Browsing Category

verdure

Antipasti/ Pesce/ verdure

Cestini di asparagi e tonno

Antipasto finger food per il week end in arrivo.

Idea semplice che seppur non perfetta fa la sua scena.

Ma soprattutto sono buonissimi, pensavo mi sarebbero piaciuti ma non così tanto.

Fra primo contorno secondo e mille antipastini non ho dubbi: scelgo i secondi.

Mi piace curiosare, guardare come sono disposti, inutile dire che sono esteticamente più belli rispetto a guardare un arrosto.

Mi piace vedere i colori, le forme, le consistenze, adoro le alzatine per creare più piani.

Una tavolata di antipasti fa sempre tanta scena e si sa nei matrimoni, cene ecc….viene presa d’assalto!

Segnatevi questa idea semplice e di stagione.

Buon fine settimana.

 

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia rotonda

1 mazzetto di asparagi

100 gr di tartare di tonno fresco

200 gr di formaggio spalmabile

2 cucchiai di parmigiano

sale e pepe

una noce scarsa di burro

1 Formate i cestini srotolando la pasta sfoglia, con un bicchiere formate i cerchi, io avevo 12 stampini e mi è avanzata la pasta.

2 Ungete con il burro gli stampini poi adagiate la pasta facendola aderire bene ai bordi.

3 Accendete il forno a 200 gradi mentre si scalda disponete un foglietto piccolo di carta forno in ogni stampino, sopra adagiate un cucchiaio raso di fagioli secchi, riso (la cottura in bianco).

4 Cuocete per 20-25 minuti, sfornate e fate raffreddare del tutto prima di eliminare carta forno e fagioli.

5 Lessate 15 minuti gli asparagi in acqua bollente eliminando la parte di gambo più dura (soprattutto se sono grossi), scolate, lasciate raffreddare.

6 In un mixer frullate gli asparagi e i formaggi, regolate di sale, dovrete ottenere una crema.

7 Inserite la crema in una sach a poche e poi nei cestini, beccuccio a piacere.

8 Infine aggiungete il tonno e il pepe.

Legumi/ verdure

Crema di zucca e lenticchie speziate

Ultima zucca dell’anno!

Ebbene si, sta finendo il periodo dei broccoli, cavolfiori, zucca, porri ecc…

In arrivo, già da settimane a dire il vero, taccole, piselli, fave, agretti, asparagi.

Ma soprattutto manca poco e finalmente gusteremo la verdura migliore dell’anno, quella estiva.

Tanto per me dalla primavera si potrebbe passare direttamente all’autunno, quanto amo le verdure dei mesi estivi.

Ultima zucca e forse anche ultima zuppa date le temperature folli di questi giorni.

Se amate le spezie il piatto che fa per voi, profumato, avvolgente, saporito ma anche delicato.

Questa primavera mi sta letteralmente uccidendo, ho sempre sonno, tutto mi costa una gran fatica.

Spero passi in fretta perchè arrivare a sera è veramente faticoso.

Vi auguro buona giornata e buone dormite.

 

Ingredienti per 4 persone:

250 gr lenticchie (le mie di Azienda Agricola Dolci Giuseppina)

800 gr zucca

1 cipolla

1 peperoncino

1 cucchiaino coriandolo

1 cucchiaino curcuma

1 cucchiaino paprika

2 spicchi di aglio

400 ml passata pomodoro

200 gr formaggio di capra

60 gr noci (io ho messo nocciole ma stanno meglio le noci)

olio evo

1 Affettate la cipolla sbucciate grossolanamente.

2 Prendete una casseruola grande a sponde alte versate due tre cucchiai di olio.

3 Fate scaldare due minuti e unite la cipolla, fate rosolare mescolate 5 minuti.

4 Aggiungete l’aglio e le spezie, mescolate per qualche minuto.

5 Unite la zucca tagliata a cubetti, le lenticchie, la passata di pomodoro, regolate di sale, mescolate bene, a fiamma medio/bassa fate cuocere per 40 minuti. Se necessario aggiungete un po’acqua durante la cottura.

