Browsing Tag:

Cereali

DOLCI

Crostata al semolino di farro e cioccolato

torta al semolino di farro e cioccolato

Il semolino mi ricorda la mia nonna paterna, lo preparava spesso, semplice con pinoli e uvette (che io non amo e da bambina scartavo, oggi sopporto) o con il cioccolato quindi scuro.

Ricordo i gesti, quando mescolava il latte caldo sul fuoco, quando versava poco alla volta il semolino mescolando rapidamente con una frusta a mano perchè non si formassero grumi, il composto che si addensava, il cioccolato che si scioglieva e regala un buon profumino.

Ricordo la corsa fra me e i miei fratelli per pulire la pentola una volta travasato il semolino in un altro contenitore per farlo raffreddare, dover attendere diverse ore per poterlo gustare, a me a dire il vero piaceva anche caldo ma lei non me lo lasciava mangiare, al massimo mi concedeva una cucchiaiata.

Bellissimi ricordi di una nonna speciale!

Un dolce semplice, casereccio, pochi ingredienti confortevoli, latte, zucchero, uova, un dolce semplice da preparare, perfetto a merenda, colazione ma anche tagliato a quadrotti per ogni momento della giornata.

Per me è stata la prima volta con una frolla al farro e con semolino al farro, prodotti dell’ Azienda Agricola Dolci Giuseppina, ho cercato a lungo ricette che mi piacessero, che unissero il croccante al cremoso, questa mi ha totalmente soddisfatta, corposa, ricca, preparata con prodotti ottimi. Provatela.

 

torta di semolino di farro e cioccolato

Ingredienti per una tortiera da 26 cm:

per la frolla:
– 200 gr farina di farro
– 90 gr burro freddo
– 90 gr zucchero a velo
– 1 uovo

per la crema al semolino:
– 100 gr semolino
– 400 ml latte intero
– 100 ml panna fresca
– 100 gr ricotta
– 100 gr di cioccolato fondente
– 1 uovo
– 7 cucchiai di zucchero

 

torta al semolino di farro e cioccolato

 

1 Preparate la frolla lavorando la farina, lo zucchero, l’uovo e il burro, in pochi minuti otterrete una pasta compatta, riponete in frigorifero a riposare.

2 In una casseruola a bordi alti mettete a bollire il latte, appena compariranno le prime bolle versate a pioggia il semolino, mescolate rapidamente e in modo costante con una frusta a mano in modo che non si formino grumi.

3 Aggiungete il cioccolato a quadretti, mescolate, vedrete che si scioglierà.  Aggiungete la panna. Lasciate intiepidire.

4 Una volta raffreddato unite l’uovo, la ricotta, lo zucchero, amalgamate.

5 Accendete il forno a 180 gradi, imburrate la tortiere, stendete la pasta con le mani o con un mattarello, pareggiate bene i bordi, versate la crema, infornate per un’ora, prima di spegnere il forno muovete delicatamente la tortiera, se l’interno è ancora molla (che sembra muoversi tipo gelatina), cuocete ancora qualche minuto.  Sfornate, lasciate raffreddare, se volete aggiungete della panna montata.

 

torta con semolino di farro e cioccolato

Primi

Sformatini di riso guanciale e pecorino

sformatini di riso guanciale e pecorino

Altra ricetta facile e veloce, in questo periodo per non uscire di continuo o supplire all’assenza di prodotti che mancano ci si arrangia, avevo una fetta di guanciale e un avanzo di pecorino, non volevo fare la pasta ed ecco che ho pensato al riso che ammetto di utilizzare poco.

Sono piatti alla portata di quasi tutti, niente di originale o particolare ma in questo momento ho scelto di proporvi ricette facili ed economiche un po’ per aiutare le mie amiche e come loro penso tanti altri, poco avvezze alla cucina, a ciò aggiungo che pure io mi sto industriando con quello che ho perchè nei super mancano tante cose, infine penso sia  meglio risparmiare visto che non sappiamo bene cosa ci attende, quanto meno io.

