Browsing Tag:

Formaggio

Primi

Polenta con tomino e pancetta

polenta con la pancetta e tomino

Buongiorno a tutti, un piatto caldo corposo che sazia.

Chiamarla ricetta mi fa sorridere perchè non c’è molto da fare, consideriamo anche che ho utilizzato, con buona pace delle mie amiche bresciane e bergamasche, la polenta istantanea, avvolgere il tomino nella pancetta e cuocerli è un gioco da ragazzi, ergo un piatto buonissimo che si prepara con il minimo sforzo e il massimo risultato.

In questi giorni è davvero freddo piatti caldi che saziano e allo stesso tempo scaldano sono fondamentali, zuppe, minestre, vellutate, risotti, pasta in brodo, qualunque cosa purchè sia calda, ho mangiato un’insalata l’altro giorno ma direi che no, i piatti freddi possono aspettare.

In un istante siamo già a un terzo di questo mese, i giorni sembrano scivolare dalle mani senza che me ne accorga, avete anche voi queste sensazione? Mi sembra ieri Natale e sono già trascorse due settimane, nonostante smontare l’albero, riporre palline e lucine metta un po’ di malinconia, ammetto che mi piace tornare alla routine.

Le vacanze seppur necessarie un po’ mi sfasano, mi sembra un tempo sospeso, specie se sei costretto a stare a casa, se sei in viaggio o fai qualcosa di particolare è diverso ma al contrario mi sembrano giorni poco definiti, spesso simili, che oscillano fra festa e normalità.  Godetevi il week end.

 

polenta con tomino e pancetta

 

Ingredienti per 4 persone:

1 busta di polenta istantanea (circa 370 gr)

4 tomini

100 gr di pancetta a fette

1 Preparate la polenta come da istruzioni.

2 Quando la polenta è praticamente pronta scaldate una padella antiaderente, avvolgete i tomini con circa 3 fetta di pancetta su ognuno.

3 Fate cuocete 3-4 minuti per lato, la pancetta deve diventare croccante, il tomino bello caldo.

4 Impiattate la polenta nei piatti disponete un tomino in ogni piatto, servite subito ben caldo.

 

polenta con pancetta e tomino

DOLCI

Torta al cioccolato e ricotta

torta di ricotta e cioccolato

Grazie, grazie, grazie a tutti per gli auguri e i messaggi che mi avete scritto per questi sette anni di blog.

Veniamo a noi con una torta molto semplice, cioccolatosa, che si scioglie in bocca, ideale per l’imminente week end che molti di noi trascorreranno prevalentemente in casa. Di questi tempi un dolcetto ci vuole per forza per tenersi su.

Unica condizione per ottenere una torta buonissima e perfetta, la solita: un’ottima ricotta! Prendetela dal casaro, al banco gastronomia, da un contadino di fiducia ma non quelle industriali del super, è fondamentale sceglierla freschissima e buona.

Fra poco inizierò a pensare a qualche idea economica, semplice e veloce da fare, con ingredienti facilmente reperibili per Natale, credo che quest’anno come non mai sia importante spendere poco o bene, di idee per regali o piccoli pensieri ce ne sono davvero tante, nonostante il momento dedicare un pensierino a chi teniamo credo sia una bella cosa.

Intanto godiamoci il week end, io mi dedicherò a cucinare, leggere, la casa che grida vendetta e poi vedremo, buon fine settimana.

 

torta alla ricotta e cioccolato

 

Ingredienti:

Teglia rotonda da 18 cm

200 g di ricotta
150 g di cioccolato fondente
75 g di zucchero
30 g di fecola di patate
60 gr pepite di cioccolato (vanno bene anche le gocce)
3 uova
Cacao amaro q.b
Burro q.b.

 

torta al cioccolato e ricotta

 

1 Preriscaldate il forno a 180°.

2 Imburrate una teglia da 18 cm e poi infarinate con il cacao amaro

3 Dividete i tuorli dagli albumi e montate quest’ultimi a neve.

4 Fate sciogliere il cioccolato a bagnomaria o al micronde a temperatura bassa pochi secondi.

5 Nel frattempo con una frusta montate le uova con lo zucchero.

6 Unite la ricotta, il cioccolato fuso (non bollente), la fecola  setacciata e alla fine le pepite di cioccolato.

7 Incorporate anche gli albumi mescolandoli dall’alto verso il basso per non smontarli.

8 Versate nella teglia e cuocete a 180° per circa 30-40 minuti. Lasciate poi per 10 minuti in forno spento.

Dal mondo/ DOLCI/ verdure

Cheesecake alla zucca

cheesecake alla zucca

Era tanto che volevo provarla, i dolci con la zucca mi piacciono molto, dai muffin ai pancake, passando per i biscotti, la famosa torta speziata di origine anglossassone, forse mi piace più nei dolci che nel salato.