6 Assaggiate, impiattate e in ogni piatto mettete del formaggio di capra, mescolate e aggiungete le noci sbriciolate.

 

Antipasti/ Pesce/ verdure

Crostini di polenta puntarelle e acciughe

Ricetta improvvisata….più o meno come sempre.

Ho comprato della polenta bianca, difficile da reperire per cui ho colto l’occasione, a fette.

Non volevo farci il solito sugo da polenta, funghi o formaggio o ragù, cinghiale ecc…

Ho visto in frigorifero le puntarelle ed ecco nata la ricetta.

Chiamarla ricetta è anche troppo direi, si tratta di assemblare gli ingredienti.

Semplice, veloce, economica, sana.

Le puntarelle per me sono una di quelle verdure che mi piacciono si e no, dipende da come sono condite/accompagnate.

Ci sono un tot di verdure che compro per diversificare, non mangiare sempre le stesse, le puntarelle una di queste verdure.

Il retrogusto amarognolo non mi conquista ma con il dolce della polenta e il sapido delle acciughe che notoriamente amo, direi che sono un antipasto o contorno niente male.

Vi auguro buon week end.

 

Ingredienti per due persone:

10 fette di polenta, altezza fetta 5 mm

200 gr puntarelle

5-6 filetti di acciughe

olio evo

sale e pepe

1 Tagliate a fette la polenta, disponetela su una teglia da forno coperta di carta forno.

2 Scaldate il forno a 200 gradi nel mente condite insieme le puntarelle, le acciughe a pezzetti, sale pepe e olio un paio di cucchiai

3 Spennellate con dell’olio le fette di polenta, cuocete dieci minuti poi passatele sotto il grill altri 3-4 minuti, devono dorarsi.

4 Sfornate e mettete sopra ogni fetta un abbondante cucchiaio di puntarelle, servite.

Primi/ verdure

Mini lasagne agretti e piselli

Pasqua alle porte, mentre sul Natale sono preparata, Pasqua molto meno.

Sarà che a casa mia non esiste un menù della tradizione, che spesso siamo tutti in posti diversi, diciamo improvviso.

Fra pastiere, casatielli, tortani, colombe, uova e quelle di cioccolato, coniglietti ecc….vi propongo una ricetta ideale per la giornata fuori porta di pasquetta.

Ovviamente va bene sempre ma se – tempo permettendo – farete un pic nic, giornata all’aperto, gita fuori porta, ecco il primo comodo da portarsi dietro.

Piselli e agretti sono di stagione, se siete bravi/e preparate voi la pasta fresca e la besciamella altrimenti trovate tutto pronto e vi godete questi giorni.

A me la mini mono porzione piace sempre, la trovo carina, pratica, dose giusta, se poi si vuole decorare il piatto è più semplice.

Mini ma con licenza di bis….ovviamente.

A Milano diluvia e sembra che la gita fuori porta la faremo il prossimo anno, spero a voi vada meglio.

 

Ingredienti:

per la pasta fresca clicca qui, questa una dose abbondante, se siete in due o tre fate la metà

200 gr piselli

un mazzo di agretti

200 ml besciamella

120 gr parmigiano

sale e pepe

1 Lavate molto bene gli agretti, cuoceteli insieme ai piselli freschi o surgelati in una padella con acqua, se volete potete usare olio, coprite e lasciate cuocere a fiamma media per 20 minuti, a metà cottura controllate.

2 Preparate tutti gli ingredienti: la pasta fresca che potete tagliare dandole forma tonda in base allo stampino con un cerchio grande e uno piccolo.

3 Le verdure, la besciamella, il formaggio, sale e pepe, dovete avere tutto a portate di mano.

4 Riempite gli stampini mettendo un primo strato di pasta, poi un cucchiaio di verdure, mezzo di besciamella e un cucchiaino di parmigiano, sale, altro strato di pasta, stesso procedimento.

5 Scaldate il forno a 200 gradi, ultimo strato discetto di pasta e io ho messo la besciamella avanzata, infornate per 30 minuti circa, sfornate e aspettate dieci minuti prima di gustare e sfornare.