Introducete senza problemi altri ingredienti o sostituiteli con altri salumi o formaggi, con un mix se dovete finirne più di uno, potete farlo al pomodoro o con il burro, con le verdure, ecc….

Spero di aiutare qualcuno a casa che non ha idee o non ama trascorrere tempo in cucina.

 

sformatini di riso guanciale e pecorino

 

Ingredienti:

per due persone

160 gr di riso

40 gr di guanciale in fetta

40 gr di pecorino

1 uovo

sale e pepe

burro per stampini

1 Lessate il riso, scolatelo e mettetelo in una ciotola.

2 Mettete sul fuoco una padella antiaderente, mentre si scalda un paio di minuti tagliate la fetta di guanciale a cubetti.

3 Nella ciotola versate il pecorino, l’uovo e il guanciale, regolate di sale e pepe, amalgamate.

4 Accendente il forno a 190 gradi, mentre si scalda imburrate gli stampini o una pirofila, distribuite il composto livellando bene la superficie, infornate per circa trenta minuti, servite caldi o tiepidi.

 

Primi

Mini sformatini di riso speck e radicchio tardivo

sformatini di riso con speck e radicchio tardivo

Ricette semplicissime ma che in questo mini formato fanno la loro scena, il piccolo, il mono porzione invoglia, piace, forse si immagina di mangiare meno e a volte è anche vero, salvo il bis e il tris….

Piatto semplice che nasce dall’esigenza di finire una fetta di speck e un radicchio che urlava “mangiami”, naturalmente potete variare all’infinito gli ingredienti con verdure, carne, pesce, formaggi, salumi, ecc…

Cucino poco il riso, mi piace ma spesso mi scordo di averlo, non sono brava a fare i risotti e il brodo non lo preparo mai perchè non sono un amante ne’del brodo ne’del bollito, li mangio ma preferisco altro, più facile che lo prepari in veste orientale con pollo al curry o qualcosa di analogo, raramente sformati, timballo, vorrei provare gli arancini/e.

Sono una da pasta, mangio tutti i primi, mi piacciono molto, più dei secondi, pasta soprattutto normale, inteso come non ripiena, farcita o all’uovo, mi piace eh sia chiaro ma per me un piatto di spaghetti, rigatoni, linguine, maccheroni, ecc…..è il meglio.

Mi sta venendo una fame…..

Ingredienti:

200 gr di riso

1 cespo di radicchio tardivo

100 gr di speck

2 uova

80 gr di parmigiano grattugiato

sale e pepe

burro per gli stampini

 

mini sformatini di riso radicchio tardivo e speck

 

1 Lessate il riso.

2 Lavate il radicchio, tagliatelo a listarelle, cuocete per una decina di minuti, io solo con aggiunta di acqua, se volete cuocetelo in due cucchiai di olio.

3 Cuocete in una padella antiaderente ben calda lo speck, non aggiungete olio, deve risultare croccante, circa 6 minuti di cottura (potete utilizzare la padella del radicchio trasferendo quest’ultimo in un piatto).

4 In una ciotola riunite il riso, il radicchio e lo speck, mescolate poi unite due uova e il parmigiano, amalgamate, regolate di sale e pepe.

5 Accendente il forno a 200 gradi, mentre si scalda imburrate gli stampini per bene, trasferite il composto negli stampi, infornate per circa 30 minuti, sfornate e lasciate riposare dieci minuti, sfornate delicatamente aiutandovi con la punta di un coltello a lama tonda, servite.

DOLCI

Salame al cioccolato e riso soffiato

salame al cioccolato e riso soffiato

Il dolce che tutti amano e il più facile al mondo da preparare. Credo sia a prova di tutti imbranati, scettici, chi ha poco tempo, poco da spendere, poca voglia di faticare, è veramente difficile non riuscire a realizzare il salame al cioccolato.

