Browsing Tag:

Frutta secca

Creme/ DOLCI

Torta alle mandole mele e crema all’amaretto

Una torta che mi è piaciuta tantissimo nella sua semplicità.

Sono sapori che amo, umida al punto giusto grazie alla presenza delle mele, quel retrogusto leggermente amaro dato dalla farina di mandorle, la bontà dell’amaretto (adoro l’amaretto di Saronno) e la note dolce del cioccolato bianco, insieme si sposano alla grande.

Perfetta a colazione, per merenda, se mettete la crema conservatela in frigorifero, considerate che la crema con il passare dei giorni perde consistenza, la torta invece dura tranquillamente quattro – cinque giorni….non a casa mia!

Pronti per le ricette natalizie? In realtà come ormai faccio da un paio d’anni, vi proporrò idee regalo a tema culinario dolci e salate, ricette semplice che potete replicare per fare un pensiero ad amici, colleghi, la portinaia ecc…giuro prometto idee alla portata di tutti!

Buon fine settimana!

 

Ingredienti:

per la torta:

160 gr farina di mandorle

80 gr farina 00

200 gr zucchero

2 mele

100 gr burro

4 uova

2 tuorli

8 gr lievito per dolci

per la crema:

250 ml latte

2 albumi

20 gr amido di mais

60 gr zucchero

1 cucchiaio liquore all’amaretto

50 gr cioccolato bianco

 

1 In una ciotola montate le uova e i tuorli con lo zucchero fino a che saranno raddoppiati.

2 Unite il burro fuso tiepido, mescolate bene.

3 Setacciate le due farine e il lievito, uniteli delicatamente al composto poco alla volta, amalgamate bene.

4 Unite le mele sbucciate e grattugiate o tagliate a fette sottili, mescolate.

5 Imburrate uno stampo a cerniera diametro 22 (vanno bene anche 18 o 24 cambierà l’altezza della dolce), scaldate il forno a 170 gradi, versate il composto livellate la superficie, infornate per circa 45 minuti.

6 Preparate la crema, in una casseruola a sponde medie radunate gli albumi, lo zucchero, l’amido e il liquore, mescolate con una frusta.

7 Versate sul composto il latte scaldato (potete non scaldarlo, la crema ci metterà di più ad addensarsi), mettete sul fuoco, fiamma bassa, mescolate fino a che la crema non si addenserà, spegnete e unite mescolando il cioccolato tritato grossolanamente.

8 una volta che la torta sarà fredda o tiepida spalmate con una spatola la crema.

DOLCI

Semolino pistacchi e cioccolato

Un dolce che mi ricorda la mia nonna, semplice, genuino, profuma di casa, di buono.

L’ho sempre amato e trovo sia molto trascurato, sottovalutato, lo si associa spesso a una sorta di piatto per malati, per anziani data la sua consistenza morbida ma trovo sia un errore, enorme!

E’ un dolce versatile, buono solo con zucchero e latte ma per conferirgli più sapore si può aggiungere frutta secca, miele, cioccolato, uvette, frutta fresca, amaretti, sciroppi, panna, spezie ecc…

Per me decisamente un dolce confortevole, una certezza, specie in questi giorni in cui devo fare mille cose, le giornate non mi bastano, spesso neppure riesco a fare tutto e comunque arrivo a sera stravolta, a dire il vero inizio a sbadigliare senza sosta dopo pranzo.

Sarà il cambio di stagione, sarà la ripresa di tutto in contemporanea, sarà quel che sarà ma sono sempre molto assonnata, un dolce da tagliare a quadrotti pronti all’uso e’ quello che ci vuole! 

Semolino di farro di Azienda Agricola Dolci Giuseppina

Ingredienti:

per una teglia 25×20

150 gr di biscotti secchi tipo Digestive

80 gr burro fuso

500 ml latte

100 gr zucchero

150 gr semolino di farro

3 uova

80 gr di granella di pistacchi

100 gr pepite di cioccolato

 

1 Tritate finemente i biscotti, unite il burro, amalgamate

2 Coprite la teglia con la carta forno, distribuite i biscotti, schiacciate bene il forno alla stessa altezza.

3 In una casseruola a  sponde alte versate il latte e lo zucchero, fuoco a fiamma media.

4 Portate a bollore mescolando, lo zucchero deve sciogliersi, quando cominciano a comparire le prime bolle, versate lentamente il semolino mescolando sempre, proseguite fino a che il composto si addenserà. Utilizzate una frusta a mano per mescolare ed evitare che si formino grumi. Spegnete e fate intiepidire, mescolate ogni tanto per far raffreddare prima.

