Browsing Tag:

Frutta

DOLCI

Ciambella arancia e ganache al cioccolato

Buon anno a tutti!

Sono scomparsa causa problemi a casa che mi hanno impedito di cucinare per una decina di giorni, ritorno con un dolce semplice e casereccio che profuma di colazione, merenda, relax.

Le foto non sono granchè ma in questi giorni la luce è stata pessima, sempre tanta pioggia e in una casa che non è mia non riesco a prendere bene le misure, non ho le mie stoviglie, lo spazio che utilizzo per le foto ecc…..

Ho in mente tantissime ricette, gennaio sarà un mese un po’ complicato perchè non posso stare a casa mia ma qualcosa comunque cucinerò, a febbraio mi dedico alla cucina a gogo, non vedo l’ora!

Buona giornata.

 

Ingredienti per uno stampo piccolo 15-18 cm:

190 gr farina

1 bustina di lievito

3 uova

125 gr burro morbido

190 gr zucchero

succo di 2 arance

un pizzico di sale

150 gr cioccolato fondente

100 ml panna fresca

1 Lavorate con le fruste elettrice burro e zucchero fino a ottenere un composto chiaro, gonfio, spumoso, circa 5 minuti.

2 Unite un uovo alla volta sempre con le fruste elettriche.

3 Unite il succo di arancia. Mescolate.

4 Unite farina e lievito setacciati, mescolate bene.

5 Scaldate il forno a 170 gradi, versate il contenuto nello stampo (da budino, di silicone con forma, ecc…), cuocete circa 35- 40 minuti. Sfornate e lasciate intiepidire almeno due tre ore prima di rovesciarlo delicatamente.

6 Sciogliete a bagnomaria il cioccolato spezzettato, quando è quasi fuso unite la panna e mescolate bene. Dovrete ottenere una crema liscia lucida densa.

7 Con una spatola o un cucchiaio distribuite la crema poca alla volta, disponetela in modo tale che coli sui bordi esteri quindi leggermente distante dal centro, servite subito o se preferite che si rassodi un pochino dopo una mezzora.

DOLCI

Panna cotta gianduia e ribes

Archiviato Natale ci si prepara al Capodanno.

Voi vi preparate perchè a me non è mai interessato particolarmente, se capita una serata carina va bene ma non ho mai pensato che si debba fare qualcosa a tutti i costi, ne ho passati tanti a casa guardando un film e credo che quest’anno sarà lo stesso, oltretutto lavoro tutti i giorni quindi tempo per organizzare cene, inviti ecc…non ne ho e non posso andare via.

Un dolcetto però ci vuole, possibilmente senza troppi fronzoli e grandi preparazioni.

La panna cotta in questo senso vince sempre, pochi ingredienti, economica, velocissima da preparare, bellina da vedere e decorare. La mia al gianduia (che io amo molto) e con il ribes che fa tanto feste natalizie.

Non so se riuscirò a pubblicare un’altra ricetta prima del 31, nel dubbio mi porto avanti e vi auguro un felice 2023, divertitevi e tenetevi strette le persone/situazioni/cose belle.

 

Ingredienti per sei porzioni:

440 ml panna fresca

10 gr colla di pesce

150 gr cioccolato gianduia

100 gr zucchero

ribes

 

1 Sciogliete il cioccolato  a bagnomaria o nel microonde (potenza minima).

2 Nel mentre ammollate in acqua fredda i fogli di colla di pesce.

3 In un pentolino versate la panna e lo zucchero, mettete sul fuoco fiamma medio/bassa, mescolate e portate a bollore, non deve bollire ma scaldarsi.

4 Quando cominciano a comparire le bollicine sui bordi, unite la colla di pesce ben strizzata, mescolate, si scioglierà subito, unite poi il cioccolato fuso, amalgamate bene.

5 Versate la panna cotta in dei pirottini da muffin o altri contenitori mono porzione, vi consiglio di posizionarli su un vassoio/teglia che entri in frigorifero, trasportarli con il liquido sarà più facile. Una volta riempiti gli stampini aspettate dieci minuti poi trasferite in frigorifero per almeno 4 ore.

6 Sformateli delicatamente nei piatti dove volete servirla, decorate con il ribes o cioccolato fuso, anche bianco, piccole meringhe, mini amaretti, frutti di bosco, panna montata, quello che volete.

