Browsing Tag:

Cioccolato

DOLCI

Torta cremosa fragole e cioccolato

Avete in mente quando il cioccolato si scioglie in bocca avvolgendo interamente il palato? Ecco questa torta è così, da mangiare rigorosamente con il cucchiaino (forse se la mettete in frigo anche senza ma non ho provato) assaporando ogni morso religiosamente.

Per gli amanti del cioccolato una vera chicca, l’impasto è uguale a quello della tenerina (ricetta qui) ma in aggiunta fragole all’interno e fuori, all’interno poche per non alterare la consistenza del dolce rendendolo acquoso.

In batter di ciglia siamo arrivati a maggio, mese che mi piace per la sua temperatura ideale (che io vorrei tutta estate), per la natura in festa, per le giornate che si allungano, le prime cene in terrazza o all’aperto, le prime scarpe senza calze, per il sole che scalda ma solitamente non ancora in modo troppo forte, per i primi gelati, gite fuori porta, ecc….

E poi ogni giorno che passa è un giorno in meno di attesa di pomodori, peperoni, zucchine, melanzane, ciliegie, pesche, albicocche, melone ecc….finalmente, non amo l’estate ma amo alla follia frutta e verdura estiva. 

Cerco di godermi ogni giorno di mezzo prima del grande caldo!

Per la ricetta, preparate la torta tenerina come dal link sopra, aggiungete all’impasto 4-5 fragole tagliate a pezzettini asciugate benissimo, distribuite l’impasto nella torta e sopra disponete una decina di fragole tagliate a metà, non schiacciatele nell’impasto, sprofonderanno da sole in cottura, asciugatele molto bene.

 

 

DOLCI/ Legumi

Pancakes roveja lamponi e cioccolato

Chi segue queste pagina conosce la mia fissazione per la farina di roveja dell’ Azienda Agricola Dolci Giuseppina, ormai da un anno abbondante sperimento ricette con questa farina.

In rete c’è pochissimo perchè non è molto conosciuto questo legume simile al pisello selvatico, qualche minestra, zuppa, la farecchiata ricetta tipica umbra della tradizione, poco altro, assolutamente a caso ho dosato con altra farina producendo pizza, biscotti (questi dovrei brevettarli), pasta brisee, pasta frolla, le crepes.

Oggi tocca ai pancakes  con un abbinamento vincente lamponi e cioccolato. Ottimi ma la prossima volta voglio provare a mettere un pochino di più di farina di roveja per esaltarne ulteriormente il sapore.

Ho già in mente la prossima ricetta da sperimentare, chiunque abbia domande su questo prodotto non esiti a chiedere, sono ben felice di raccontarvi tutto quello che so.

Buon fine settimana.

 

Ingredienti:

130 gr farina 00

70 gr farina di roveja

1 uovo

200 ml latte

70 gr di zucchero

1 cucchiaio scarso di pepite di cioccolato

mezza bustina di lievito

2 cucchiai di lamponi

burro per la padella

 

1 In una ciotola radunate la farina e il lievito setacciati.

2 Unite lo zucchero, mescolate poi unite l’uovo e il latte, amalgamate.

3 Lavate e asciugate i lamponi, uniteli al composto insieme al cioccolato, mescolate bene, il composto dovrà essere marroncino denso omogeneo.

4 Ungete molto bene una padella antiaderente con il burro, fate scaldare almeno 4 minuti a fiamma media, poi versate metà mestolo, anche meno se li volete piccoli, non di più altrimenti vengono enormi, formate un tondo mentre versate con il mestolo.

5 Lasciate cuocere qualche minuti, dovete girarli con una spatola quando i  bordi si staccano bene e cominciano a comparire bollicine in superficie, voltateli e cuocete per due minuti, dovranno risultare dorati, procedere fino al termine del composto.

NOTE: non mettete altro cioccolato, so che la tentazione è forte ma in cottura si scioglie e se è troppo l’impasto non tiene. Potete provare anche con mirtilli, more, ribes, banana, pera.

DOLCI

Bounty

Penso che chiunque abbia oltre 25/30 anni la parola bounty richiami all’istante il dolcetto al cocco ricoperto di cioccolato, onestamente non so se oggi esiste ancora, non mi pare di vederlo al supermercato ma ammetto di non comprare dolci simili da secoli.