NOTE: le dosi sono indicative, potete mettere meno besciamella e più parmigiano o altri formaggi, più verdure come altre verdure (porri, zucchine, carciofi ecc…), volendo anche pezzetti di uova o speck, salame, ecc….

Primi/ verdure

Strangozzi broccolo romanesco pomodori secchi

Mentre leggerete queste righe io sarò a Porto in Portogallo.

Al mio ritorno vi racconterò, non ci sono mai stata.

Andrò anche a Lisbona dove invece sono già stata e mi è piaciuta molto.

Finalmente una vacanza, sono mesi che non esco dalla città.

E udite udite cinque anni che non vado all’estero.

Io che per anni, tanti anni, sono stata all’estero Europa e mondo, due volte l’anno almeno.

Poi è arrivato il covid, per un paio d’anni abbondanti non è capitato, dal 2022 ho girato tanto ma sempre in Italia.

Aspettavo da tempo questa vacanza e intendo godermela tutta.

Vi lascio un’idea semplice per un primo con una verdura che non si mangia ne cita spesso.

Ricetta davvero molto semplice.

Buona giornata.

 

Ingredienti per due persone:

180 gr strangozzi o altra pasta

1 broccolo romanesco

1 spicchio di aglio

2 cucchiai di olio

3 di parmigiano grattugiato 

4-5 noci

5-6 pomodori secchi

sale e pepe

1 Preparate la pasta come al solito, nella stessa acqua cuocete il broccolo tagliato a cimette.

2 Quando bolle estraete le cimette mettetele nel bicchiere del mini pimer con gli altri ingredienti, frullate tutto fino a ottenere una crema, se volete tenete da parte un paio di pomodori.

3 Condite la pasta aggiungendo i due pomodori a pezzetti.

NOTE: come per tutti i pesti potete dosare le quantità a piacere, meno aglio o non metterlo, altra frutta secca, più o meno parmigiano, meno oglio e come liquido acqua di cottura.

Dal mondo/ DOLCI/ verdure

Muffin carote viola e cioccolato

Muffin amore mio.

Da sempre e per sempre.

Un dolce a cui sono particolarmente affezionata, il primo che ho imparato a fare.

Ogni volta che andavo da amici a sedici anni portavo i muffin.

Quando all’università si  andava via il week end preparavo i muffin.

Se dovevo portare un pensiero a qualcuno ecco i muffin.

Negli anni ne ho preparati centinaia.

Di mille tipi: cioccolato e derivati, frutta, salati, frutta secca, abbinamenti classici e sui generis.

Mi piace tutto di loro, la grandezza perfetta per una merenda, da portarsi al lavoro, da mettere in borsa senza sporcare.

Un dolcetto non troppo grande ma neppure troppo piccolo, semplice, veloce da fare, economico.

Insomma ne sono innamorata!

 

Ingredienti:

250 gr carote

250 gr farina tipo 00

100 ml di latte

2 uova

80 gr burro 

200 gr zucchero semolato

60 gr farina di mandorle

60 gr gocce di cioccolato fondente

1 bustina di lievito vanigliato

un pizzico di sale

1 Pelate le carote, tagliatele a pezzi e frullatele.

2 Radunate in una ciotola la due farine, lo zucchero, il lievito e il sale, mescolate.

3 Sciogliete il burro, mescolatelo con il latte e le uova fino a ottenere un composto omogeneo.

4 Unite gli ingredienti liquidi ai secchi, amalgamate bene.

5 Unite le carote e le gocce, amalgamate.

6 Accendete il forno a 180 gradi mentre si scalda riempite per trequarti i pirottini, infornate per circa 25 minuti. Lasciate raffreddare.

 

contorni/ Dal mondo/ Uova/ verdure

Okonomiyaki

Continua il mio viaggio alla scoperta dei sapori asiatici.

In questo caso giapponesi, sapori che spero prima o poi di assaggiare in loco.

Si tratta di una sorta di frittata che potete personalizzare come preferite.

Potete utilizzare porri, cipollotti, zucchine, cavolo cappuccio, verza, spinaci.