5 Unite un uomo alla volta mescolando energicamente.

6 Unite i pistacchi e il cioccolato, mescolate fino a ottenere un composto omogeneo.

7 Infornate a 200 gradi per 35-40 minuti, il composto dovrà risultare ben cotto, non molle, dorato ma non scuro, lasciate raffreddare e tagliate a quadrotti.

DOLCI

Strudel albicocche pistacchi cioccolato

Il dolce estivo super veloce, ideale a colazione, dopo pranzo, per merenda o quando volete.

Ovviamente la pasta sfoglia non l’ho preparata, ci vuole troppo tempo che in questo periodo non ho ma soprattutto fa troppo caldo, come sempre ode a chi l’ha inventata pronta.

La farcitura sono andata ad occhio, diciamo che si tratta della classica ricetta svuota frigo, potete metterci quello che volete, altra frutta, senza cioccolato, altra frutta secca, miele al posto dello zucchero, amaretti o biscotti sbriciolati, cioccolato bianco, aromatizzato, ecc…

Ridendo e scherzando siamo a fine giugno, un mese che è voltato, caratterizzato da un impegno importante ancora da concludersi, sono felice di essere del tutto assorbita dalle mie cose così penso meno al caldo che come sapete odio, lo soffro comunque ma cerco di concentrarmi su altro, faticoso ma funziona.

Ma soprattutto, ci rendiamo conto che manca poco più di un mese alle vacanze? Dopo l’anno trascorso, per lo più in casa, non vedo l’ora, ne sento la necessità molto più dell’anno scorso, del resto sulle spalle abbiamo un anno e mezzo di covid, l’anno scorso erano tre-quattro mesi! 

Intanto, questo week end vado in Toscana, fuga dalla città nel fine settimana, buon week end!

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia

6 albicocche mature

100 gr di cioccolato fondente

2 cucchiai di zucchero di canna

1 cucchiaio di granella di pistacchi 

1 Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda srotolate la pasta sfoglia.

2 Lavate e tagliate a pezzetti le albicocche, mettetele in una ciotola.

3 Unite lo zucchero, i pistacchi e il cioccolato (a scaglie, tritato, a quadretti, in gocce ecc…), amalgamate bene gli ingredienti.

4 Versate la farcitura sulla pasta sfoglia, distribuitela in modo uniforme in verticale lasciando liberi i bordi, diversi cm, richiudete la pasta su stessa al centro e sui lati piccoli, se volete spennellate di latte e zucchero, infornate per circa 35 minuti, dovrà risultare dorato.

 

 

 

 

 

 

 

 

Dal mondo/ DOLCI

Fudge al cioccolato e arachidi

fudge al cioccolato con arachidi

Non l’avevo mai fatto, sentito nominare tante volte, visto sulle riviste ma mai preparato e neppure assaggiato.

Mentre lo facevo pensavo che non mi avrebbe entusiasmata, l’avrei trovato buono ma troppo dolce per i miei gusti, dolci si, ma non stucchevoli.

Che dire? E’ stato amore al primo morso, son dolci ma molto meno di quanto immaginassi, il salato delle arachidi ci sta benissimo, rende molto dolce e regala quel tocco di sapidità/contrasto ottimo.

Io ve lo dico, sono una droga, ne avrei mangiati all’infinito, davvero non avrei mai pensato potessero essere così buoni, immaginavo lo fossero ma come mille altri dolci, avevo infatti deciso di portarli tutti ai miei, dopo il primo assaggio ho cambiato idea tenendone un po’ nel mio frigorifero.

Ricetta per tutti, veramente di una semplicità sorprendente, si scioglie tutto a bagnomaria e il gioco è fatto, inoltre ne avrete parecchi, potete riempire almeno 4-5 sacchettini e si conservano oltre una settimana in frigo, basta tirarli fuori una quarto d’ora prima di gustarli.

 

fudge con cioccolato e arachidi

 

Ingredienti:

30 gr burro

500 gr cioccolato fondente

400 ml latte condensato

240 gr arachidi salate e tostate

 

fudge al cioccolato e alle arachidi

1 Sciogliete a bagnomaria il burro a pezzetti, il cioccolato tagliato grossolanamente, il latte condensato, dovete ottenere un composto denso e ben amalgamato.

2 Una volta pronto togliete dal bagnomaria e unite le arachidi mescolate molto bene.

3 Prendete una pirofila rettangolare o una teglia, copritela con la carta forno, versate il composto, livellate con una spatola perchè risulti alla stessa altezza su tutta la superficie, mettete in frigorifero almeno tre ore, meglio tutta la notte.

4 Tagliatelo a quadratini, io tipo caramella grande ma potete fare anche tipo quadrotto simil brownie.

DOLCI/ frutta secca

Pesche ricotta miele e pistacchi

Il dolcetto al volo del venerdì e di fine agosto. Davvero veloce, economico, versatile, tutto sommato light, fresco, con buoni contrasti di sapori.

