Browsing Category

Pesce

Lievitati/ Pesce/ verdure

Focaccia peperoni e acciughe

Ebbene si, ho scelto di farmi del male.

Le precedenti ricette a temperature calde ma non infernali, fresche, veloci, nella settimana più calda faccio la focaccia cioè accendo il forno.

Avevo deciso e non ho cambiato idea, pura follia ma sono sopravvissuta.

Peperoni e acciughe grande duo e fra i miei ingredienti preferiti in assoluto.

Impasto ne ho provato uno nuovo preso da una rivista che non cito perchè c’erano diversi errori che ho corretto andando a logica ed esperienza.

Spero che questo caldo non vi stia mettendo troppo alla prova, io sto reggendo, per ora solo ieri a tratti ho un pochino faticato, per il resto come si suol dire tengo botta.

Dai che siamo già oltre metà luglio, non sono una fan di questo periodo, punto dritto a fine settembre.

So che i più odieranno questa affermazione ma amen.

Buona giornata.

 

Ingredienti per una teglia rettangolare grande:

350 gr farina manitoba

200 gr farina 00

9 gr lievito di birra

350 ml acqua 

1 cucchiaio di miele

2 cucchiai di olio

sale

4 peperoni rossi (o come volete) grandi

una decina di filetti di acciughe

 

1 Primo consiglio arrostite i peperoni il giorno prima per evitare di tenere il forno acceso per ore. Per arrostirli li lavate, li tagliate a metà per il verso della lunghezza, eliminate le parti bianchi e i semi, disponeteli su una teglia con carta forno, infornate per 30-40 minuti a 200 gradi. Una volta pronta fateli raffreddare completamente prima di togliere la buccia.

2 Preparate l’impasto mettendo nella planetaria o in una ciotola capiente le farine, l’olio, il miele, il lievito sciolto nell’acqua, iniziate a lavorare a media velocità, quando si sarà formata una palla unite il sale, lavorate almeno una decina di minuti quando sarà ben incordato. A mano quando avrete un composto liscio compatto ed elastico.

3 Trasferite l’impasto in una ciotola capiente (se avete usato la planetaria), ungete la superficie, coprite con la pellicola per almeno 3-4 ore, deve raddoppiare. Con questo caldo vedrete che la lievitazione sarà molto rapida.

4 Ungete la teglia da forno, trasferite l’impasto, con i polpastrelli allargatelo verso i bordi, fatelo in tre riprese a distanza di dieci minuti l’una dall’altra, intanto continua a lievitare.

5 Mentre fate questo passaggio tagliate i peperoni a listarelle.

6 Una volta allargata la pasta, spennellate la pasta con una salamoia di olio, sale grosso e acqua (3 cucchiai di olio, 1 di acqua, sale, circa, potete andare ad occhio). Distribuite uniformemente i peperoni e le acciughe.

7 Infornate per circa 25-30 minuti, dovrà risultare croccante sui bordi e soffice al centro, bordi un pochino dorati, sfornate e lasciate riposare dieci minuti prima di gustarla.

 

Pesce/ Primi/ verdure

Strangozzi melanzane tonno uvetta e finocchietto

Rientrata alla base dopo due settimane di ferie. 

Due bellissime settimane, sono state vacanze molto stancanti, sempre in giro ma veramente belle, ricche, intense, colme di bellezza.

Ho rivisto posti che adoro e sono stata in tanti posti nuovi, sono finalmente andate in tre mete che puntavo da tempo, di cui una mi ha conquistata.

Ho ammirato la luna piena, ho respirato a pieni polmoni aria fresca, sono passata dalle grotte alle montagne, dal lago ai borghi medievali.

Ho mangiato benissimo, camminato tantissimo, guidato altrettanto, sono rimasta affascinata dai tramonti, dalla bellezza della natura, ho provato sconforto a L’Aquila (ancora fortemente danneggiata dal terremoto), serenità di fronte all’acqua.

Ora mi tocca un’estate a Milano, arriverò alla fine di agosto stremata ma ce la farò (faremo).

Piatto semplice dal profumo estivo, sapori decisi e contrasti eccellenti.