Questa cheesecake l’ho trovata ottima, forse poco dolce, anche se i miei genitori, che amano i piatti dolci, hanno detto che era perfetta, essenziale utilizzare un’ottima ricotta fresca, no ricotte del banco del supermercato per intenderci, quelle al banco gastronomia si.

Voglio provare a rifarla con qualche variante, non so se con l’aggiunta di un liquore, amaretto di Saronno in primis o con delle gocce di cioccolato o base diversa di biscotti, vedremo, intanto ve la consiglio caldamente.

Bando alle ciance oggi è venerdì, tradotto domani si dorme, eh eh la mia massima ambizione….farò anche altre cose ovviamente ma a Milano non c’è una bella situazione quindi anche la voglia di uscire non è molta, vi auguro un felice week end!

 

cheesecake con la zucca

 

Ingredienti:

300 gr di biscotti secchi (io Digestive)

170 gr di burro fuso

500 gr di polpa di zucca lessata

250 gr philadelphia

500 gr ricotta

3 uova

150 gr zucchero

50 ml latte

facoltativa la ganache per decorare

 

cheesecake di zucca

 

1 Riducete i biscotti in polvere.

2 Unite il burro, amalgamate.

3 Ungete uno stampo a cerniera di burro, bene anche i bordi.

4 Distribuite sulla superficie l’impasto di biscotti, livellato con un cucchiaio perchè sia omogeneo, mettete in frigorifero.

5 Mettete la zucca nel mixer, frullate con il latte.

6 Unite la ricotta, il formaggio, le uova e lo zucchero, azionate il mixer fino a quando non otterrete un composto omogeneo e ben frullato.

7 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda riprendete lo stampo dal frigo, versate il composto di zucca, infornate per circa 45 minuti, muovendo leggermente lo stampo al centro dovrà essere soda, sfornate e fate raffreddare, mettete in frigorifero almeno 4 ore prima di servire, se la fate il giorno prima anche meglio.

Antipasti/ contorni

Polpette alla ricotta

polpette di ricotta

Non avevo mai preparato delle polpette composte prevalentemente da ricotta!

Le ho viste sul web cercando tutt’altro, in varie salse, con erbe aromatiche, con dadini di prosciutto, con spezie, con olive, capperi, pomodori secchi ecc..io ho scelto due unire solo una generosa dose di parmigiano che mi piace moltissimo.

Trovo che siano ottime, naturalmente occorre un’ottima ricotta, per intenderci non quella del supermercato nel banco del fresco, magari quella della gastronomia, buone da sole o con il sugo al pomodoro, fritte o al forno, sono molto rapide da preparare e anche da cuocere.

Ci avviciniamo alla ottocento ricette, mi capita spesso di vedere su riviste o in tv o su libri piatti che qua sono già presenti, per qualche istante mi viene da pensare che ho preparato tanto, non tutto ma tantissimo. Poi mi fermo a riflettere e invece sono migliaia le ricette che qua non ci sono, che vorrei preparare, tanti gli ingredienti mai comparsi su queste pagine, gli abbinamenti da sperimentare.

Insomma sette anni di blog, quasi ottocento ricette e ancora tante tante tantissime ricette da provare, meraviglia!

 

polpette con ricotta

 

Ingredienti:

400 gr di ricotta di mucca

2 uova

4 cucchiai di parmigiano grattugiato

mezzo spicchio di aglio

pangrattato q.b.

sale e pepe

 

polpette alla ricotta

 

1 Scolate bene la ricotta.

2 Mettetela in una ciotola e schiacciatela, unite le uova, amalagamate.

3 Unite l’aglio tritato e il parmigiano, regolate di sale e pepe, amalgamate.

4 In base alla consistenza ottenuta unite poco alla volta il pangrattato, dovreste vedere a occhio se il composto è sufficientemente compatto da poter creare una polpetta o ancora troppo molle. In caso occorresse unite altro pangrattato e fate la prova con le mani, formate la polpetta.

5 Una volta ottenute le polpette potete o cuocerle in forno a 180 gradi per venti minuti, o in padella con olio come qualsiasi fritto, se volete in questo caso passatele esternamente nel pangrattato, oppure in un sugo al pomodoro per venti minuti. servite calde in quest’ultimo caso, calde o tiepide nei primi due casi.