Da piccola io li amavo tutti come penso molti fra di noi, il mio preferito il Mars quello con il caramello, adoravo anche il Ryder, il Kit Kat invece buono ma c’è di meglio, ce n’era un altro che credo si chiamasse Lyon (non ricordo bene), il Duplo non mi entusiasmava.

Avevo del cocco rapè e da tempo volevo provare a realizzare i bounty a casa sapendo che la ricetta è davvero semplice, alla portata di tutti, non sono un amante del cocco, mi piace ma preferisco altri tipi di frutto, il bounty se non ci fosse il cioccolato forse non lo mangerei neppure.

Se lo amate dovete provare assolutamente, il sapore è identico a quello famoso, perfetti come dolcetto post pranzo, per merenda, da portare a scuola o al lavoro come spezzafame, ha la grandezza giusta per passare come sfizio non eccessivo.

Se provate fatemi sapere!

 

Ingredienti:

200 gr di cocco rapè (farina di cocco)

100 ml di panna da cucina (non quella fresca ma quella dei tortellini in cartone di solito)

70 gr di zucchero

50 gr di burro

250 ml di cioccolato al latte

 

1 In una casseruola a sponde alte mettete il burro a pezzetti, lo zucchero e la panna, a fuoco medio basso sciogliete e amalgamate per bene.

2 Unite tutto insieme il cocco, mescolate fino a ottenere un composto omogeneo, ben amalgamato.

3 Su un foglio di carta forno formate un panetto rettangolare, altezza circa 1 centimetro per 20 per 14 cm, riponete in frigorifero per un’ora. Se vi sembrano troppo bassi, riducete a 17-18 cm.

4 Tagliate a metà in senso verticale e poi in strisce larghe 2 cm, dovrete ottenere circa 18-20 rettangolini, arrotondate i bordi come il bounty.

5 Sciogliete a bagnomaria il cioccolato, lasciate intiepidire.

6 Immergete un rettangolini alla volta aiutandovi con una forchetta, ricoprite bene tutto il rettangolino, scrollate leggermente per eliminare il cioccolato in eccesso, riponete su un vassoio coperto da carta forno, procedete fino al termine degli ingredienti, se avanza del cioccolato con un cucchiaino distribuitene sulla superficie poco alla volta, riponete in frigorifero per una mezzora, gustate.

Bevande/ DOLCI

Frittelle ricotta e alchermes

Raramente preparo ricette di Carnevale pur amando parecchio il fritto, fritto che faccio abbastanza spesso non temendo il puzzo, l’olio esausto, gli schizzi ecc…ma a Carnevale non so bene perchè non ho praticamente mai fatto nulla.

Oggi rimedio con queste frittelle la cui ricetta mi è stata data da una amica, casualmente avevo tutto in casa quindi mi sono messa subito al lavoro, che dire? Interno super, soffice, ben alveolato, sembra una torta genere morbido, la consistenza non è spugnosa come spesso sono le frittelle dolci.

Spero che questi giorni di travestimenti, maschere e coriandoli siano un’occasione, soprattutto per i bambini, di distrarsi, divertirsi, fare qualcosa di bello, purtroppo non  è facile in questi giorni pensare al divertimento ma bisogna pur andare avanti e tenere i piedi per terra cercando di non farsi sopraffare dalla paura, preoccupazione, incredulità ecc…lo dico a voi per dirlo anche a me stessa.

Vi auguro un sereno week end.

 

Ingredienti:

300 gr di farina

1 cucchiaino di lievito per dolci

3 uova

140 gr di zucchero

120 gr di ricotta vaccina

30 ml di olio di semi

70 gr di gocce di cioccolato 

olio per friggere

zucchero q.b.

150 ml di alchermes

 

1 Setacciate farina e lievito.

2 In una ciotola sbattete le uova e lo zucchero, devono diventare ben spumosi e chiari.

3 Unite la ricotta e l’olio di semi, amalgamate bene.

4 Unite mescolando bene la farina poi le gocce, il composto risulterà denso.

5 Scaldate una padella antiaderente con abbondante olio di semi, ci vorranno 4-5 minuti, provate a vedere se è caldo buttando nell’olio un pezzettino di impasto, se sfrigola procedete immergendo distanziati cucchiaini di impasto, per inserirlo nell’olio aiutatevi con un altro cucchiaino. Cuocete per almeno 4 minuti per lavoro, dovranno risultare dorate, scolate su carta assorbente.