 

Ingredienti per due persone:

160 gr di strangozzi

mezza melanzana

100 gr tonno fresco

2 cucchiai di uvetta

1 spicchio di aglio

finocchietto a piacere

peperoncino

olio evo

sale

1 Lavate la melanzana, tagliate a cubetti medio – piccoli.

2 Mettete l’acqua per la pasta a bollire, nel mentre in una capiente padella antiaderente  verste due tre cucchiai di olio, mentre si scalda sbucciate l’aglio e tagliato a rondelle, unitelo all’olio insieme al peperoncino.

3 Dopo due tre minuti unite le melanzane, mescolate bene, regolate di sale, fate cuocere per qualche minuto, poi unite due cucchiai di acqua della pasta, coprite per circa quindici minuti.

4 Tagliate a tocchetti il tonno fresco, unitelo alle melanzane, insieme alle uvette e al finocchietto, mescolate, lasciate cuocere per una decina di minuti.

5 Scolate la pasta, fatela saltare nel condimento per un paio di minuti, servite.

 

Dal mondo/ frutta secca/ Pesce/ verdure

Bibimbap salmone mango fagiolini cetrioli avocado kimchi anacardi

Immagino che i più si staranno chiedendo ma cos’è questo Bibimbap?

Si tratta di un piatto di origine coreana dove il riso o un cereale viene mescolato con altri ingredienti.

Letteralmente bap vuol dire riso mescolato.

Con carne, uova, pesce, frutta secca, verdure, spezie, legumi, ecc…

Il mio un mix di ingredienti che avevo e alcuni comprati. Ovviamente le varianti sono infinite in base ai vostri gusti.

La salsa ammetto che non mi ha del tutto convinta e comunque dosatela bene perchè è piccante, si tratta di peperoncino fermentato che trovate nei supermercati grossi o negozi etnici, io Esselunga.

Per me questi piatti d’estate sono super promossi, comodi, piatto unico dove c’è un po’ di tutto, saziano, solo freddi, colorati e diversi dal solito.

Divertitevi a creare il vostro.

 

Ingredienti per due persone:

140 gr riso lessato

120 gr salmone affumicato

1 cetriolo

2 cucchiai di kimchi (anche quello preso all’Esselunga)

40 gr di anacardi

1 mango piccolo

50-60 gr fagiolini lessati

1 avocado piccolo

semi di sesamo

salsa gochujang

La ricetta consiste nel mettere insieme gli ingredienti, disponete sulla base dei piatti il riso poi alternate gli ingredienti in modo cromatico (per es. no due alimenti verdi vicini).

Le verdure potete tagliarle a listarelle, a bastoncino o a pezzetti, io il cetriolo con una mandolina, stessa cosa il mango a pezzetti o fette, idem l’avocado.

Antipasti/ contorni/ Legumi/ Patate/ Pesce

Polpette di patate ceci e tonno

Oggi sono molto di fretta per cui vi lascio subito la ricetta, devo cominciare un corso fra poco, non riesco a chiacchierare con voi. Buona giornata.

Ingredienti:

100 gr tonno sott’olio

200 gr patate lesse

100 gr ceci (i miei di Azienda Agricola Dolci Giuseppina)

1 cucchiaio di capperi

1 uovo

100 gr pangrattato

sale

origano

olio di semi per friggere

 

1 In una ciotola schiacciate le patate.

2 In un mixer frullate il tonno, i ceci, i capperi sgocciolati e l’origano.

3 Ottenuto un composto omogeneo unite le patate, l’uovo, se il composto risulta troppo morbido unite un cucchiaio di pangrattato, regolate di sale.

4 Formate delle polpette grandi come una noce, passatele nel restante pangrattato.

5 Friggere in abbondante olio di semi in una padella antiaderente, io non le ho fatte dorare troppo perchè avevo poco olio ma voi fatele più dorate e croccanti.

Pesce/ Primi

Zuppa di farro e pesce

Caro maggio quanta fatica! Caldo, freddo, grandine, vento, nuvole, togli il maglione, metti il maglione, porta l’ombrello, rimetti a posto l’ombrello e via dicendo.

Subisco tantissimo questo tempo ballerino, dormo non dico male ma neppure bene, ci sono già le zanzare, le giornate sembrano infinite, se mi appoggio potrei dormire ovunque, a tratti fatico a concentrarmi.