Oltre alla versione classica di cui in realtà esistono svariate versioni, a me è capitato spesso di prepararlo con quel che avevo o in base ai miei gusti, quindi speziato alla cannella o con un mix di spezie, alla ricotta, con biscotti o frutta secca, con pezzetti di cioccolato invece che solo cacao, versione vegana, senza lattosio ecc…

Questo nasce dall’esigenza di finire del riso soffiato che stazionava da tempo in dispensa, già scaduto (non succede niente, anche dopo mesi, se lo utilizzate), c’è anche un po’ di farro soffiato, giusto un cucchiaio.

Per me è un dolce salva vita, nel senso che se avete fretta o amici dei figli a merenda all’improvviso, avete voglia di dolce ma zero intenzione di mettervi a cucinare, è l’ideale, potete metterci quel che volete, si rassoda già in un’oretta, dura a lungo (ma quando mai….), è buono, insomma perfetto!

 

salame al cioccolato al riso soffiato

 

Ingredienti:

120 gr di zucchero

125 di riso soffiato

1 uovo

30 gr di burro

200 gr di cioccolato fondente

zucchero a velo

 

salame al cioccolato con riso soffiato

 

1 Sciogliete a bagnomaria il cioccolato e il burro.

2 Sbattete l’uovo con lo zucchero e unite al composto di cioccolato, mescolate.

3 Unite il riso soffiato, amalgamate.

4 Lasciate riposare una ventina di minuti in cui si andrà rassodandosi, se preferite mettete in frigorifero per una mezzora.

5 Prendete dell’alluminio o carta forno, stendete il composto dandogli la forma di salame, chiudete ai bordi (come se fosse una caramella), riponete in frigo almeno un paio d’ora.

6 Togliete dal frigorifero, spolverate di zucchero a velo, tagliate a fette. Conservate in frigo per una settimana.

 

contorni/ verdure

Peperoni ripieni con riso e pollo

Peperoni con pollo e riso

Amore puro per i peperoni da sempre, lo confesso li mangio anche in inverno, so che non è stagione, so che non sono ottimi ma che devo dirvi, li adoro. In tutte le salse, sott’olio con tanto aglio, alla griglia, ripieni, crudi in insalata, nei piatti orientali, sotto forma di pesto o salsa, insomma peperoni addicted.

Una versione non originale, diciamo più una svuota frigo, termina avanzi, riso poco poco, qualche oliva, quattro o cinque pomodori secchi e una fetta di pollo, un mix come mille altri per farcirli, per me il ripieno migliore, che mi ricorda l’infanzia è con il tonno.

Ultima settimana di agosto, che bello! Oggi sembra essere tornato il caldo rispetto a ieri, assolutamente sopportabile, non vedo l’ora di dire primo settembre, un mese che al contrario di agosto mi piace, con un clima di solito più mite, pieno di desideri, aspettative, buoni propositi, idee, progetti, il ritorno a scuola, l’inizio dei corsi, il lento avvicinarsi dell’autunno.

Buona giornata.

peperoni con riso e pollo

Ingredienti:

due peperoni rossi grandi

120 gr di riso

5 pomodori secchi

1 fetta di pollo circa 100 gr

2 cucchiai di olive

olio evo

sale e pepe

peperoni ripieni con riso e pollo

1 Lavate i peperoni, tagliateli a metà nel senso della lunghezza, privateli dell’interno, accendete il forno a 200 gradi, lasciate che si scaldi poi infornate una teglia coperta di carta forno con i quattro peperoni rivolti verso l’alto (non dalla parte della pelle), cuocete per venti minuti.

2 Nel mentre lessate il riso, in una padella antiaderente cuocete la fetta di pollo tagliata a pezzetti, quando è quasi pronta unite le olive, i pomodori spezzettati, regolate di sale e pepe, se vi pare che si stia per attaccare aggiungete un filo d’olio, lasciate insaporire e amalgamare per circa 5 minuti, spegnete.