6 In due ciotoline disponete lo zucchero e l’alchermes, immergete una frittella alla volta prima nel liquore, basta qualche istante, poi nello zucchero, coprite bene tutta la frittella, procedete fino al termine delle frittelle.

DOLCI/ Legumi

Torta di ceci e cioccolato

Vedo già facce perplesse, scettiche, dubbiose, qualcuno che penserà ma perchè questi esperimenti strani? Ma cosa hanno a che fare i ceci con il cioccolato? Eppure mischiare ingredienti dolci e salati è un classico da anni, da grandi duetti come pere e parmigiano, finocchi e arance, prosciutto e melone, arrosto di castagne, prugne con la pancetta ecc…ad abbinamenti che nascono di continuo.

Questa ricetta è un mix di alcune che ho visto su un libro, una che ho visto in tv e una che ho assaggiato, assaggio che mi era piaciuto e che ho voluto sperimentare con qualche aggiunta.

Il sapore è particolare, difficile descriverlo, potrei dire che ricorda una cheese cake ma più soda, compatta, va mangiata con il cucchiaino  o forchettina perchè tende a rompersi, ottima anche senza glassa e/o frutta. Voglio provarla con altre varianti.

I ceci, come sempre, della mia Azienda Agricola del cuore in Valnerina, Umbria, Azienda Agricola Dolci Giuseppina, non fatela con i ceci in scatola per favore! Sarebbe tutta un’altra cosa.

 

Ingredienti:

300 gr di ceci lessati

150 gr cioccolato fondente 

75 gr zucchero

2 uova

50 ml latte 

10 gr lievito

Per la glassa:

125 gr di cioccolato fondente

50 ml di panna fresca

frutti di bosco

 

1  In un mixer frullate i ceci con le uova, il latte, lo zucchero, dovrete ottenere un composto omogeneo, senza tracce di ceci, controllate bene.

2 Sciogliete a bagnomaria il cioccolato.

3 Setacciate il lievito e insieme al cioccolato unitelo al composto di ceci, mescolate molto bene.

4 Accendete il forno a 180 gradi, imburrate uno stampo da 20 cm di diametro o usatene uno di silicone se non volete usare il burro o eventualmente carta forno, versate il composto, livellate bene, infornate per 30 minuti, sfornate e lasciate intiepidire. 

5 Quando la torta sarà a temperatura ambiente, scaldate la panna senza farla bollire e immergetevi il cioccolato tritato a pezzetti non troppo grandi, mescolate finchè non si sarà sciolto e la crema sarà lucida e omogenea, distribuitela con una spatola, riponete 15 minuti in frigorifero poi unite la frutta precedentemente lavata e asciugata. 

 

 

DOLCI

Baci di dama

Amore grande, grandissimo per i baci di dama!

Amo molto i biscotti artigianali tanto che ammetto di non comprare quelli industriali perchè non c’è paragone con quelli fatti in casa, preferisco rinunciare e farmeli quando posso.

Amo moltissimo (questo è un post pieno di amore…) le nocciole, credo la frutta secca che preferisco, dove sono presenti so che ho di fronte un piatto, una crema, un dolce che mi piacerà, mettici anche il cioccolato e il due è stratosferico.

Ci credete che volevo postare questa ricetta da anni e anni? Li ho fatti qualche volta in questi anni ma o non avevo tempo di fare le foto o sono finiti prima o non mi piacevano esteticamente, insomma sono passati secoli.

Finalmente ho colmato questa bruttissima lacuna, invito anche voi a farlo se non avete mai provato e vi piacciono, ci vuole un pochino di tempo ma ne vale la pena, buon fine settimana.

Ingredienti:

per circa 45 biscotti

250 gr di farina

150 gr di nocciole

150 gr di zucchero fine

150 gr burro

1 uovo

un pizzico di sale

150 gr cioccolato fondente

 

1 Tostate le nocciole spellate per dieci minuti (non di più) a 180 gradi, lasciate raffreddare.

2 Frullate molto bene le nocciole e lo zucchero, se necessario fatelo in due volte, le nocciole devono diventare farina, non fate scaldare troppo il mixer, non deve uscire l’olio della frutta secca.