Mi consola l’arrivo di pesche, albicocche, melone, ciliegie, pomodori, cetrioli, fagiolini, zucchine, peperoni, melanzane ecc… i miei grandi amori, con poco preparo i pasti, cotture al minimo, tanti piatti freddi (oltretutto in questi giorni ha fatto caldo), sano, rapido, colorato.

Questo piatto nasce per caso, dopo ore e ore a immaginarmi ricette, in autobus, al lavoro, sul divano, mentre mi lavoro, ecco l’idea lampo, mi capita spesso di pensarci ore e poi decido in un secondo la ricetta che nasce all’improvviso.

Provatela, saporita, sana, piatto unico.

 

Ingredienti per due persone:

180 gr farro (Azienda Agricola Dolci Giuseppina)

100 ml passata di pomodoro

150 gr fra gamberi e cozze

1 spicchio di aglio

2 cucchiai di olio evo

sale 

peperoncino

acqua q.b.

 

1 Mentre cuocete il farro come da istruzioni, in un’ampia padella antiaderente versate l’olio mentre si scalda sbucciate l’aglio, tagliatelo a fettine, immergetelo nell’olio con il peperoncino.

2 Dopo un paio di minuti unite la passata di pomodoro, regolate di sale, coprite per 10-15 minuti.

3 Unite il pesce, mescolate, scolate il farro e unitelo, se occorre perchè un po’ asciutta unite un po’ di acqua, fate cuocere per circa una decina di minuti, servite. Decidete a piacere se far asciugare la zuppa o lasciarla più brodosa.

Lievitati/ Pesce

Sardenaira

Se come me amate i lievitati (tutti, croissant, focaccia, grissini, taralli, pan brioche ecc…), se come me amate alla follia aglio, acciughe, olive e capperi, questa è la ricetta che fa per voi.

Ne avevo sentito parlare spesso di questa Sardenaira ma non l’avevo mai assaggiata e tanto meno preparata, complice un libro di lievitati di Fulvio Marino che mi è stato regalato (spiegazioni chiarissime) ho voluto provare.

Che dire? Una vera squisitezza, amo molto questi sapori quindi non avevo dubbi ma le aspettative alte sono state ampiamente superate e udite udite la ricetta è decisamente semplice e non ne necessita di ore e ore di lievitazione.

Io non vedo l’ora di rifarla e credo dovrò approfittare di queste giornate ancora fredde perchè appena arriverà il caldo so che io e il forno ci guarderemo da lontano, raramente d’estate mangio piatti caldi, morale devo subito riprogrammarla!

 

Ingredienti:

500 gr farina 0 270 w (si trova al supermercato)

330 ml acqua

8 gr lievito di birra

25 gr olio evo

12 gr sale

300 gr passata di pomodoro

una decina di filetti di acciughe

20 gr capperi

6-7 spicchi di aglio interi

50 gr olive taggiasche

olio evo

 

1 Impastate la farina, il lievito e l’acqua in una ciotola capiente, una volta ottenuto l’impasto unite il sale e l’olio, amalgamate, quando avrete ottenuto un composto morbido e omogeneo trasferite in un’altra ciotola unta, coprite con pellicola trasparente, fate lievitare un’ora a temperatura ambiente.

2 Dividete la pasta in due parti, circa 400 gr, disponetele su due teglie rettangolari 20×30 unte, fate lievitare per mezzora a temperatura ambiente.

3 Dopo mezzora allargate con le dita la pasta distribuendola, fatelo in tre riprese a distanza dieci minuti l’una dall’altra, alla fine dovrete raggiungere i bordi della teglia.

4 Condite con la passata di pomodoro, l’aglio intero sparso qua e là, fate lievitare ancora 30 minuti.

5 Accendete il forno a 250 gradi, fate scaldare bene, almeno dieci minuti, infornate per 15 minuti, sfornate e aggiungete le acciughe come da foto, olive e capperi e un filo di olio, servite subito.

 

contorni/ Creme/ Legumi/ Pesce/ Uova/ verdure

Crepes cannellini asparagi gamberi

Adoro questi piatti componibili dove decidi al momento quanti asparagi mettere, se spalmare appena uno strato di hummus o abbondare, se mettere un avanzo di verdure, una salsa, una crema, pesce, carne, uova, ecc…

Le crepes del resto oltre a essere buonissime, sono ottime per questo, dolci o salate stanno bene con tutto, si conservano per giorni in frigorifero e si farciscono in un attimo.