Creme

Patè con le castagne

A Natale è molto più frequenta regalare dolce invece che salato.

Mi riferisco a regali home made, gli altri nulla di più semplice che regalare un salame, del formaggio, un barattolo di verdure sott’olio, un patè ecc….ma home made tolto il pesto o il ragù raramente ho ricevuto qualche prelibatezza e in generale anche quando mi chiedono si punta sempre al dolce.

Ecco allora questo semplicissimo patè di castagne salato perfetto sul pane, grissini, taralli ma anche per condire la pasta, aggiungerne un cucchiaio al risotto o come crema da gustare con delle verdure.

Idea veloce, per regalarlo vi basta un barattolo che potete riciclare lavandolo da qualcosa che avete a casa o comprarlo, ormai in tanti negozi, supermercati compresi, si trovano facilmente barattolini anche molto belli, mettete un nastro,  un fiocco o se avete dei copri barattoli in stoffa che avete tenuto da parte mettete quello.

Ed è fatta, originale, diverso dal solito, buono ovviamente e anche economico che non guasta.

Buona giornata!

 

Ingredienti per circa 4 barattoli da 250 gr circa

350 gr castagne bollite o precotte (le trovate al supermercato)

200 gr caprino

olio evo

sale e pepe

1 Tritate grossolanamente le castagne a mano o con un mixer.

2 Mettete nel mixer tutti gli ingredienti, iniziate a frullare e poco alla volta a filo unite l’olio, frullate fino a ottenere una crema omogenea, senza pezzi di castagne, regolate di sale e pepe, mettete nei barattoli.

 

Antipasti/ contorni

Crostini pere gorgonzola e castagne

Forse, diciamolo sottovoce, è arrivato l’autunno, la mattina l’aria è frizzantina, cominciano a esserci foglie secche, alberi che cambiano colore, il piacere di un maglione, una copertina sul divano, una merenda con castagne e vino rosso, magari in una baita con amici o in un bosco.

Per ora le ho mangiate a casa di amici, non c’era il bosco e neppure la baita ma il vino rosso e il tepore delle castagne bollenti che ti ustionano le mani sbucciandole si!

 

Ricetta che non si può chiamare tale, non c’è infatti molto da fare, idea per aperitivo, contorno o quando preferite, devono essere caldi quindi avete bisogno di un forno e un po’ di spazio.

Non amo molto il gorgonzola ma abbinato al dolce della pera trovo sia buono, un abbinamento riusciuto, per gli scettici del dolce e salato insieme, provate!

Vi indico gli ingredienti a grandi linee, non esistono dosi esatte, potete mettere più fette di pera o meno formaggio, più castagne ecc…

Per circa una decina di fette di pane prendete due pere grandi o tre piccole, circa 150/200 gr di gorgonzola dolce o piccante, come preferite, due- tre cucchiai di castagne bollite (che trovate già pronte al supermercato) e un filone di pane, classico o nere, con semi, integrale ecc…

Distribuite prima le pere poi il formaggio e infine le castagne, forno caldo a 200 gradi, lasciate dentro circa 5 minuti più 1-2 minuti di grill per dorare leggermente il formaggio. Se volete salate e spolverate con poco pepe.

 

DOLCI

Plumcake al limone

Da sempre muffin e plumcake sono fra i miei dolci preferiti, ne ho sfornati centinaia, amo moltissimo i dolci al limone, qua ne trovate tanti con il lemon curd, tarte au citron, cheesecake, la lemon square, ecc….scopro ora di non aver mai pubblicato il plumcake al limone!

Ero certa ci fosse, mentre lo preparavo ho voluto dare un’occhiata solo per togliermi il dubbio per quanto fossi certa di aver già pubblicato questa ricetta e invece….ormai mi rassegno di dare per scontate ricette che non lo sono e di scordarmi quelle che preparo più spesso.

Diciamo anche che a breve mi avvicino allo stratosferico traguardo delle mille ricette, non l’avrei mai detto quando ho iniziato nove anni fa ed eccoci qua, se ci penso trovo sia qualcosa di straordinario! Ne parleremo a tempo debito.

