciate le mele, togliete il torsolo, tagliatele a fettine sottile.

2 Tritate il cioccolato grossolanamente.

3 Distribuite su un piano di lavoro 4 fette di pane, farcite con mele e cioccolato, coprite con le altre 4 fette di pane.

4 Fate sciogliere il burro in una padella antiaderente ampia, mentre si scioglie immergete il pane nelle uova sbattute, scolate il liquido in eccesso e impanate il toast nel pane, fate aderire bene il pangrattato al toast, controllate bene i bordi.

5 Immergete il toast nel burro che sfrigola, due alla volta, cuocete 3-4 minuti per lato, deve risultare ben dorato, scolate su un foglio di carta assorbente, cuocete le altre due fette, mangiate subito.

 

Creme/ DOLCI/ Uova

Crepes al cacao con crema di marroni

E’ arrivato il momento delle castagne! Che bello, finalmente, amo molto l’autunno e quindi anche le castagne.

Mi piacciono oltre che per il sapore per la loro versatilità, dal marron glaces alla  crema, caldarroste, la farina, con cui fare tagliatelle, lasagne, frittelle, pancakes, torte, il famoso castagnaccio, uno dei miei cavalli di battaglia è l’arrosto con le castagne, stanno benissimo infatti anche con la carne.

Insomma sempre buone e da proporre in molteplici varianti, quella di oggi semplice semplice, in pieno mood da fine settimana, colazione lenta, con frutta, panna, cannella, trovo che anche il momento in cui si farcisce la crepes sia bello, anche divertente se prepari varie farciture.

Vi auguro un felice fine settimana ricco di relax, risate, amici, famiglia, cultura, natura, quello che volete, io un mix di tutto!

 

Ingredienti:

4 uova

3 cucchiai di zucchero

300 ml di latte

200 gr di farina

50 gr di cacao

burro per le crepes

un barattolo di crema di marroni

panna montata per guarnire

1 Sbattete le uova con lo zucchero.

2 Unite il latte, mescolate.

3 Unite la farina e il cacao setacciati bene, poco alla volta. Riponete la pastella in frigorifero per mezzora.

4 Ungete una padella antiaderente con il burro, fate scaldare un paio di minuti, versate trequarti di mestolo, ruotate la padella per formare un cerchio, fate cuocere fino a che non vedrete comparire le bollicine, con una spatola delicatamente staccate la crepe e giratela, fate cuocere anche uno-due minuti.

5 Una volta a temperatura ambiente o tiepide farcite con la crema, la panna se volete.

 

Creme/ DOLCI

Torta al cioccolato bianco e frutti di bosco

Un dolce per il week end è d’obbligo! Specie in queste settimane pesanti, sto decisamente subendo il cambio di stagione, notti inquiete a litigare con zanzare recidive, mille cose da fare di cui a fine giornata ne ho fatte la metà o poco più.

Passerà, intanto pensiamo a questa crema di cioccolato bianco e panna montata, morbida e soffice da buttarsi.

Dolce semplice, a parte la frolla bastano pochi passaggi per assemblare due ingredienti e poi fiumi di frutti di bosco.

Peraltro è la prima volta che preparo questa crema, sicuro la rifarò, temevo fosse troppo dolce ma se non mettete tanto zucchero nella panna è buona, non amo i dolci troppo dolci.

Buon inizio di ottobre, castagne, zucca, foglie che cadono, colori che cambiano, i primi freddi, le copertine sul divano, felicita!!!

 

Ingredienti, torta diametro 22 (a me è avanzata un po’ di frolla)

per la frolla:

210 gr farina

30 gr cacao amaro

90 gr zucchero

125 gr burro freddo a pezzetti

1 uovo e 1 tuorlo

per la crema:

150 gr cioccolato bianco

200 ml panna fresca

1-2 cucchiai di zucchero a velo (va bene anche il classico)

200 gr di frutti di bosco, se volete anche meno o di più.

 

1 Per la frolla amalgamate velocemente insieme tutti gli ingredienti, formate un panetto rettangolare, riponete in frigorifero una mezzora.