Sono giorni intensi, pieni di pensieri (non brutti o gravi), spesso di notte mi sveglio e rimugino per ore nonostante il fisico implori il sonno e immaginate il giorno dopo la fatica.

A volte mi capitano questi periodi in cui alcuni pensieri mi accompagnano con costanza, anche se cerco di distrarmi, non dico diventino ossessioni ma devo fare uno sforzo importante per non pensarci. Per fortuna durano pochi giorni poi me ne libero.

Programmi per il fine settimana: riposo, riposo, riposo, riposo all’infinito, ho anche tanti libri da leggere e una serie tv che mi aspetta, voi che farete? Buon fine settimana.

 

Ingredienti:

per sei crepes circa

2 uova

30 gr burro + burro per padella antiaderente

125 gr farina di farro (la mia di Azienda Agricola Dolci Giuseppina, anche i cannellini)

250 ml latte (io vegetale ma è uguale)

sale

per l’hummus:

250 gr cannellini 

1 cucchiaio di tahina

succo di un limone

1 spicchio di aglio

olio evo

sale

 

1 mazzo piccolo di asparagi

una ventina circa di gamberi

1 Preparate le crepes facendo fondere il burro, lasciatelo intiepidire, in una ciotola capiente sbattete le uova con il sale, unite la farina poco alla volta e poi il latte e il burro a filo sempre mescolando con una frusta a mano, otterrete una pastella densa.

2 Passate una noce di burro in una padella antiaderente, fate scaldare qualche minuto, versate poco più della metà di un mestolo, fate ruotare la pastella nella padella, lasciate cuocere due tre minuti finchè con una spatola non riuscite a staccare bene i bordi e girarla, al centro devono comparire come delle bolle, girate per ancora un paio di minuti, le crepes devono risultare dorate, continuate nello stesso modo fino al termine della pastelle, mettete su un piatto con carta assorbente o da forno.

3 Preparate l’hummus mettendo in un mixer i cannellini, l’aglio sbucciato e tagliato a pezzetti, la tahina, il succo di limone e il sale, iniziate a frullare unendo a filo l’olio, dovrete ottenere una crema mediamente densa omogenea.

4 Lessate gli asparagi lavati e spuntati del gambo finale,  per 10 minuti in acqua bollente, scolate e lasciate intiepidire.

5 Componete le crepes, spalamando prima un cucchiaio di hummus, disponete poi 4-5 asparagi e infne i gamberi, se volete anche dei semi di sesamo (io li avevo da finire), se occorre regolate di sale.

Legumi/ Pesce/ Primi

Linguine fave piselli sgombro

Linguine amore mio, uno dei formati di pasta che preferisco, condita con praticamente con tutto.

Il tutto in questo caso è un mix di stagione con fave e piselli, lo sgombro è un avanzo.

Primavera che solitamente mi piace ma quest’anno mi fa arrancare, ho sempre sonno, un minuto fa caldo, quello dopo fa caldo, metti la coperta, togli la coperta, apri la finestra, chiudi la finestra, sole, vento, temporale, ecc….

Banalità che mi stanno un po’ stremando.

Sabato lavorativo per cui scappo, buon fine settimana.

 

Ingredienti per due persone:

160 gr linguine

80 gr piselli freschi

60 gr fave fresche

125 gr sgombro

olio evo

sale e pepe

1 Mettete a bollire l’acqua per le linguine, in una padella antiaderente versate due tre cucchiai di olio, fate scaldare un paio di minuti poi unite le fave e i piselli sgusciati e lavati, unite il sale, mescolate e fate cuocere per circa 20 minuti, mescolando ogni tanto, se occorre unite un pochino di acqua.

2 Buttate in acqua le linguine, unite lo sgombro e il pepe al condimento, mescolate, lasciate insaporire per dieci minuti, scolate le linguine e condite bene, mangiate subito.

 

Pesce/ Primi/ verdure

Orecchiette asparagi e vongole

Io sono in vacanza per una settimana, spero anche voi siate riusciti a godervi qualche giorno di riposo, magari lontano da casa, a volte ci vuole, nel mio caso una settimana mi pare un sogno.

