Browsing Tag:

Formaggio

contorni/ Patate

Patate dolci uvetta noci e blu di capra

Idea semplice e diversa dal solito per mangiare le patate dolci.

Per secoli facevo fatica a trovarle ora spesso ci sono al supermercato ma soprattutto in un negozietto etnico sotto casa.

Mi piacciono molto e penso siano parecchio versatili sia per ricette dolci che salate.

Questo febbraio sta volando, praticamente è finito, sicuramente la parola chiave è stanchezza.

Dormo ma sono sempre stanca, sicuramente perchè ho cambiato sede di lavoro e di conseguenza ambiente, colleghi, distanze, mi abituerò.

Altra fonte di stanchezza gli sbalzi di temperatura irruenti, uscire con 7 gradi e a pranzo ce ne sono 18, faticoso.

Vorrei dire confido nel week end per riposare ma da quando lavoro il sabato il fine settimana è quasi inesistente, soprattutto se lavoro il sabato pomeriggio.

Consoliamoci con buone ricette!

 

Ingredienti per due persone:

3 patate dolci grandi

2 cucchiai di uvetta

2 cucchiai di noci

120 gr blu di capra

olio 

sale

1 Sbucciate le patate e tagliatele a fettine altezza circa 1 cm.

2 Accendete il forno a 200 gradi mentre si scalda coprite di carta forno una teglia.

3 Distribuite le patate distanziate, regolate di sale e olio a filo, infornate per circa 30 minuti.

4 Dopo 30 minuti unite le uvette e le noci su ogni pezzetto di patate, infornate altri 10 minuti.

5 Spegnete il forno e distribuite uno o due pezzetti di formaggio su ogni patata, a forno spento e chiuso lasciate fondere 5-10 minuti. Gustate calde.

 

Antipasti/ contorni/ frutta secca/ verdure

Insalata di indivia pere parmigiano senape

Idea molto semplice ma gustosa, specie se come me l’indivia non vi entusiasma.

Sono sempre a caccia di ricette per mangiare una maggiore varietà di verdure possibili.

Molte non mi entusiasmano da sole, devo trovare il giusto abbinamento per mangiarle.

Vedi cavolfiore, indivia, cavolo, verza ecc…

Da sole giammai, non ce la faccio, hanno un sapore che non mi piace.

Questa insalata con il dolce della senape al miele, il croccante delle noci, il sapido del parmigiano, la delicatezza delle pere l’ho amata.

Gennaio è stato un mese ricco, un po’ faticoso, un po’ in attesa per via di una questione lavorativa andata a buon fine.

Febbraio si cambia marcia, come orari, ritmi, ambiente e prassi lavorative ma non solo.

Sistemata la questione lavoro (aspettavo da giugno) ci sono due tre cose su cui voglio concentrarmi.

Mi sembrano tante e conoscendomi non riuscirò a fare tutto bene ma iniziamo.

E’ un periodo in cui ho tante idee e progetti che vorrei realizzare, speriamo di farcela!

Buona giornata.

 

Per 4 persone:

4 cespi di indivia belga

2 pere mature

100 gr di parmigiano (pezzo non grattugiato)

70 gr di noci

4 cucchiai di senape (io al miele della Maille)

3 cucchiai di olio evo

sale e pepe

1 Lavate l’indivia tagliatela a listarelle in verticale, disponetela direttamente in 4 piatti.

2 Con una mandolina create le scaglie di parmigiano disponendole su ogni piatto.

3 Stessa cosa per le noci tritate grossolanamente.

4 Tagliate le pere a metà, tagliatele a metà nel senso verticale, disponetele su ogni piatto.

5 Mescolate in un bicchiere/ciotola la senape con l’olio, distribuite su ogni piatto, regolate di sale e pepe.

Creme/ DOLCI

Torta pandoro e ricotta

In teoria dovrei dire che ho preparato questa torta per finire il pandoro di Natale.

Ecco no, l’ho comprato apposta.

Ora sono in offerta, a me piace molto, ne ho comprati un paio.

Torta semplicissima, non bella ma molto molto buona e facile da preparare.

Amo dare una veste diversa dal solito ad alcuni alimenti, ricette.

Se vi ricordate anche con la polenta vi ho detto che non la preparo praticamente mai classica con formaggio o carne per accompagnarla.

Qua la trovate in versione sandwich, in carrozza, spiedino, panino, fritta, stick, ecc…

Così il pandoro o altri cibi, niente di che, non mi sto vantando di fare qualcosa di originale o altro.

Semplicemente quando li vedo/penso, li immagino sempre in altra veste.

Provatela che è buona buona.