3 In una ciotola capiente riunite il composto di nocciole, la farina, il pizzico di sale, il burro, iniziate ad amalgamare – potete utilizzare anche la planetaria – poi unite l’uovo fino a ottenere un composto omogeneo, compatto, senza tracce di burro, vi consiglio di tagliarlo a pezzetti piccoli.

4 Riponete il panetto di pasta per 1 h in freezer.

5 Preparate delle palline di 1 cm, disponetele su due teglie coperte con carta forno e riponete un’altra ora in frigorifero.

6 Cuocete in forno caldo a 170 gr per 20 minuti, la cupola deve risultare dorata ma non scura, se necessario cuocete qualche minuto in più, lasciate riposare prima di farcire, basta una mezzora.

7 Sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente. Lasciate intiepidire.

8 Con un cucchiaino o con una sach a poche versate pochissimo cioccolato su un biscotto sulla parte piana, appoggiate sopra un altro biscotto premendo leggermente in modo tale che il cioccolato ricopra il biscotto e appaia sui bordi, non esagerate con il cioccolato perchè straborda, procedete nello stesso modo fino al termine dei biscotti.

DOLCI

Tartufi di pandoro e cioccolato

Se siete alla ricerca di un piccolo sfizio, un dolcetto post pasto o qualcosa da offrire agli amici o da regalare, ecco un’idea molto semplice, senza cottura, pronti in 15/20 minuti.

A me sono piaciuti ma quando li ho portati a casa dei miei genitori sono letteralmente andati a ruba, immaginavo sarebbero stati graditi ma non così tanto, pure da chi ama i dolci ma con moderazione.

Ultimo giorno dell’anno, niente propositi,  niente auguri ovvi come la salute, la pace, la serenità ecc…ovvio non nel senso che sono scontati, tutt’altro ma che ve li auguro ogni istante della vostra vita.

Semmai grazie, di esserci, di rifare le ricette, di chiedere consigli, di suggerire il mio blog ad altri, dei commenti, soprattutto in privato o sui social, abbiamo ancora molte ricette da provare, gusti da abbinare, esperimenti difficili (per me) da realizzare.

Felice 2022 a tutti!

 

Ingredienti:

500 gr di pandoro (senza zucchero aggiunto)

250 gr di mascarpone

200 gr di cioccolato fondente

100 gr di cioccolato bianco

 

1 Sbriciolate il pandoro in una ciotola capiente.

2 Unite il mascarpone, amalgamate, otterrete un composto compatto.

3 Sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente nel mentre formate delle palline grandi poco meno di una noce.

4 Lasciate riposare il cioccolato dieci minuti poi immergete le palline, ricopritele per bene, aiutatevi con un cucchiaio per scolare il cioccolato in eccesso, riponete distanziate su un vassoio o piatto grande ricoperto con carta forno o alluminio, mettete in frigorifero per mezzora.

5 Sciogliete il cioccolato bianco, con una forchetta schizzate a caso i tartufi, riponete in frigorifero almeno 15 minuti.

Consiglio di tirarli fuori dal frigorifero almeno una ventina di minuti prima di servirli.

DOLCI

Cupcakes due creme di Natale

Non sapevo bene come chiamarli perchè cupcakes di Natale ne ho già una versione.

Due creme, in realtà sono panna montata e ganache al cioccolato a cui ho aggiunta a una crema al Bailey’s e all’altra liquore all’amaretto, con la panna ho un po’ rischiato, temevo che con il “peso” della crema non si montasse bene ma invece ce l’ho fatta.

Non sono precisi, ma io non sono notoriamente una precisa, una perfezionista ma decorarli è divertente comunque, se lo fate in compagna, specie di bambini ancora meglio, vi troverete circondati di zuccherini, granelle, codette, scaglie di cioccolato, nocciole pralinate, smarties ecc…..alla fine il bello è proprio farli tutti diversi.

Se volete regalarli consiglio la ganache che rimane bella compatta, la panna dovete montarla molto bene, stare attenti nel posizionare nella scatola o sacchetto il cupcake e c’è il rischio che si smonti, tradotto fatelo solo se la situazione lo consente, con la ganache siete tranquilli.

Due settimane a Natale, siete pronti? Io più o meno.