2 Accendete il forno a 200 gradi, imburrate lo stampo, stendete la pasta altezza 5 mm, regolate bene i bordi, coprite con carta forno e versatevi sopra fagioli secchi. Cuocete per 13 minuti poi togliete i fagioli e cuocete altri 13 minuti, sfornate e prima di togliere dallo stampo lasciate raffreddare del tutto.

3 Sciogliete il cioccolato bianco, nel mentre montata a neve la panna con lo zucchero.

4 Con una spatola aggiungete delicatamente la panna al cioccolato incorporando dal basso verso l’altro, dovrete ottenere una crema omogena.

5 Distribuite la crema nella torta, livellate bene con una spatola, guarnite con i frutti di bosco lavati e asciugati. Riponete in frigorifero almeno due ore.

NOTE: per non rischiare che la frolla tolta i fagioli si abbassi, distribuitela nello stampo poi rimettete in frigorifero perchè si rassodi, anche un paio d’ore (io tutta notte), in questo caso accendete dopo il forno.

DOLCI

Semolino pistacchi e cioccolato

Un dolce che mi ricorda la mia nonna, semplice, genuino, profuma di casa, di buono.

L’ho sempre amato e trovo sia molto trascurato, sottovalutato, lo si associa spesso a una sorta di piatto per malati, per anziani data la sua consistenza morbida ma trovo sia un errore, enorme!

E’ un dolce versatile, buono solo con zucchero e latte ma per conferirgli più sapore si può aggiungere frutta secca, miele, cioccolato, uvette, frutta fresca, amaretti, sciroppi, panna, spezie ecc…

Per me decisamente un dolce confortevole, una certezza, specie in questi giorni in cui devo fare mille cose, le giornate non mi bastano, spesso neppure riesco a fare tutto e comunque arrivo a sera stravolta, a dire il vero inizio a sbadigliare senza sosta dopo pranzo.

Sarà il cambio di stagione, sarà la ripresa di tutto in contemporanea, sarà quel che sarà ma sono sempre molto assonnata, un dolce da tagliare a quadrotti pronti all’uso e’ quello che ci vuole! 

Semolino di farro di Azienda Agricola Dolci Giuseppina

Ingredienti:

per una teglia 25×20

150 gr di biscotti secchi tipo Digestive

80 gr burro fuso

500 ml latte

100 gr zucchero

150 gr semolino di farro

3 uova

80 gr di granella di pistacchi

100 gr pepite di cioccolato

 

1 Tritate finemente i biscotti, unite il burro, amalgamate

2 Coprite la teglia con la carta forno, distribuite i biscotti, schiacciate bene il forno alla stessa altezza.

3 In una casseruola a  sponde alte versate il latte e lo zucchero, fuoco a fiamma media.

4 Portate a bollore mescolando, lo zucchero deve sciogliersi, quando cominciano a comparire le prime bolle, versate lentamente il semolino mescolando sempre, proseguite fino a che il composto si addenserà. Utilizzate una frusta a mano per mescolare ed evitare che si formino grumi. Spegnete e fate intiepidire, mescolate ogni tanto per far raffreddare prima.

5 Unite un uomo alla volta mescolando energicamente.

6 Unite i pistacchi e il cioccolato, mescolate fino a ottenere un composto omogeneo.

7 Infornate a 200 gradi per 35-40 minuti, il composto dovrà risultare ben cotto, non molle, dorato ma non scuro, lasciate raffreddare e tagliate a quadrotti.

DOLCI

Muffin prugne e cioccolato

Un po’ cuore un po’ muffin, avevo infrattato chissà dove gli stampini dei muffin così ho utilizzato altri stampi al silicone.

Idea veloce, dolce ma non troppo, cioccolatosa ma non troppo, per la colazione, merenda, spezza fame.

Penso di averlo detto mille volte ma ricordarlo non fa male, amo moltissimo i muffin, forse sono una delle prime ricette che ho imparato a preparare attorno ai 15 -16 anni. Ricordo benissimo che quando ero ragazzina prima, all’università poi quando andavo via il  week end con amici ne cucinavo migliaia al cioccolato e cioccolato bianco.

Ovviamente finivano sempre, a quell’età la fame è tanta e il muffin con quella forma piccola e tondeggiante attira sempre. Bellissimi ricordi.