 

Ingredienti per una torta stampo 22-24:

pandoro anche già iniziato, ne serviranno circa 400 gr

400 gr ricotta

100 gr zucchero a velo

2 uova

100 gr cioccolato gianduia (avevo questo ma vanno bene gocce o altro cioccolato)

burro per lo stampo

latte per bagna

1 Imburrate molto bene uno stampo a cerniera.

2 Distribuite il pandoro formando la base e poi i bordi, cercate di farli alti uguali.

3 Con un pennello bagnate bene il pandoro con il latte circa un bicchiere.

4 In una ciotola mescolate bene la ricotta con lo zucchero.

5 Unite le uova, amalgamate.

6 Tritate grossolanamente il cioccolato, unitelo, mescolate.

7 Spalmate il composto sulla superficie livellandolo.

8 Coprite con briciole di pandoro la superficie, come se fosse un crumble.

9 Infornate a 180 gr per 20 minuti, sfornate, lasciate raffreddare del tutto.

Lievitati

Focaccia broccoli stracciatella acciughe

Il lunedì dei lunedì.

Ieri onestamente dura, non tanto per la fine delle feste ma perchè arrivavo da una settimana di dormite.

Ero in ferie la scorsa settimana, stamattina la sveglia un trauma.

Per voi ieri come è andata?

Focaccia solita mia senza impasto con un condimento che amo.

Ideale anche per chi vuole variare verdure ma non le ama particolarmente.

Ideale anche per far mangiare i broccoli ai bambini.

Provatela e mandatemi la foto.

Buona giornata.

 

Per la focaccia vi lascio l’impasto base che trovate qui, io ho fatto mezza dose cioè una teglia rettangolare 27×33 cm

2 broccoli medi

200 gr robiola

1 confezione stracciatella circa 200 gr

7-8 filetti acciughe

sale

1 Preparate l’impasto come da indicazioni.

2 Lessate i broccoli, circa 15 minuti tagliati a rosette con coperchio.

3 Frullateli con la robiola fino a ottenere una crema.

4 Dopo circa 4h stendete la pasta su una teglia unta con mani unte.

5 Spalmate la crema di broccoli.

6 Fate scaldare il forno a 250 gr per circa 15 minuti poi infornate per 20, i bordi dovranno essere dorati.

7 Distribuite la stracciatella e le acciughe, servite subito.

 

Antipasti/ contorni/ Pesce

Cheesecake al salmone

Niente dolcetti per la befana, ne abbiamo mangiati troppi ma un antipasto.

Antipasto semplice, senza cottura, versatile, base sempre uguale, il resto variabile.

Epifania che tutte le feste si porta via, un po’ di tristezza c’è.

Più che altro malinconia per le piccole cose.

Lucine, l’albero, colazioni lente, passeggiate, presepi, tavolate, musiche e film di Natale.

E’ stato un dicembre/natale bellissimo, c’è stato tutto quello che desideravo.

Spero sia stato così anche per voi e ora pronti per realizzare i buoni propositi.

Non è solo una speranza proviamoci davvero!

Buon week end.

 

Ingredienti per 3 cheesecake stampo diametro 6 (in foto più grande)

110 gr taralli (quelli che volete)

65 gr burro fuso

200 gr robiola

50 ml panna fresca

100 gr salmone affumicato

100 gr tartare di salmone

scorza di mezzo lime

1 cucchiaio e mezzo di succo di lime

menta

erba cipollina

sale e pepe

1 Spezzettate grossolanamente i taralli, frullati con il burro.

2 Distribuite direttamente nei piatti i coppapasta e dentro il composto, livellandolo bene con un cucchiaio, mettete in frigorifero.

3 In una ciotola mescolate la scorza e il succo di lime, la robiola, il salmone spezzettato e la panna.

4 Regolate di sale e pepe, unite la menta spezzettata.

5 Distribuite la crema nei coppasta, altezza bordo, riponete in frigorifero almeno un paio d’ore.

6 Sfornate con delicatezza staccando la cheesecake con un coltello caldo o una spatola.

7 Decorate con la tartare distribuite su ogni cheesecake e erba cipollina.

 

Antipasti/ Lievitati

Albero di mozzarella e pomodoro

Idea semplicissima che circola sul web.

Nei pasti delle feste la portata che preferisco è indubbiamente l’antipasto.

Insalata russa, pizzette, panettone gastronomico, salmone, tartine e chi più ne ha più ne metta.

Finiti gli antipasti tendenzialmente per me si potrebbe passare al dolce.

Del resto mangio poco e nulla, il primo si, il secondo di solito lo salto.