 

Ingredienti:

300 gr di farina

40 gr di cacao amaro

1 bustina di lievito

200 gr di zucchero (io di canna)

2 uova

160 ml di olio di semi

125 ml di latte

150 gr di pepite di cioccolato

250 ml panna fresca

50 gr zucchero a velo

1 cucchiao di crema al Bailey’s

300 gr di cioccolato fondente 70%

200 ml panna fresca 

2 cucchiai di liquore all’amaretto.

 

1 Accendete il forno a 180 gradi.

2 Riunite in una ciotola gli ingredienti secchi, la farina, il cacao, lo zucchero e il lievito, mescolate.

3 In un’altra ciotola amalgamate le uova, l’olio e il latte. Unite al composto secco, mescolate.

4 Tritate il cioccolato grossolanamente, unitelo al composto, amalgamate.

5 Riempite per trequarti i pirottini da muffin ( io 12), infornate per 20-25 minuti. Sfornate e lasciate intiepidire.

6 Montate 250 ml di panna con 50 gr di zucchero e un cucchiaio di crema al Bailey’s.

7 Sciogliete a bagnomaria 300 gr di cioccolato fondente, una volta fuso unite 200 ml di panna e due cucchiai di liquore all’amaretto, mescolate bene, lasciate riposare un’oretta, deve diventare stabile, a casa mia non è caldissimo per cui si è rassodata da sola, se in casa vostra fa caldo mettete in frigo una ventina di minuti.

8 Mettete le due creme nella sach a poche, beccuccio di un cm, io uno liscio, uno a stella, decorate i cupcakes.

9 Decorate con zuccherini, granelle, codette, gocce di cioccolato ecc….anche al super trovate dei mix di zuccherini pronti.

 

Creme/ DOLCI

Crema alle nocciole vegan

Eccoci arrivati alle idee regalo mangerecce per Natale!

Da qualche anno evito di proporvi menù, trovate di tutto e di più in rete, vi suggerisco idee semplici ed economiche da regalare, piccoli pensieri che potete preparare in anticipo, in grandi quantità da poi dividere per il numero di amici, parenti, colleghi a cui sono destinate.

Io per prima regalo qualcosa da mangiare, mi prendo un pomeriggio e produco in serie, organizzatevi bene prima leggendo la ricetta, se servono barattoli o sacchettini, scatoline, nastri, se occorre conservare in frigo o trasportare ecc…dovete farvi un’idea prima di tutto, le realizzazione è la parte più semplice.

Esempi, se fate biscotti decorati con naso, occhi, bocca, meglio presentarli sdraiati quindi vi servirà un vassoio, se preparate i pop corn caramellati meglio un sacchettino trasparente, solitamente di plastica, che non di carta, il caramello si asciuga bene ma se accidentalmente lo tenete vicino a una fonte di calore può iniziare a sciogliersi e sporcare il sacchetto, quello di carta anche appiccarsi e quindi rompersi nell’estrarre i popo corn. 

I barattoli, che contengano pesto, ragù, lemon curd, crema al cioccolato ecc…..oltre a essere ben sterilizzati, consegnateli con il contenuto non caldo, il pesto chiuso molto bene onde evitare fuori uscite di olio, sembrano accortezze ovvie ma vi assicuro che non è così.

La prima idea una crema alle nocciole (qua ne trovate altre versioni diverse) con tanto cioccolato e latte di nocciole, totalmente vegana, semplicissima da fare, fondamentale se non comprate la farina di nocciole pronta  un ottimo tritatutto.

Buona giornata.

 

Ingredienti:

100 gr nocciole

300 gr cioccolato fondente 70%

100 gr zucchero di canna

150 ml latte alla nocciola

1 Fondete il cioccolato  a bagnomaria.

2 Nel mentre tritate le nocciole fino a ottenere una farina.

3 Una volta sciolto il cioccolato unite lo zucchero e le nocciole, amalgamate bene.

4 Unite mescolando delicatamente il latte alle nocciole fino a ottenere una crema omogenea, densa.

NOTE: in frigorifero si conserva una decina di giorni, consiglio prima di mangiarla di tirarla fuori almeno venti minuti prima o dategli una scaldata di qualche secondo nel microonde, potete mangiarla sul pane, biscotti, panettone ma anche per farcire una torta.

 

DOLCI

Torta alla crema di cioccolato di Knam

Ed eccoci giunti all’ottavo compleanno di Lilli nel paese delle stoviglie.