Venerdì uggioso, da quando lavoro il sabato non mi cambia molto, non sento più il clima di relax, festa che prelude al week end, è diventato un giorno come tutti gli altri della settimana, mi sto abituando a ritmi e orari diversi, quello che non è cambiato è che il venerdì sono stanca e cerco sempre di preparare un dolcetto per il week end, spero lo facciate anche voi! 

 

Ingredienti:

3 uova

220 gr zucchero

1 limone scorza grattugiata e succo

80 ml acqua

120 ml olio di semi di girasole

100 gr amido di mais

300 gr farina

16 gr lievito per dolci

 

1 Rompere in una ciotola le uova, mescolare con le fruste elettriche. Aggiungere lo zucchero, sempre continuando a mescolare, fino a ottenere un composto chiaro e spumoso.

2 Aggiungere la scorza grattugiata del limone, il  succo spremuto. Mescoliamo il tutto con le fruste elettriche.

3 Continuando a mescolare versare l’acqua, l’olio di semi di girasole, l’amido di mais e la farina un po’ alla volta. Versare insieme la bustina di lievito per dolci e amalgamare il tutto, sempre con le fruste elettriche. Una volta mescolati tutti gli ingredienti, il nostro impasto è pronto.

4 Versare l’impasto in uno stampo per plumcake  ben unto e infarinato. Infornare il plumcake soffice al limone e  cuocere in forno ventilato, preriscaldato a 170 °C, per circa 50 minuti oppure in forno statico, preriscaldato a 180 °C, per 50 minuti circa.

Primi/ verdure

Risotto zucca e castagne

Grande amore per la castagne, non vedo l’ora che arrivi l’autunno per mangiarle, ma non solo.

Amo andare a raccoglierle, la pace dei boschi, chinarsi per cercarle, riempire il cestino, tornare a casa soddisfatta dal bottino, adoro le serate con le caldarroste in forno e il loro profumo unico, le mani che si ustionano perchè vuoi divorarle subito quando sono ancora bollenti.

Amo la crema di marroni, da sola, nei dolci, soprattutto nelle crepes, la farina di castagne mi ricorda sempre la mia nonna, i grandi sacchetti che ci regalava, che prendeva in botteghe con prodotti locali in Toscana, sono cresciuta con il profumo del castagnaccio (che a me non entusiasma a essere onesti).

Mi piace associare le castagne al vino, alle foglie secche che scricchiolano sotto i piedi, i primi freddi, la copertina sul divano, per chi ce l’ha accendere il camino, il profumo dell’uva, i colori pazzeschi della natura, il passare dal giallo al rosso, dal marrone all’arancione.

Insomma se non si fosse compreso, appartengo al team autunno!

 

Ingredienti per due persone:

140 gr di riso carnaroli

120 gr zucca

2 cucchiai di castagne bollite

mezzo litro di brodo (vegetale o carne o se non riuscite a farlo utilizzate il dado)

mezzo bicchiere di vino rosso

50 gr di parmigiano grattugiato

sale 

io non ho mantecato con il burro ma se volete mettetene l’equivalente di due noci

1 Pulite la zucca, tagliatela a pezzetti, fatela cuocere con mezzo mestolo di brodo caldo in una casseruola a sponde alte, circa 15 minuti.

2 Versate il riso nella casseruola una volta che il brodo si è assorbito, tostatelo per qualche minuto, nel mentre mescolate, sfumate con il vino rosso, fuoco a fiamma viva.

3 Aggiungete un mestolo colmo di brodo, salate, mescolate e lasciate cuocere per circa 18 minuti (di solito trovate scritto il tempo sulla confezione), mescolate di tanto in tanto aggiungendo brodo quando serve, state attenti a non farlo attaccare, a metà cottura aggiungete le castagne tritate grossolanamente.

4 Dopo il tempo indicato, spegnete, unite il parmigiano, mescolate, fate riposare per cinque minuti, servite.

 

Creme/ DOLCI

Torta pere e cioccolato

Buon sabato! 

Ho preparato questa torta perchè avevo in casa della pasta sfoglia da finire e un avanzo di crema ganache utilizzata per un altro dolce, non era mia intenzione pubblicare la ricetta perchè davo per scontato di averlo già fatto nel corso degli anni trattandosi di una torta che preparo da secoli e a casa mia va per la maggiore.