Settimana in cui continuo ad avere spesso sonno, primavera terribile quella che stiamo vivendo, non riesco a superare lo stato di sonnolenza in cui mi ritrovo spesso durante la giornata.

Visto lo stato di assopimento che mi avvolge anche le ricette sono semplici, veloci, non ho tanta voglia di stare in cucina, sporcare di ogni, pulire, ecc…opto per la massima resa con il minimo sforzo.

Queste orecchiette piatto semplicissimo che potete variare all’infinito, sia la verdura che il pesce, se poi la verdura la cuocete il giorno prima, dieci minuti e vi mettete a tavola.

Buona giornata.

 

Ingredienti per due persone:

200 gr orecchiette

1 mazzo di asparagi verdi

400 gr vongole

olio evo

1 spicchio di aglio

peperoncino

sale 

1 Lessate gli asparagi in acqua bollente, quando bolle salate e cuocete 12-15 minuti, scolate e lasciate raffreddare.

2 Mettete a bollire l’acqua per la pasta, intanto scaldate un’ampia padella antiaderente, dopo un paio di minuti mettete le vongole, coprite, fiamma medio/alta, aspettata circa 5 minuti fino a quando i gusci si sono schiusi, spegnete, metà le tenete intere, metà sgusciatele, tenete il liquido di cottura.

3 In una padella scaldate 2-3 cucchiai di olio, l’aglio intero, a fettine o tritato, peperoncino, unite le teste degli asparagi (i gambi teneteli per un flan, una crema, o da mangiare con uova, o semplice olio e sale), mescolate.

4 Cuocete le orecchiette, intanto unite le vongole, sia quelle sgusciate che le altre, mescolate e lasciate insaporire per 5 minuti.

5 Scolate le orecchiette, unitele al condimento, mescolate un paio di minuti a fiamma viva, se occorre unite un po’ di liquido delle vongole, deve esserci un po’ di liquido, servite subito.

Antipasti/ contorni/ Pesce/ verdure

Fritelle di puntarelle e acciughe

Ebbene si, dopo oltre mille ricette ecco la mia prima con le puntarelle.

Una di quelle verdure che si le mangio ma…non mi fa sognare, dipende da come sono preparate.

Stavolta ero certa che mi sarebbero piaciute perchè esiste per caso qualcosa che fritto non sia eccellente? Dubito!

Per me super promosse, ideali per un aperitivo informale, da portare a un pic nic, cena in terrazza anche a pranzo al lavoro, non risultano particolarmente unte e anche a temperatura ambiente sono ottime.

Questa primavera si sta rivelando in salita, ho sempre sonno pur dormendo, durante la giornata spesso arranco, mi sento stanca, questi sbalzi di temperatura non aiutano, il mio rimedio è sempre lo stesso, divano e libro.

Dovrei fare tante cose ma quando gli occhi mi si chiudono mi concedo mezzora di pausa, lavorando su turni posso farlo sia la mattina che il pomeriggio, dopo mi sembra di essere più tonica.

Voi come state affrontando questa primavera? Buona giornata.

 

Ingredienti per circa 12-13 frittelle (dipende dalla dimensione dei cucchiai)

100 gr puntarelle pulite e a listarelle (le trovate al super pronte)

2 uova

170 gr farina di ceci (Azienda Agricola Dolci Giuseppina)

100 ml acqua

5-6 filetti di acciughe

olio per friggere 

sale 

 

1 Sbattete le uova con l’acqua fino a formare un liquido omogeneo (senza tracce di uova)

2 Unite poco alla volta la farina aiutandovi con una frusta, dovrete ottenere una pastella omogenea.

3 Unite le puntarelle e le acciughe tagliate a pezzetti grossolanamente, regolate di sale e amalgamate. Otterrete un composto denso.

4 Dopo un riposo di 15 minuti, riempite di abbondante olio di semi una padella antiaderente, fate scaldare qualche minuto poi immergete un cucchiaio di medie dimensioni di composto, distanziate i cucchiai, fate cuocere qualche minuto fino a che non si sarà formata una crosticina compatta e dorata poi girate sull’altro lato. Proseguite ugualmente fino al termine degli ingredienti.

Scolate le frittelle su un foglio di carta assorbente, servite calde o tiepide.