Come sempre potete personalizzare, al posto della ricotta utilizzare lo yogurt greco o normale, robiola o formaggi spalmabili, mandorle, pinoli, noci, nocciole, datteri, invece delle pesche le albicocche, susine, prugne, granelle di zucchero, scaglie di cioccolato ecc…

Ultimi giorni in montagna, oggi con la pioggia, siamo veramente agli sgoccioli, a breve si torna a Milano, pronta per ricominciare con la mia vita di sempre, tante cose da fare, progetti, idee e altro.

Buon fine settimana.

 

 

pesche pistacchi ricotta miele

Ingredienti:

4 pesche noci mediamente mature

150 gr di ricotta freschissima

2-3 cucchiai di zucchero a velo

miele q.b.

2 cucchiai di pistacchi

 

pesche miele ricotta pistacchi

 

1 In una ciotola lavorate la ricotta con lo zucchero fino a ottenere un composto omogeneo.

2 Lavate le pesche, asciugatele, tagliatele a metà facendo attenzione a non romperle e togliere tutti i residui di nocciole.

3 Disponete le pesche su un vassoio o piatto da portata, mettete su ogni pesce due cucchiaini di ricotta.

4 Aiutandovi con una forchetta distribuite il miele, lasciate che coli dai rebbi della forchetta a caso.

5 Spolverate con dei pistacchi tritati grossolanamente.

DOLCI

Gelato alle mandorle e cannella senza gelatiera

gelato alla mandorla e cannella senza gelatiera

Ragazzi/e non mi pare vero che abbiamo superato metà luglio e pure decisamente indenni dal caldo, un’estate fantastica senza calura e zanzare, dopo la primavera che abbiamo avuto (non climaticamente parlando) ci voleva un’estate tranquilla senza svenire a ogni passo per l’afa.

Metà luglio superata vuol dire pure pochi giorni alla partenza! Devo dire che questo periodo mi sta sfuggendo fra le mani, le giornate volano e io faccio tante cose ma ne avrei da fare altrettante, sono felice di aver concluso alcune pratiche importanti ma non so voi, io ho elenchi infiniti di mansioni da svolgere, quando depenno una voce dalla lista sono felice.

Veniamo alla ricetta, altro gelato molto molto semplice da preparare a portata di tutti, io non le avevo ma se avete della mandorle in formato lamelle tostatele qualche istante, regaleranno profumo e sapore a questo gelato che se amate le mandorle e la cannella è uno schianto.

Vi lascio, sto per partire, direzione montagna ma domani andrò in Trentino, la località dove vado in montagna si trova a soli sette chilometri dal Trentino, sono stata molte volte in Val di Sole ma anche a Trento, Merano, ecc….Buon week end.

 

gelato alla cannella e mandorle senza gelatiera

 

Ingredienti:

per circa 500 gr di gelato

1 barattolo di pasta di mandorle da 200 gr

300 ml di latte condensato

400 ml di panna fresca

cannella a piacere.

1 Montate la panna ben ferma.

2 Mescolate la pasta di mandorle con la cannella e il latte condensato, dovrete ottenere un composto liscio e omogeneo.

3 Con una spatola unite in due volte la panna montata con un movimento dall’alto verso il basso, dovrete ottenere un composto omogeneo senza tracce bianche di panna. Mettete in surgelatore per almeno sei ore, consumate entro una settimana.

DOLCI

Gelato al pistacchio senza gelatiera

gelato al pistacchio senza la gelatiera

Idea fantastica, veloce e infallibile per chi vuole preparare il gelato in casa ma non ha la gelatiera.

Tre ingredienti ed è pronto, quando l’ho scoperto l’ho subito provato e poi replicato tante volte, garantisco che è squisito.

In questo caso se avete una buona crema ai pistacchi sarà ancora più buono.

Il caldo non è ancora arrivato, quanto meno quello sfiancante e afoso ma la voglia di gelato c’era eccome, non ne mangiavo uno da mesi e mesi, credo dall’estate scorsa.

Qua trovate la ricetta senza gelatiera anche di quello al cioccolato, nei prossimi mesi proverò altre opzioni, sicuramente mandole e nocciole poi studierò.

Vi auguro un felice fine settimana, io dopo mesi vedo un po’ di amici, pizza domani sera e pic nic domenica a pranzo.