Clicco sul tasto cerca solo per togliermi lo scrupolo di verificare, pur essendone certa, che fosse già fra le ricette e invece….scopro dopo nove anni di blog di non aver mai condiviso questa torta che potrei preparare ad occhi chiusi, che ho sfornato migliaia di volte, che ho imparato a cucinare quando avevo sedici anni.

Non è bella perchè l’ho cucinata al volo, se avessi voluto pubblicarla avrei preparato la frolla che la rende molto più buona e vi consiglio di utilizzare se avete tempo di farla, avrei curato di più l’estetica ma appunto è stata fatta solo per terminare degli ingredienti.

Pere e cioccolato un classicone che si trova in mille varianti, questa molto molto golosa e godereccia con la crema ganache che sfido trovare qualcuno a cui non piaccia. Un dolce più da fine pasta che non da colazione o merenda.

Provatela!!!

 

Ingredienti:

stampo 22 ma va bene anche  24 (vedete che c’è pasta in abbondanza nei bordi per cui potete ridurla con uno stampo più grande)

1 rotolo di pasta sfoglia

o 1 rotolo di pasta brisee’

o pasta frolla comprata oppure qua ne trovate decine di ricette

1 pere grossa decana matura (o più pere piccole, anche di altra varietà basta che sia matura non dura)

250 gr cioccolato fondente

200 ml panna fresca

 

1 Spezzettate grossolanamente il cioccolato e fondetelo a bagnomaria.

2 Quando ormai è quasi fuso del tutto unite la panna e mescolate fino a ottenere una crema scusa, omogenea, liscia e lucida, togliete dal fuoco e mettete da parte.

3 Imburrate lo stampo (se usate il silicone non serve, potete usare anche la carta forno) e stendete la pasta che avete scelto (ricordo io consiglio la frolla), accendete il forno a 200 gradi.

4 Mentre si scalda sbucciate la pere, togliete il torsolo e tagliatela a pezzetti, distribuiteli sulla superficie della frolla.

5 Versate la crema ganache, uniformate la distribuzione della crema facendo roteare delicatamente lo stampo, infornate per circa 30 minuti, devono risultare dorati i bordi della pasta, sfornate e lasciate raffreddare prima di servire.

 

 

Creme/ DOLCI

Tortini uva fragola e cioccolato

L’uva mi piace ma non la metterei sul podio dei miei frutti preferiti, fra tutti i tipi la mia preferita è l’uva fragola, dolce, piccola, scura.

Questo un dolcetto un po’ inventato, ero partita con l’idea di fare dei muffin poi dei piccoli soufflè, alla fine è emerso un tortino, la forma del muffin non c’è, ho messo troppa uva (a voi indico la dose corretta) che ha appesantito l’impasto e ovviamente affossato l’idea del soufflè che si base sull’aria incorporata dalle uova dando un effetto nuvola, soffice.

L’ho accompagnata con una crema ganache che amo molto ma potete gustarlo da solo (ideale come merenda da portarsi a scuola, in ufficio ecc…) con panna montata, con un filo di panna fresca o se volete marmellata.

Siamo giunti a fine settembre per me mese molto importante, ricco, intenso, un mese di svolta, svolta molto molto positiva, ne parleremo più avanti, sono stanchissima, fra impegni nuovi e già presi ho avuto giornate molto movimentate, arrivo a sera stravolta ma contenta!

Buon week end!

 

Ingredienti:

4 uova

130 ml di olio di semi

130 gr di zucchero

240 gr di farina

una bustina di lievito

70 gr di uva fragola

150 gr di pepite di cioccolato

per la crema ganache:

250 gr cioccolato fondente

200 ml panna fresca

 

1 Sbattete le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.

2 Unite l’olio mescolate.

3 Unite la farina e il lievito setacciati, amalgamate bene.

4 Lavate l’uva, tamponatela con uno strofinaccio o scottex per asciugarla, unitela al composto, unite il cioccolato.

5 Accendete il forno a 175 gradi, mentre si scalda imburrate gli stampini se necessario (io ho usato il silicone per cui niente burro), versate il composto per trequarti della capienza, infornate per 25-30 minuti, sfornate e lasciate raffreddare.

6 Sciogliete il cioccolato ridotto a pezzetti a bagnomaria, una volta fuso unite la panna mescolate fino a ottenere una crema omogenea e lucida. Servite i tortini con la crema versandola sopra o di lato, come preferite.