Buon fine settimana a tutti!

 

Ingredienti:

4 uova

130 ml di olio di semi

130 gr di zucchero

240 gr di farina

una bustina di lievito

3 prugne

150 gr di pepite di cioccolato

 

1 Sbattete le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.

2 Unite l’olio mescolate.

3 Unite la farina e il lievito setacciati, amalgamate bene.

4 Lavate le prugne, togliete il nocciolo, tagliatele grossolanamente a pezzetti e unitele al composto, unite il cioccolato.

5 Accendete il forno a 175 gradi, mentre si scalda imburrate gli stampini se necessario (io ho usato il silicone per cui niente burro), versate il composto per trequarti della capienza, infornate per 25-30 minuti, sfornate e lasciate raffreddare.

Creme/ DOLCI

Crostata di pesche e ganache al cioccolato

Ennesima idea nata in un modo diventata altro.

Avevo in mente tutt’altro, alla fine ho improvvisato, pure con qualche errore, evidente direi, vedi la ganache, si vede che la torta era in frigo, dovrebbe essere cremosa lucida non lo è, così come si vedono due ditate mie sul cioccolato. Amen va mangiata e soprattutto è buona, aspetto prioritario.

Pensare che a breve le pesche scompariranno mi mette tristezza, le amo molto, specie quelle dolci e succose, è tempo di fichi, uva, susine, prugne, buone eh ma vuoi mettere la frutta estiva? Non esiste neppure discuterne per me.

Non entrerò nell’annoso dibattito estate/inverno perchè chiunque mi legge da tempo sa cosa penso, l’inverno vince a mani basse! Inutile sottolineare che aspetto con ansia copertina, te’ caldo, calze, biscotti al cioccolato, magari un caminetto! 

 

Ingredienti:

teglia da 22 cm (vi avanzerà un po’ di frolla)

220 gr farina

125 gr burro freddo

1 uovo + 1 tuorlo

80 gr zucchero a velo

per la crema di pesce:

375 ml succo di pesca

80 ml di panna fresca

8 gr colla di pesce

2 cucchiai di zucchero

per la ganache:

150 gr cioccolato fondente

80 ml panna fresca

 

1 Preparate la frolla amalgamando insieme tutti gli ingredienti, il burro a pezzetti, formate un panetto, riponete in frigo.

2 In una ciotola con acqua fredda mettete in ammollo la colla di pesce, nel mentre in una casseruola versate il succo di pesca, la panna e lo zucchero, mescolate, portate a bollore lentamente.

3 Appena arriva a bollore, spegnete e aggiungete la colla di pesce, deve essere morbida, strizzata, mescolate bene, lasciate intiepidire.

4 Accendete il forno a 200 gradi, imburrate lo stampo, stendete la frolla, livellate bene i bordi, coprite con un foglio di carta forno sui cui versare dei fagioli secchi (o riso), distribuite bene, infornate per 13 minuti, dopo togliete la carta forno e cuocete altri 15 minuti, dovrà risultare dorata sui bordi. Sfornate e fate raffreddare.

5 Quando la torta sarà fredda e tolta dallo stampo versate la crema ormai a temperatura ambiente, dovete fare in modo che non si rapprenda, se la lasciate fuori nella casseruola non dovreste correre rischi, nel caso riscaldate leggermente a bagnomaria.

6 Una volta fredda versate la crema nella frolla riponete in frigorifero almeno due ore, è piccola dovrebbe bastare come tempo, se no controllate che non si muova, basta toccare la torta per capire se deve ancora stare in frigorifero.

7 Preparate la ganache sciogliendo a bagnomaria il cioccolato a pezzetti e la panna, dovrete ottenere una crema lucida. Lasciate raffreddare una mezzora e spalmatela con una spatola sulla torta. Prima di servire aspettare almeno una mezzora che la crema si rassodi.

Creme/ DOLCI

Crostata al lemon curd al basilico

Amore grande per il lemon curd, lo amo da sempre, ricordo da piccola che raramente in casa compariva un barattolo di una nota marca inglese (che non ricordo ma la vedo ancora al supermercato), era una festa.