Così come aggiungere gamberi, gamberetti, pancetta, dadini di prosciutto ecc…

Confesso di averlo preparato sabato e aver già voglia di replicare.

Amo questi sapori, questo mix di verdure e la maionese al wasabi con cui li ho accompagnati.

Io ho scelto di farne tanti piccoli come fosse pancake ma spesso li trovate in un’unica frittata grande.

Piccoli mi pareva più comodo, un tot li ho surgelati e anche nei piatti sono più belli da vedere, specie se li mangiati in compagnia.

I prossimi, a breve, con altre verdure, non vedo l’ora.

 

Ingredienti per 8 singoli, se fate una grande frittata per 4 persone:

200 gr cavolo viola

2 carote

6 cipollotti

farina q.b.

acqua q.b.

2 uova

1 cucchiaio salsa di soia

sale 

olio di semi

maionese (io wasabi ma va bene una qualsiasi)

1 Affettate a listarelle sottili il cavolo,

2 Sbucciate le carote  e fatele  a julienne.

3 Pulite il cipollotto e affettatelo a rondelle fini.

4 Riunite le verdure in una ciotola.

5 In un’altra ciotola preparate una pastella verdanso 130/150 gr di farina, acqua poco alla volta sbattendo con una frusta a mano/elettrica.

6 La pastella dovrà essere mediamente densa per cui regolatevi mentre mescolate, dovrà ricoprire bene le verdure.

7 Versatela sulle verdure, mescolate molto bene, aggiungete le uova e la salsa di soia, amalgamate e regolate di sale.

8 Prendete un’ampia padella antiaderente versate 5-6 cucchiai di olio, date scaldare poi distanziati formate dei mucchietti schiacciati, circa 2 cucchiai a frittatina.

9 Fate cuocere 7-8 minuti, girate aiutandovi con una spatola, se vedete che è ancora molle aspettate ancora qualche istante, deve risultare compatto con crosticina.

10 Cuocete dall’altro lato per circa 6 minuti, distribuite nei piatti con sopra la maionese.

 

Antipasti/ contorni/ frutta secca/ verdure

Insalata di indivia pere parmigiano senape

Idea molto semplice ma gustosa, specie se come me l’indivia non vi entusiasma.

Sono sempre a caccia di ricette per mangiare una maggiore varietà di verdure possibili.

Molte non mi entusiasmano da sole, devo trovare il giusto abbinamento per mangiarle.

Vedi cavolfiore, indivia, cavolo, verza ecc…

Da sole giammai, non ce la faccio, hanno un sapore che non mi piace.

Questa insalata con il dolce della senape al miele, il croccante delle noci, il sapido del parmigiano, la delicatezza delle pere l’ho amata.

Gennaio è stato un mese ricco, un po’ faticoso, un po’ in attesa per via di una questione lavorativa andata a buon fine.

Febbraio si cambia marcia, come orari, ritmi, ambiente e prassi lavorative ma non solo.

Sistemata la questione lavoro (aspettavo da giugno) ci sono due tre cose su cui voglio concentrarmi.

Mi sembrano tante e conoscendomi non riuscirò a fare tutto bene ma iniziamo.

E’ un periodo in cui ho tante idee e progetti che vorrei realizzare, speriamo di farcela!

Buona giornata.

 

Per 4 persone:

4 cespi di indivia belga

2 pere mature

100 gr di parmigiano (pezzo non grattugiato)

70 gr di noci

4 cucchiai di senape (io al miele della Maille)

3 cucchiai di olio evo

sale e pepe

1 Lavate l’indivia tagliatela a listarelle in verticale, disponetela direttamente in 4 piatti.

2 Con una mandolina create le scaglie di parmigiano disponendole su ogni piatto.

3 Stessa cosa per le noci tritate grossolanamente.

4 Tagliate le pere a metà, tagliatele a metà nel senso verticale, disponetele su ogni piatto.

5 Mescolate in un bicchiere/ciotola la senape con l’olio, distribuite su ogni piatto, regolate di sale e pepe.

Dal mondo/ Legumi/ Patate/ verdure

Zuppa di patate dolci spinaci ceci

Ho trovato questa ricetta su un libro che mi è capitato per caso fra le mani.