3 Unite il riso al pollo, mescolate, con un cucchiaio farcite i peperoni, lasciate cuocere altri venti/venticinque minuti, sfornate, servite caldi o tiepidi.

 

peperoni farciti con riso e pollo

Pesce/ verdure

Pomodori con riso melanzane e sgombro

pomodori con riso melanzane e sgombro

Rullo di tamburiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii   questa è la riccetta numero 600!

Mamma mia sono tantissime, se ci penso non so neanche come ho fatto, ovviamente non ne ricordo manco la metà, sono un numero importante, ricordi, sbagli, grandi soddisfazioni, classiconi, esperimenti, ricerca, lampi di genio, flop pazzeschi.

Ogni ricetta un ricordo, di un profumo, di un pomeriggio, di un sapore, di una cena, di un colore, di un libro, di un ingredienti, di una musica, di stampi nuovi, di ricette di famiglia, di cucina simil campo di battaglia, di ore e ore di forno acceso, di piatti flash, di colazioni lente, succulentte, caserecce, di torte divise fra tanti.

Di fritto che resta nell’aria giorni, di tovagliette colorate, di stoviglie che non so più dove mettere, di regali culinari utilizzati ad hoc, di ricette piene di errori, di set improvvisati, di elettrodomestici che si rompono, di cassetti pieni di oggetti da cucina, di libri che si sporcano con farina, cioccolato, di fumo sui fornelli.

Potrei proseguire ore! Grazie a tutti coloro che passano sempre a trovarmi, che lasciano un saluto, che provano una ricetta, che mi regalano un commento, grazie davvero di cuore.

La ricetta è di Veronica del blog Dolci Aromonie, passate a trovarla che ci sono tante tante belle ricettine, alcune me lo sono adocchiate per rifarle quanto prima, buona giornata.

pomodori con riso sgombro e melanzane

Ingredienti:

4 pomodori tondi lisci grandi

100 gr di riso

3 fette di melanzana

120 gr di sgombro

olio evo

basilico

sale

 

pomodori ripieni con riso melanzane e sgombro

 

1 Lessate il riso e lasciatelo raffreddare.

2 Tagliate le fette di melanzana a tocchetti, prendete una padella antiaderente, aggiungete l’olio, dopo qualche istante aggiungete la verdura, unite lo sgombro, lasciate cuocere mescolando di tanto in tanto e regolando di sale per circa 15 minuti, lasciate intiepidire.

3 Unite il riso al condimento, mescolate.

4 Lavate i pomodori, togliete la calotta superiore, svuotateli dalla polpa, riempiteli con il riso, aggiungete il basilico, servite freddi o tiepidi.

Dal mondo/ Pesce

Bowl avocado salmone e zucchine

bowl con avocado salmone e zucchine

Piatti di gran moda da qualche tempo, non delle insalate ma ciotole con tre quattro o più ingredienti non da mescolare ma da lasciare rigorosamente separati, anzi, l’aspetto fondamentale è proprio la presentazione, giocare sul cromatismo dei colori, sulla forma, sul taglio.

Rispetto al contenuto spazio alla libertà, fantasia a gogo, cereali, verdure, avocado, semi, inizialmente sono nati come piatti vegani e vegetariani ora pollo e pesce compaiono spesso, in realtà si possono preparare un po’ con tutto.

Non so bene come mi sia venuta in mente questa ricetta, volevo utilizzare salmone o gamberi e avocado e davanti a me si è materializzata l’immagine di queste belle e buone ciotolone.

Venerdì, ultimo di luglio, un altro mese quasi finito, devo dire, immagino non raccoglierò consensi, che non vedo l’ora sia settembre! Buon fine settimana.

riso con avocado salmone e zucchine

Ingredienti:

per due persone

160 gr di riso

1 avocado maturo

1 zucchina

100 gr di salmone

olio

sale

riso con salmone zucchine e avocado

1 Lessate il riso e lasciatelo raffreddare.

2 Lavate la zucchina, togliete le estremità, tagliatela a rondelle poi saltate in due cucchiai di olio per circa dieci minuti, deve restare croccante, meglio tagliarla abbastanza sottile.