Il momento in cui affondi il cucchiaino in quella crema densa di un giallo splendido, il  burro che si sente subito poi il retrogusto di limone, una droga.

Una droga che oggi vi propongo al basilico, qualcuno storcerà il baso, troverà l’abbinamento bizzarro, sui generis e quant’altro, per me (e da come è stata spazzolata direi anche per la famiglia) ottimo, mentre la prepari assaggiando non si sente molto ma una volta cotta e raffreddata si sente bene.

Idea di dolce freddo che non sia necessariamente cremoso tipo tiramisu, cheesecake, bicchiere con crema, panna, frutta e simili, se amate il binomio frolla/crema, il dolce per voi! Buona settimana.

 

Ingredienti:

per la frolla:

220 gr di farina

125 gr burro

1 uovo e 1 tuorlo

80 gr zucchero a velo

per il lemon curd:

4 uova

200 gr zucchero

125 gr burro

succo di 4 limoni

20 foglie grandi di basilico

 

1 Preparate la frolla amalgamando insieme tutti gli ingredienti velocemente, una volta ottenuta una pasta compatta, liscia, senza tracce di burro formate un panetto rettangolare e riponete in frigorifero.

2 In una casseruola  a bordi alti sbattete le uova con lo zucchero, aggiungete il succo di limone, il burro a pezzetti, le foglie di basilico lavate, asciugate, spezzettate, mettete sul fuoco, fiamma media, cuocete fino a che non si addensa, circa 7-8 minuti.

3 Imburrate uno stampo a cerniera, io 20 cm, stendete la frolla con le mani o con il mattarello, altezza 5mm, livellate bene i bordi perchè siano pari, versate la crema tiepida.

4 Infornate in forno caldo a 190 gradi per 35 minuti, sfornate, lasciate raffreddare del tutto poi mettete in frigorifero, se la fate il giorno prima meglio, decorate con il basilico prima di servire.

DOLCI

Peach pie

Amore grande per le pesche, se poi sono abbinate ad amaretti e cioccolato, amore grandissimo.

Una torta semplicissima che volevo fare da tempo, mistero perchè io abbia sempre rimandato, stavolta complice la presenza di molte pesche eccola qua, buonissima e piena di frutta.

Il genere trovo sia fantastico, che siano mele, fragole o qualsiasi altro tipo di frutta farcirci una frolla con poco altro è ottimale, semplice, economica, buona, sana.

La mia è diametro 18 ma l’impasto è per un diametro 22/24, con la frolla avanzata volevo farci dei biscotti, valutate voi la teglia migliore tenendo conto di quanto vi ho indicato, idem per le pesche, io ne ho messe 4 grandi, se usate una teglia 22/24 aggiungete almeno due pesche.

In montagna splende il sole dopo giorni di pioggia battente, corro a scaldarmi le ossa, buon week end e buone vacanze.

Ingredienti:

420 gr farina 00

250 gr burro

3 uova medie

150 gr di zucchero a velo

4 pesche noci grandi mature

100 gr di amaretti

100 gr di gocce di cioccolato

2 cucchiai di zucchero

burro per la teglia

1 Preparate la frolla amalgamando insieme la farina, il burro freddo a pezzetti, le uova e lo zucchero, velocemente otterrete una pasta compatta e liscia, formate un panetto rettangolare  e riponete in frigorifero.

2 Lavate le pesche, togliete il nocciolo e tagliatele a pezzetti.

3 In una padella antiaderente mettete le pesche e lo zucchero, mescolate e cuocete per 15 minuti a fuoco medio mescolando spesso, se necessario unite un filo d’acqua (solo se vi pare che si stiano attaccando).

4 Fate intiepidire le pesche poi unite le gocce e gli amaretti sbriciolati.

5 Accendete il forno a 200 gradi, dividete la frolla in due, imburrate uno stampo a cerniere, stendete metà frolla direttamente con le mani, versate il ripieno livellando la superficie, stendete con il mattarello parte dell’altra metà e stendetelo sulla torta, fate aderire bene i bordi. Infornate per 40 minuti circa. Deve risultare dorata. Lasciate raffreddare del tutto.