Si chiama Comfort un ricettario informale di Guido Tommasi che fa sempre libri pazzeschi.

Ve lo consiglio caldamente.

Ho amato subito tutti gli ingredienti e detto fatto l’ho preparata.

Per me davvero eccezionale, equilibrata, speziata il giusto, dolce/salata, profumata.

In questo periodo sono fissata con le ricette orientali, asiatiche, sto comprando ingredienti necessari per poi mettere in pratica.

Bao e dim sum sono in pole position.

Vediamo cosa riesco a combinare.

Buona giornata.

 

Ingredienti per due persone (abbondante):

mezza cipolla bionda

un pezzetto di zenzero fresco

un peperoncino fresco (dieci cm circa)

2 cucchiai di olio evo

1 cucchiaino di curry

600 gr patate dolci

200 ml latte di cocco

400 gr ceci (i miei di Azienda Agricola Dolci Giuseppina)

200 gr spinacino

brodo vegetale

sale

1 Preparate mezzo litro di brodo vegetale con sedano, carote e cipolla o dado o preparati.

2 In una casseruola a sponde alte versate l’olio, la cipolla tritata finemente, il peperoncino a rondelle, lo zenzero grattugiato, mescolate, cuocete per 5 minuti.

3 Sbucciate le patate e tagliatele a cubetti, unitele al soffritto, mescolate.

4 Unite il latte di cocco, curry e sale, mescolate e versate del brodo coprendo le patate, cuocete per 20 minuti coperto.

5 Unite i ceci, cuocete altri 15 minuti, se serve unite del brodo, deve essere una zuppa densa non asciutta e non liquida.

6 Unite gli spinacini poco alla volta facendoli appassire, spegnete, fate riposare 5 minuti e servite.

Legumi/ Primi/ verdure

Minestra di lenticchie cavolo nero e castagne

Il cavolo nero non è che sia propriamente fra le verdure che amo, diciamo che trovo il modo di mangiarlo con altro per variare un po’.

Da solo non penso proprio lo mangerei. Ben venga una minestra ideale soprattutto quando torno dal lavoro alle 20 e la fame chiama, voglio di cucinare poca e ora fa anche freddino.

Ancora qualche ricetta e poi mi dedico al Natale, con i regali sono a ottimo punto, direi praticamente finiti, sul resto zero.

Di solito di questi tempi fremo per fare l’albero, ora ho la casa che è piena di scatoloni, cose in giro, lo spazio dove mettere l’albero è impraticabile.

Dubito a breve riuscirò, salvo uno grosso sforzo, a liberarlo, confido nel week end.

Non sono pronta ma di fatto ci siamo, direi che un mese prima si può ufficialmente cominciare a pensare a regali, pranzi, addobbi, lucine, ghirlande ecc….amo tutto ciò.

Voi come siete messi? Buona giornata.

 

Ingredienti per due persone:

150 gr lenticchie (le mie di Azienda Agricola Dolci Giuseppina)

3 cucchiaio di soffritto pronto sedano carote cipolla

100/150 gr cavolo nero

2 cucchiai di castagne già cotte

3 cucchiai di olio evo

sale e pepe

Peperoncino e/o erbe aromatiche facoltativi come il parmigiano o pancetta ecc…

1 In una casseruola ampia e a bordi alti versate l’olio, fiamma media, fate scaldare un paio di minuti, unite il soffritto, fate cuocere per cinque minuti mescolando ogni tanto.

2 Tagliate a listarelle il cavolo nero, lavatelo bene, idem le lenticchie.

3 Unite il cavolo nero al soffritto, regolate di sale e pepe, lasciate insaporire cinque minuti poi unite le lenticchie.

4 Unite due tre bicchieri di acqua calda o brodo, mescolate, fate cuocere per mezz’ora.

5 Dopo mezz’ora unite le castagne e fate cuocere altri 15 minuti, spegnete, fate riposare 10 minuti e servite.