3 Pulite l’avocado e tagliatelo a fette nel senso della lunghezza.

4 Tagliate il salmone come per la tartare, a pezzettini piccoli, c’è anche già pronto volendo.

5 Componete il piatto mettendo il riso sulla superficie come base poi disponete le fette di avocado, il salmone e le zucchine, condite con olio e sale, se volete anche con salse, limone ecc….

Primi

Orzo con pesto rosso e feta

Ricetta sprint perfetta per questi giorni in cui il caldo è arrivato e subito si è fatto sentire, anche se oggi -speriamo- dovrebbe piovere e scendere la temperatura, so già cosa penseranno tanti di questa mia affermazione…

Poco da dire su una ricetta così, è quel mix che potete creare in infiniti modi con i cereali come base e poi carne, pesce, verdure, formaggio, salumi, pesto, salse, creme, frutta, è una delle cose belle dell’estate poter realizzare questi piatti veloci, economici, con quel che hai cruto o cotto, avanzo, fresco, piatto unico che sazia, è buono e anche sano.

Ridendo e scherzando anche giugno piano piano sta finendo, ieri è iniziata ufficialmente l’estate ma soprattutto -aiuto- oggi comincia ufficialmente il countdown al mio compleanno, non che la cosa mi sconvolga o sia degna di nota ma quest’anno si tratta di una cifra importante e gli amici non stanno mancando di rimarcarlo il più possibile.

Vi saprò dire cosa accadrà, intanto vi auguro buon week end!

 

 

Ingredienti:

per due persone

180 gr di orzo (mio cottura 15 minuti)

10 circa pomodori secchi

50 gr di parmigiano

1 spicchio di aglio

un mazzetto di basilico

olio evo q.b.

50 gr di feta

sale

 

 

1 Mettete a cuocere l’orzo come da istruzione, scolatelo e fatelo raffreddare.

2 Preparate nel mixer il pesto con tutti gli ingredienti a parte la feta, dovete regolarvi su come lo preferite, del tutto frullato o con pezzetti di pomodoro secco, denso, cremoso, aggiungete poco olio alla volta così da potervi rendere conto della consistenza che assume.

3 In una ciotola mettete l’orzo, il pesto poco alla volta, e la feta sbriciolata, anche in questo caso potete mettere tanto pesto, anche tutto se vi piace ben condito, se no regolatevi a gusto, regolate di sale, poco che la feta è salata, servite.

Senza categoria

Cous cous con ceci zucchine e fiori di zucca

cous cous con zucchine fiori di zucca e ceci

Inizia la stagione dei piatti veloci, semplici, economici, con tante verdure, cotture veloci, piatti unici, li adoro, non la pasta fredda che il più delle volte non mi entusiasma ma cous cous, orzo, farro, fregola, ecc….con verdure, pesce, carne, legumi, un po’ di spezie o erbe fresche sono grandi piatti.

Sono quei piatti che prepari con qualsiasi cosa, il fondo di un formaggio, del pesto, un pezzetto di prosciutto, verdure cotte o crude, con basilico o erba cipollina, ceci o cannellini, basta aprire la dispensa e il frigorifero e in pochi minuti è pronto e sazia, ecco questo è fondamentale soprattutto quando fa caldo, impensabile mangiare primo e secondo e talvolta un’insalata al volo anche con due cose dentro non ti toglie la fame.

Inoltre io sono una fan delle verdure estive, buona la zucca, i broccoli, i porri, le coste, cipolle ecc…ma vuoi mettere peperoni, melanzane, zucchine, fagiolini, cetrioli, pomodori, tanto basilico, li vorrei tutto l’anno, idem tanto basilico, ciliege, melone, pesche, albicocche, a me le mele e le arance dopo un mese mi stufano.