Antipasti/ colazioni salate/ contorni

Crostatine ai fichi formaggio di capra e speck

crostatine al formaggio di capra fichi e speck

Da vedersi sono veramente brutte e la luce non era il massimo nel momento in cui ho scattato le foto, in compenso vi assicuro che erano ottime, dico erano perchè sono sparite alla velocità della luce.

Mi piace molto la frutta abbinata al salato, crea un contrasto di sapori che si sposa bene con i miei gusti, i fichi non sono fra i miei frutti preferiti, troppo dolci ma con il salato li mangio volentieri, diciamo che li mangio solo se abbinati a qualcosa che smorzi il loro gusto dolciastro.

La felicità vera della giornata è aver realizzato che domani è sabato, credevo oggi fosse giovedì…e che quindi finalmente dopo tre mesi posso preparare i croissant! Con il caldo mi ero fermata, tanto lavoro, troppe ore a sudare in cucina e poca voglia di accendere il forno per mangiarli a colazione ma ora le temperature sono tornate umane, piacevoli, è giunto il momento.

Felice week end.

 

crostatine con i fichi formaggio di capra e speck

 

Ingredienti (a me ne sono venute sei di crostatine)

per la pasta 250 gr farina

120 burro freddo

acqua fredda q.b.

sale

per il ripieno:

4 fichi maturi

200 gr formaggio di capra

3 uova

100 gr di speck a dadini

sale e pepe

1 Preparate la pasta lavorando la farina con il burro aggiungendo poco alla volta acqua, regolate di sale, sarà pronta quando gli ingredienti saranno ben amalgamati e la pasta sarà compatta. Mettete in frigorifero a riposare.

2 In una padella antiaderente senza aggiungere olio cuocete lo speck per circa sei sette minuti, lasciate scaldare la padella due tre minuti prima di mettere lo speck, scolate dal grasso in eccesso.

3 Tagliate a pezzetti grossolanamente il formaggio, mettetelo in una ciotola, unite lo uova, sale pepe e lo speck, mescolate.

4 Sbucciate i fichi, tagliateli a pezzetti e uniteli al composto, amalgamate.

5 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda imburrate con un pennello (sciogliete un pezzetto di burro nel microonde o in un padellino) gli stampi, disponente la pasta dividendola per sei, distribuitela con le mani (è probabile che ve ne avanzi un pochino).

6 Distribuite il composto negli stampini, fino all’orlo ma senza esagerare, infornate per trenta, trentacinque minuti, gustate calde o ancora meglio tiepide.

DOLCI/ frutta secca

Pesche ricotta miele e pistacchi

Il dolcetto al volo del venerdì e di fine agosto. Davvero veloce, economico, versatile, tutto sommato light, fresco, con buoni contrasti di sapori.

Come sempre potete personalizzare, al posto della ricotta utilizzare lo yogurt greco o normale, robiola o formaggi spalmabili, mandorle, pinoli, noci, nocciole, datteri, invece delle pesche le albicocche, susine, prugne, granelle di zucchero, scaglie di cioccolato ecc…

Ultimi giorni in montagna, oggi con la pioggia, siamo veramente agli sgoccioli, a breve si torna a Milano, pronta per ricominciare con la mia vita di sempre, tante cose da fare, progetti, idee e altro.

Buon fine settimana.

 

 

pesche pistacchi ricotta miele

Ingredienti:

4 pesche noci mediamente mature

150 gr di ricotta freschissima

2-3 cucchiai di zucchero a velo

miele q.b.

2 cucchiai di pistacchi

 

pesche miele ricotta pistacchi

 

1 In una ciotola lavorate la ricotta con lo zucchero fino a ottenere un composto omogeneo.

2 Lavate le pesche, asciugatele, tagliatele a metà facendo attenzione a non romperle e togliere tutti i residui di nocciole.

3 Disponete le pesche su un vassoio o piatto da portata, mettete su ogni pesce due cucchiaini di ricotta.

4 Aiutandovi con una forchetta distribuite il miele, lasciate che coli dai rebbi della forchetta a caso.

5 Spolverate con dei pistacchi tritati grossolanamente.

Antipasti/ contorni/ verdure

Tarte alle cipolle rosse e pomodori

tarte ai pomodori cipolle rosse

Ennesima ricetta che avrebbe dovuto essere tutt’altro. L’idea di una torta salata c’era ma con la sfoglia diventata una brisee al parmigiano, volevo usare delle olive taggiasche e erbe provenzali, le prime le ha finite qualcuno, le seconde mi sono cadute per terra.