Rispetto agli antipasti c’è di che sbizzarrirsi, penso si potrebbe produrre per mesi stante la varietà di opzioni.

L’albero di pasta pizza idea semplice, unica noia dover formare un quadrato alla volta.

Consigli: non farciteli troppo, evitate condimenti troppo liquidi.

Dieci giorni a Natale siete pronti?

Io si, direi di si, spero di godermeli!

Buon week end.

 

Ingredienti:

2 rotoli di pasta pizza rettangolari

panetto di mozzarella (quello senz’acqua per intederci)

passata di pomodoro

sale

olio

2 cucchiai di latte

1 uovo

1 Stendete i rotoli, formate dei quadrati di circa 7×7 o misurate con un righello la pasta per regolarvi di conseguenza (io ne avevo due di diverse dimensioni).

2 Al centro di ogni quadrato disponete due cubetti di mozzarella e un cucchiaino di passata.

3 Chiudeteli unendo tutte le punte di pasta fra loro poi rotolateli fra le mani dandogli la forma della palline.

4 Disponeteli su una teglia con carta forno, in base alla grandezza della teglia formate l’albero, in cima una palline e per il tronco due per il resto vedete voi a seconda di quanto grande lo volete e quanti quadrati avete.

5 Una volta formato l’albero regolate di sale o se volete potete farlo prima sui quadrati ancora da chiudere.

6 Sbattete l’uovo e il latte e spennellate la superficie.

7 Infornate a 180 gradi per circa 25 minuti, una volta sfornate spennellate di olio evo.

Antipasti/ colazioni salate

Cupcake parmigiano e pistacchi

Ci siamo, cominciamo con le ricette natalizie.

In realtà non avevo programmato nulla e ancora questa settimana pensavo di pubblicare senza lustrini, addobbi, mood tipicamente natalizio poi ho improvvisato …come sempre!

Anche quest’anno non vi propongo menù tipo tutto pesce, tutto carne, piatti della tradizione, in rete trovate di tutto.

Vi proporrò idee regalo, quelle che più mi vengono richieste da amici, parenti, colleghi ecc…dolce e salato sfizi che potete serenamente impacchettare e regalare.

Per il pacco ormai c’è di tutto, dai porta cupcake/muffin a sacchettini, vassoi, scatolini ecc..quindi no problem.

Partiamo con un ingredienti che amo alla follia il parmigiano! Di solito i cupcake sono dolci ma per cambiare un po’ ecco una versione salata semplicissima, la crema un must di casa mia da secoli.

Buon avvicinamento al Natale!

 

Ingredienti per circa 10 cupcake:

2 uova

200 ml latte fresco

60 ml olio di semi

240 gr farina

una bustina di lievito per salato

60 gr parmigiano + 50 gr per la crema

sale

250 gr mascarpone

pistacchi

1 In una ciotola sbattete le uova con una frusta, devono essere chiare e spumose, unite il latte e l’olio mescolate bene.

2 In un’altra ciotola mescolate farina e lievito setacciati e il parmigiano.

3 Unite gli ingredienti secchi ai liquidi, amalgamate bene.

4 Accendete il forno a 180 gradi mentre si scalda versate il composto in pirottini da muffin, riempite per trequarti lo stampino.

5 Infornate per 25 minuti, fate raffreddare nel mentre preparate la crema mescolando mascarpone e parmigiano, se volete anche una parte di pistacchi ma devono essere tritati fini se no ostruiscono la bocchetta della sach a poche.

6 Riempite una sach a poche e decorate i cupcake, terminate distribuendo i pistacchi a pezzetti.

Antipasti/ contorni/ frutta secca/ verdure

Girasole di zucca taleggio e nocciole

Dopo averne pubblicati un tot sui social, ho deciso di mettere la ricetta.

Alcuni di voi me l’hanno chiesta quindi anche se semplicissima, procedo spiegando bene tutti i passaggi.

Per me spesso una ricetta salva cena, come ho detto migliaia di volte chi ha inventato la pasta sfoglia è un genio.

Economica, versatile, già pronta, si cuoce in poco tempo. 

La farcitura con quello che volete, la crema la si crea con legumi, verdura, carne, pesce, formaggi.

In versione dolce crema di tutti i tipi, cioccolato, nocciole, pistacchio, miele frutta tagliata sottile, marmellata ecc…

Piace a tutti, carina da vedere, anche se non perfetta in tavola fa sempre la sua scena, calda è eccezionale.

Oggi con della zucca avanzata, idem il formaggio.

 

Ingredienti:

due rotolo di pasta sfoglia rontonda

150 gr di zucca lessata

100 gr di taleggio (vanno benone parmigiano, caprino, robiola, crescenza, stracchino, gorgonzola ecc..)