Chi l’avrebbe mai detto? Tra l’altro fra pochi giorni su queste pagine si festeggia un altro piccolo grande traguardo, come si dice oggi stay tuned.

Ogni anno penso a cosa dire e fiumi di pensieri si accalcano nella mia mente, potrei davvero parlare per ore, raccontare tanti episodi, aneddoti, dinamiche di questi otto anni, luoghi, persone, ricette, insegnamenti, flop, grandi scoperte, immense soddisfazioni, cambiamenti ecc….

Quel che è certo è che non mi sono mai annoiata, mai, neppure per un istante, tante amiche blogger hanno mollato, chiuso il blog, diminuito le pubblicazioni, cambiato strada ecc…io non ho mai avuto un attimo di esitazione nonostante non sia una blogger con mille mila follower, offerte di lavoro.

Queste pagine sono parte di me, le sento mie al cento per cento, percepisco di esserne intrisa fino all’ultima punta dei capelli, non riesco a immaginarmi senza, pensare alle ricette, immaginarle nella mia testa, comprare e cercare ingredienti, sperimentare, sbagliare, gioire, gustarle, scrivere, fotografarle, impazzire dietro alla bellezza dell’ennesimo piatto o teiera, candela o fiori, runner o posate, è la prassi, la mia quotidianità.

Il mio pensiero più grande ovviamente va a voi che mi leggete, seguite con affetto, commentate, replicate le ricette, chiedete consigli, correggete gli errori, mi chiedete come sto, mostrate apprezzamento, grazie grazie grazie di cuore!!!!!

Festeggiamo insieme con una fetta di torta al cioccolato, una vera goduria, una crema che si scioglie in bocca, con questa conquisterete chiunque, la ricetta è del maestro Knam.

 

Ingredienti:

per la frolla:

250 gr burro morbido

250 gr zucchero

2 uova

4 gr sale

400 gr di farina

80 gr cacao amaro

per la ganache: 

300 gr cioccolato fondente 60%

250 ml panna fresca

per la crema pasticcera:

480 ml di latte

4 tuorli

150 gr zucchero

40 gr di fecola di patate

150 gr cioccolato fondente 

 

1 Preparate la frolla lavorando insieme burro e zucchero, usate le fruste elettrice o il gancio della planetaria, ottenuto un composto omogeneo unite rapidamente un uovo alla volta poi il sale, la farina e il cacao, amalgamate bene rapidamente. Formate un panetto, coprite con la pellicola, mettete in frigorifero un paio d’ore.

2 Preparate la crema pasticcera sbattendo i tuorli con lo zucchero in una casseruola a sponde alte, dovrete ottenere un composto chiaro areato, spumoso, unite velocemente la fecola setacciate, state attenti a non formare grumi, mettete sul fuoco, fiamma media, versate il latte e mescolate fino a che non si addensa, circa 8 minuti, nel mentre o prima tritate grossolanamente il cioccolato. Una volta pronta la crema spegnete, unite il cioccolato, mescolate fino a che non si sarà sciolto del tutto.

3 Preparate la ganache sciogliendo a bagnomaria il cioccolato, quando sarà praticamente sciolto unite la panna, mescolate delicatamente, dovrete ottenere una crema liscia, lucida, densa.

4 Imburrate uno stampo di 22 cm, dividete la pasta in due parti di cui una un po’ più grande, stendetela con il mattarello fra due fogli di carta forno, stendetela sulla teglia livellando bene i bordi. 

5 Mescolate insieme rapidamente con una frusta a mano le due creme, dovrete ottenere una crema omogenea, versatela nella tortiera, deve arrivare al bordo, non esagerate mettendone di più perchè poi sprofondano le strisce e rischia di strabordare.

6 Accendete il forno a 170 gradi, mentre si scalda create le strisce, sei, larghezza 2 cm, altezza 3 mm, devono incrociarsi come nella foto, tre da una parte, tre dall’altra. Infornate per 35-40 minuti, non di più. Lasciate riposare almeno 10-12 ore.

NOTE: la frolla che otterrete è di più, ho seguito la ricetta di knam e me ne è avanzata una porzione per una tortina più piccola o biscotti ecc… anche la crema ve ne avanzerà, in pratica viene una seconda tortina, se volete potete usare una tortiera diametro 26 e farne una grande, la cottura rimane uguale.