Ho pensato uso le acciughe, finite pure quelle, pensavo a una sorta di quiche alla fine ho usato la robiola per finirla, gli unici ingredienti originari sono le cipolle e i pomodori.

Ho preparato questa torta per un pic nic in montagna, trovo sia ideale per una grigliata, una cena in terrazza, durante un viaggio, in una scampagnata, si conserva bene e si rassoda altrettanto bene, al taglio vedete dalla foto rimane ben compatta.

Anche quest’estate sta  lentamente cominciando a volgere al termine e le mie mille ricette da preparare sono rimaste un’idea, mentre io ancora penso a pesche, albicocche, melanzane, cetrioli ecc…stanno già comparendo fichi, uva, funghi, mannaggia, ogni estate ho mille idee essendo quella estiva la mia frutta e verdura preferita poi non riesco.

Vediamo cosa riesco ancora a preparare, state sintonizzati.

 

tarte alle cipolle rosse e pomodori

 

Ingredienti:

per la pasta:

200 gr farina

100 gr di parmigiano grattugiato

125 gr burro freddo

acqua ghiacciata q.b.

per il ripieno:

2 cipolle di Tropea

2 pomodori da insalata

200 gr robiola

3 uova

2 cucchiai di parmigiano grattugiato

sale pepe origano

 

tarte alle cipolle rosse e pomodori

 

1 Preparate la pasta mettendo in una ciotola la farina, il parmigiano, il burro a pezzetti, cominciate a impastare aggiungendo poco alla volta anche dell’acqua, in pochi minuti dovrete ottenere una pasta compatta, liscia e omogenea, riponete mezzora in frigorifero.

2 Sbucciate le cipolle, tagliatele a rondelle, fatele saltare in padella per 15 minuti, io con acqua, se preferite con un paio di cucchiai di olio evo. Lasciate intiepidire.

3 In una ciotola lavorate le uova, la robiola, il parmigiano, dovrete ottenere un composto omogeneo, regolate di sale, pepe, origano a piacere.

4 Lavate i pomodori, tagliateli a fette nel senso orizzontale.

5 Imburrate uno stampo a cerniera diametro 22, distribuire la pasta, livellate bene i bordi perchè siano pari, distribuite le cipolle e le fette di un pomodoro.

6 Unite il composto di formaggio e uova, distribuitelo bene su tutta la torta, distribuite le fette del secondo pomodoro, spolverate di pepe, infornate a 200 gradi per 30 minuti, sfornate, gustate tiepida o fredda.

contorni/ verdure

Tortini di zucchine e robiola

tortino con zucchine e robiola

Fino a sette otto anni fa odiavo le zucchine, non mi piacevano per niente, se dovevo mangiarle per qualche motivo lo facevo a denti stretti, così come i broccoli, i cetrioli, alcuni formaggi e sicuramente altri ingredienti che ora non mi vengono in mente.

Poi per caso o perchè li ho mangiati in un’altra veste o chissà perchè ho cominciato a mangiarli spesso, non sono tra le mie verdure del cuore ovviamente ma li compro, mi piace cucinarli in modo diverso, variare, provare nuovi abbinamenti.

Penso succeda più o meno a tutti, crescendo cambiano i sapori che ci piacciono, le consistenze, a volte basta che un ingredienti che non amiamo sia arricchito di una spezia, un erba, un abbinamento insolito e ci innamoriamo di questo nuovo sapore.

Ecco, ero convinta che questo tortino non mi avrebbe entusiasmata, lo avrei mangiato ma senza aspettarmi nulla di che e invece mi è piaciuto tanto, l’ho mangiato di gusto e intendo prepararlo presto di nuovo!

 

tortino alle zucchine e robiola

 

Ingredienti:

per sei tortini

4 zucchine grandi

200 gr di robiola

2 uova

80 gr parmigiano grattuggiato

sale e pepe

burro per stampini

1 Lessate le zucchine e frullatele.

2 Unite la robiola, le uova, il parmigiano, sale e pepe e mescolate fino a ottenere un composto omogeneo.

3 Accendete il forno a 200 gradi, imburrate gli stampini, versate con un mestolo il composto, poco meno del bordo, infornate per 30 minuti, sfornate, servite come preferite subito o tiepido o freddo.

Antipasti/ contorni/ verdure

Plumcake speck fagiolini e Silter

plumcake silter fagiolini e speck

Idea nata per finire lo speck e i fagiolini, i plumcake come i muffin, i pancake, le torte salate ecc…sono geniali perchè semplici da fare, veloci e puoi utilizzare praticamente qualsiasi ingrediente.