1 cucchiaio di nocciole

sale

se volete una spolverata di parmigiano grattugiato

 

1 Spappolate bene la zucca creando una purea.

2 Stendete direttamente sulla teglia da forno foderata con carta forno il primo cerchio di sfoglia.

3 Spalmata la zucca in modo omogeneo, meno sui bordi, se vi sembra troppa non utilizzatela tutta (se è troppa straborda in cottura).

4 Distribuite qua e là pezzi di formaggio non troppo grandi e le nocciole spezzettate al coltello grossolanamente, regolate di sale.

 

 

5 Adagiate sopra il secondo cerchio di sfoglia, fate aderire bene i bordi.

5 Ponete al centro del cerchio una tazza, una ciotolina, quello che volete, con un coltello ben affilato o una tagliapasta tagliate delle strisce partendo dalla tazza verso i bordi esterni, circa 2-3 cm di larghezza.

6 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda togliete la tazza e arrotolate ogni strisce su stessa formando una sorta di treccia.

7 Infornate per circa mezzora, dovrà risultare dorata, sfornate, fate riposare dieci minuti e gustate.

contorni/ verdure

Insalata di mele, uva, noci, cialde di parmigiano

Insalata d’autunno, semplice quanto buonissima. Le cialde la vera chicca per me che amo alla follia il parmigiano.

Benvenuto novembre, il mese che prepara al Natale, festa che da sempre amo molto.

Ammetto che ci sto già pensando, mi è sempre piaciuto il Natale pertanto pensare a regali, addobbi, piatti mi è sempre venuto naturale.

A volte mi dicono pensi già al Natale? Non lo vivo come un impegno, un carico di incombenze in più, fare regali mi è sempre piaciuto e mi viene facile.

Idem cucinare, decorare, impacchettare, è una gioia, una magia non un pensiero.

Quindi si ci penso ben prima che inizi il periodo.

Metà dei regali di Natale li ho già pensati o comprati….vedo le vostre facce….ah ah ah.

Novembre spero tu sia un mese tranquillo, ottobre è stato movimentato, caotico, intenso.

 

Ingredienti, non ci sono dosi esatte, mettete l’insalata che volete, quante fette di mele o chicchi d’uva vi piacciono, idem le noci, olio e balsamico.

Per fare le cialde di parmigiano, prendete una padella antiaderente, con un cucchiaino ben separati formate dei cerchi compatti, accendete il fuoco fiamma media, l’acqua del parmigiano inizierà a evaporare creando la cialde, fatela formare fra i 3 e i 4 minuti poi con una spatola provate a girarle.

Se si staccano bene giratele, altrimenti aspettate ancora un attimo, cuocete un paio di minuti anche dall’atro lato, devono essere dorati, attenzione a non bruciarle, spegnete e lasciate riposare qualche minuto prima di utilizzarle.

Antipasti/ frutta secca

Crostini cachi gorgonzola noci e miele

Chi mi conosce bene penserà perchè questa ricetta?

Effettivamente tutti questi ingredienti non sono fra i miei preferiti, i cachi credo di averli mangiati due volte in vita mia senza soddisfazione, il gorgonzola lo tollero ma solo se in contrasto con altri ingredienti, come in questo caso.

Le noci mi piacciono ma fra la frutta secca sono quelle che lascio per ultime, il miele troppo dolce, lo uso pochissimo, mangiarne un cucchiaino impensabile.

Eppure tutti insieme questi ingredienti sono buoni, i contrasti dolce, salato, amarognolo, croccante, cremoso si sposano benissimo.

Diciamo che mi piace sperimentare, non ero assolutamente certa del risultato e infatti anche le foto le ho fatte al volo, è piacevole restare positivamente stupiti.

Lunedì in salita, dormito poco e settimana piena, compresi molteplici pensieri che mi frullano in testa.

Buona settimana.

 

Ingredienti per 6 crostini:

6 fette di pane, quello che prerite

2 cucchiai di gorgonzola

1 caco 

una decina di noci

miele 

 

1 Accendete il forno a 200 gradi, disponete su una teglia da forno coperta di carta forno il pane.

2 Sbucciate il caco e tagliatelo a fette mediamente sottili, disponetene circa tre per fetta di pane (valutate voi in base alla grandezza delle fette di pane, le mie erano piccole).

3 Disponete ciuffi di gorgonzola sparsi qua e là sul pane, le noci spezzettate grossolanamente, alla fine con una forchetta spargete “fili” di miele a caso sulle fette.

4 Infornate per sette otto minuti, mangiate subito.