Temo di aver già scritto le stesse cose negli anni per cui mi fermo, buon martedì 22 maggio (si già finito quasi maggio).

cous cous con ceci zucchine e fiori di zucca

 

Ingredienti:

per due persone (ma potete variare le quantità a piacere senza problemi)

160 gr di cous cous

4 zucchine medio/piccole

una decina di fiori di zucca grandi

120 gr di ceci freschi o in scatola

2 cucchiai di olio

cous cous con fiori di zucca ceci e zucchine

1 Preparate il cous cous secondo istruzioni, di solito il doppio dell’acqua rispetto alla quantità di cous cous, lasciatelo intiepidire.

2 Lavate le zucchine, togliete le estremità, affettatele a rondelle di medio spessore, in una padella antiaderente scaldate l’olio, dopo qualche istante unite le zucchine, cuocete per circa sette otto minuti.

3 Lavate e pulite i fiori, superati i sette otto minuti di cottura delle zucchine unite i fiori, cuocete altri due tre minuti, le zucchine devono restare croccanti, unite anche i ceci, regolate di sale e pepe.

4 Presentate il cous cous come preferite, io con un coppapasta lasciando la posa circa 5 minuti, altrimenti in un piatto condendo tutto insieme, in un altro stampo.

Primi

Risotto con porri e salsiccia

risotto con la salsiccia e i porri

Pioggia, umidità, freddino uguale piatti caldi è giunto il tempo di zuppe, minestre, vellutate con i crostini, risotto, pasta fresca come ravioli, lasagne e tortellini, in casa mia inoltre è freddo, specialmente la sera un piatto bollente è rigenerante.

Non sono mai stata la maga dei risotti, preferisco cucinare la pasta, mi piace, lo mangio volentieri ma non credo di essere particolarmente brava a farli, ho osservato più volte degli chef o in tv come prepararlo e devo dire che a volte sono andata in confusione, si sfuma? si tosta? il vino ci vuole sempre? quando si mettono le verdure o altri ingredienti?

Posso dirvi che spesso ho sentito anche grandi chef, pure stellati, dire cose diverse, diciamo che conosco i punti fermi, un buon brodo, di carne, vegetale o di pesce, la mantecatura e i tempi di cottura, per il resto navigo a vista.

Devo anche dire che ho gustato risotti eccellenti, cremosi o più “liquidi”, cotti al punto giusto ma anche crudi con il chicco ancora bianco e duro, con funghi secchi buttati all’ultimo orribili (andiamo oltre al fatto che odio i funghi), con carne stracotta, brodi palesemente fatti con dado, tanto dado che sanno di sale.

Insomma, credo che fare un buon risotto sia un’arte, si accettano consigli, trucchi, suggerimenti.

 

risotto con porri e salsiccia luganega

 

Ingredienti:

per due persone

500 ml di brodo

150 gr di riso carnaroli

1 luganega media

1 porro

olio evo

1 bicchiere di vino rosso

sale

burro

parmigiano grattugiato (facoltativo)

 

risotto con porri e salsiccia

 

1 Preparate il brodo, io vegetale, con una cipolla, due tre carote, una testa di sedano, acqua, lasciate cuocere almeno un’ora a fuoco medio.

2 Pulite il porro e affettatelo a rondelle.

3 Prendete una casseruola a sponde alte, versate due tre cucchiai di olio lasciate scaldare e unite il porro, lasciate cuocere una decina di minuti, se vi sembra che si attacchi aggiungete un filo d’acqua.

4 Tagliate la salsiccia a pezzetti, unitela ai porri con il vino, lasciate cuocere per cinque minuti a fuoco vivo.

5 Aggiungete il riso, lasciate tostare per un paio di minuti, poi versate un mestolo abbondante di brodo caldo, deve coprire il riso, quindi se occorre mettete più brodo.

6 Fate cuocere per circa 20 minuti mescolando ogni tanto, non sempre, se occorre unite brodo.

7 Fate mantecare con una noce di burro, se volete mettete del parmigiano, servite subito caldo.