Il Silter per chi non lo conoscesse è un formaggio tipico della Valle Camonica, qualche anno fa ha ricevuto il riconoscimento della DOP, fra i tanti formaggi della valle possiamo dire che è il più noto ma ce ne sono moltissimi altri a onor del vero.

Continua la scia delle ricette facili, veloci, economiche, alla portata anche dei meno avvezzi ai fornelli, di cucinare in realtà avrei anche voglia, meno di trascorrere del tempo al computer, aspetto necessario per condividere con voi le ricette, ecco quindi che cerco di semplificare il tutto.

Siamo ormai a ferragosto, vi auguro di trascorrere una bella giornata, un bel fine settimana, a casa mia non cambia molto rispetto alle altre giornate ma so che tanti vanno fuori a pranzo, organizzano grigliate, serata sulla spiaggia, falò, ovunque voi siate godetevi ogni istante, anche chi non è in vacanza.

 

plumcake ai fagiolini speck e silter

 

Ingredienti:

180 gr farina

1 bustina di lievito

3 uova

100 gr di Silter

10 cl di olio evo

10 cl di latte

50 gr di speck a dadini o stick

100 gr di fagiolini

sale e pepe

 

plumcake al silter speck e fagiolini

 

1 Lessate i fagiolini.

2 In una padella antiaderente senza olio cuocete lo speck, basteranno 4-5 minuti.

3 In una ciotola radunate la farina e il lievito setacciati, il formaggio metà grattugiato, metà tagliato a pezzetti, unite i fagiolini tagliati a pezzetti, mescolate.

4 Unite le uova precedentemente sbattute con l’olio e il latte, amalgamate il tutto, regolate di sale e pepe, da ultimo unite lo speck scolando il grasso in eccesso.

5 Scaldate il forno a 180 gradi, mentre si scalda ungete uno stampo da plumcake con del burro, versate il composto, livellate la superficie perchè sia pari, infornate per 50 minuti, sfornate, lasciate intiepidire prima di toglierlo dallo stampo.

contorni/ verdure

Melanzane con fregola pomodori e mozzarella

melanzane ripiene con fregola pomodori e mozzarella

Piatto estivo semplice e diverso dal solito. La melanzana quando la immagino la penso sempre fritta, una bella parmigiana  o polpette, in realtà il più delle volte la preparo in modo sano, più veloce, come in questo caso.

Ricetta versatile che potete adattare ai vostri gusti e agli ingredienti che avete, a me piace particolarmente perchè diventa un piatto unico, la verdura c’è, i cereali anche, il formaggio che regala sapore e sostanza anche, ho utilizzato anche dell’origano che soprattutto d’estate apprezzo maggiormente.

Avrei voglia di cucinare tante ricette, sperimentare piatti, abbinamenti, anche portarmi avanti per settembre che sarà un mese ricco di cose da fare ma in montagna la cucina è piccola, mi mancano tante attrezzature, al contrario degli altri anni non ho voluto portarmi dietro mezza casa per sfornare ricette. Diciamo che vince la pigrizia, mi applico il minimo.

Dopo tanto caldo, le temperature sono scese e le piogge sono arrivate, vi auguro buona giornata io vado a fare colazione con una tazza di te’ caldo.

 

melanzane con fregola mozzarella e pomodori

 

Ingredienti:

per due persone

due melanzane grandi striate

160 gr di fregola

100 gr di pomodori datterini o ciliegini

70 gr di mozzarella

50 gr di parmigiano

mezzo cucchiaino di origano

sale e pepe

1 cucchiaio di olio evo

 

melanzane con fregola pomodori e mozzarella

 

1 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda lavate le melanzane, tagliatele nel senso della lunghezza, aiutandovi con uno scavino togliete la polpa interna (usatela per un sugo, polpette o altro). Disponete le melanzane su una teglia da forno con della carta forno (se preferite senza con dell’olio), infornate per trenta minuti.

2 Nel mentre mettete a bollire l’acqua come per la pasta e preparate la fregola, una volta cotta scolatela e raffreddatela con acqua fredda.

3 In una ciotola tagliate a pezzetti la mozzarella ben scolate e i pomodorini lavati, condite con sale pepe, origano e olio, unite la fregola.

4 Estraete la teglia dal forno, rapidamente aiutandovi con un cucchiaio farcite le melanzane, spolverate di parmigiano, infornate per circa 15 minuti, la mozzarella dovrà sciogliersi e il parmigiano dorarsi, servite calde o tiepide.