 

DOLCI/ frutta secca

Strudel prugne cioccolato nocciole

Finalmente autunno, ti aspettavo con ansia e trepidazione, non amo l’estate mentre amo le altre stagioni, adoro quando inizia a esserci l’aria frizzantina, la prima copertina sul divano, la prima tazza di te’ caldo, rimettere le calze, sentire il desiderio di un piatto caldo, confortevole.

Inoltre con fine settembre rinasco, la voglia di fare, le energie, idee, progetti si affacciano per prendere piede con entusiasmo, desiderio, curiosità, non saprei descrivere la sensazione ma colgo perfettamente il momento in cui il mio stato d’animo cambia e divento più propositiva, energica, determinata.

Pertanto benvenuto autunno, settembre sta volgendo rapidamente al termine, è stato tanto ricco, pieno, saziante, quanto ancora lo sarà essendo i prossimi giorni ricchi di impegni, trasferte, amici da abbracciare, luoghi da visitare.

Tutta questa energia nasce anche da colazioni degne di questo nome, da non concedersi sempre ma ogni tanto uno strudel o torta, brioche, muffin ecc….sono l’ideale per affrontare le giornate che nel mio caso sono lunghe, intense, molto stancanti.

Uno strudel semplicissimo, la pasta potete comprare una sfoglia o brisee’ o farla voi, farcitura a piacere, potresti aggiungere amaretti, altra frutta secca, altra frutta, miele o zucchero, biscotti tritati, spezie come cannella, noce moscata, cardamomo, ecc…..Buon fine settimana!

 

Ingredienti:

1 rotolo di pasta brisee’

6-7 prugne

100 gr di cioccolato fondente

60 gr di nocciole

zucchero-miele facoltativi

 

 

1 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda srotolate la pasta brisee’.

2 Lavate le prugne, tagliatele a pezzetti grossolani eliminando il nocciolo.

3 Tritate il cioccolato grossolanamente o utilizzate gocce, pepite già pronte.

4 Tritate grossolanamente le nocciole.

5 Stendete la pasta direttamente sulla teglia con sotto la carta forno, disponete gli ingredienti alternandoli nel senso verticale rispetto a voi, compattateli e ripiegate i bordi su stessi premendo bene per sigillarli.

6 Infornate per 30-35 minuti, deve risultare dorato, sfornate e servite tiepido o a temperatura ambiente.

Primi

Strangozzi al pesto di avocado

Gli strangozzi sono una pasta tipica umbra, pasta lunga, spessa, di grano duro, si mangiano e condiscono come gli spaghetti, bucatini, linguine ecc…

Il pesto di avocado l’ho sempre preparato in un altro modo, con pomodori secchi, cipollotti, frutta secca, quando ho trovato questa mi ha al tempo stesso incuriosito e anche lasciata un po’ perplessa.

Il connubio parmigiano, menta, avocado non mi convinceva molto, sapori molto diversi, tutti ben definiti, come sempre non ho esitato a provare, subito sono andata a prendere l’avocado.

Bando alle perplessità mi è piaciuto molto, si sente bene tutto, il limone, l’aglio, la menta, il parmigiano, l’avocado, dosando correttamente gli ingredienti emerge un sapore equilibrato, armonico, da mettere da parte per non finirlo a cucchiaiate prima che sia cotta la pasta.

Voto 9 direi, provatelo e fatemi sapere, buon inizio settimana, a me aspetta una settimana intensa!

 

Ingredienti:

pasta quella che volete per due persone

1 avocado maturo

succo di un limone

1 spicchio d’aglio medio

40 gr di parmigiano

una decina di foglie di menta

2 cucchiai di olio evo

sale e pepe

 

1 Sbucciate l’avocado, tagliatelo a pezzetti grossolanamente, inseritelo nel mixer.

2 Sbucciate l’aglio, tagliatelo a pezzetti unitelo all’avocado.

3 Unite il parmigiano, il succo di limone, l’olio, il sale e il pepe, frullate tutto molto bene, deve avere un colore e una consistenza omogenei, se vi sembra troppo denso, unite un goccio d’acqua e mescolate, preparatelo mentre condite la pasta in modo che sia fresco e di un bel colore.