 

gelato al pistacchio senza gelatiera

Ingredienti:

200 gr di crema al pistacchio

300 ml di latte condensato

400 ml di panna fresca

1 Montate la panna piuttosto fredda, mettetela in frigorifero.

2 Nel mentre amalgamate la crema al pistacchio con il latte condensato.

3 Unite la panna delicatamente aiutandovi con una spatola, se la ciotola non è ampia e preferite fatelo in due tornate di panna. Mettete in un contenitore coprite e riponete in frigorifero per almeno sei ore. Si conserva una decina di giorni.

 

gelato al pistacchio senza gelatiera

DOLCI

Crescionda spoletina

La mia regione del cuore non è quella in cui vivo che a dirla tutta mi piace ma non ho mai nutrito un amore sentito, forte, coinvolgente, bensì l’Umbria! Dirvi perchè oltre a richiedere ore è in parte scontato, trovatemi una persona che non ami l’Umbria con le sue verdi colline, la sua cucina semplice e gustosa, i vini, i piccoli borghi, i paesini uno più bello dell’altro.

I dolci umbri non mi entusiasmano, buoni ma niente di che, non amo uva passa, canditi, uvetta, ingredienti che utilizzano parecchio, vedi il panpepato ternano, il torcolo, la rocciata, il torciglione, c’è un dolce però che amo moltissimo, che è totalmente in linea con le mie corde.

La crescionda, tipico del periodo di Carnevale, quindi attualmente fuori tema ma se un piatto è buono lo si mangia sempre volentieri, casa che vai ricetta che trovi, tipico dei piatti tradizionali. Lo dico onde evitare che un umbro doc mi dica che questa non è la ricetta tradizionale, potrebbe anche essere, me l’ha data la mamma di una conoscente umbra e l’ho provata.

Per me pura poesia, dove sono presenti cannella, cioccolato e amaretti c’è la felicità, tre sapori che amo tantissimo, che si sposano alla grande e non mi stancano mai, potrei davvero farmi fuori mezza torta senza problemi e l’altra metà portatela via che è meglio.

Con questa dichiarazione di amore corro a iniziare questo mercoledì pieno di cose da fare, progetti da definire, buona giornata.

 

crescionda spoletina

 

Ingredienti:

3 uova

100 gr di zucchero

un cucchiaino di cannella

20 gr di cacao amaro

200 gr di cioccolato fondente

100 gr di amaretti

80 gr di farina

500 ml di latte

 

crescionda spoletina

 

1 In una ciotola sbattete le uova e lo zucchero fino a ottenere un composto chiaro e spumoso.

2 Unite la cannella e il cacao, amalgamate.

3 Tritate il cioccolato prima e dopo (non insieme) gli amaretti.

4 Unite il cioccolato al composto, mescolate.

5 Unite la farina e gli amaretti tritati, amalgamate fino a ottenere un composto omogeneo.

6 Accendete il forno a 180 gradi ventilato, mentre si scalda unite a filo il latte, mescolate, il composto sarà piuttosto liquido.

7 Coprite una pirofila o una tortiera a cerniera con la carta forno, fate aderire bene i bordi, versate il composto, infornate per 45 minuti, prima di sfornare muovete delicatamente lo stampo, se al centro vedete che il composto risulta ancora liquido, lasciate in forno una decina di minuti, sfornate, lasciate raffreddare del tutto, se la tenete in frigorifero una notte, il giorno dopo sarà ancora più buona.

 

DOLCI

Torta al cioccolato mandorle e ciliegie

torta al cioccolato ciliegie e mandorle

Il mio frutto preferito, credo in assoluto, le ciliegie, possibilmente grandi, scure, succose.

Potrei fare indigestione e in effetti ci sono andata vicino più volte.

Le aspetto ogni anno con trepidante attesa, costano una cifra spropositata ma per fortuna e purtroppo la loro stagione dura poco, un mese poco più, durasse fino a settembre dovrei aprire un mutuo….

Ho visto questa torta da Valentina del blog Profumo di cannella e cioccolato, un super super blog con tante idee dolci e salate, semplici, fattibili per chiunque, tanta varietà e foto meravigliose, ho preso ispirazione da lei cambiando alcuni ingredienti.

Ve la consiglio vivamente, profumata, soffice, cioccolatosa, il contrasto fra il cioccolato e le ciliegie è divino, la mandorla in lamelle regala un po’ di croccantezza, la definirei rustica ma sontuosa, è venerdì correte  a prendere gli ingredienti necessari e preparatela. Buon fine settimana.

 

torta al cioccolato con mandorle e ciliegie

 

Ingredienti:

130 gr di farina

70 gr di farina di mandorle

1 bustina di lievito

100 gr di cioccolato fondente

130 ml di latte

2 uova

120 gr di zucchero

80 ml di olio di semi

250 gr di ciliegie denocciolate

100 gr di mandorle a lamelle

 

torta al cioccolato mandorle e ciliegie

 

1 Sciogliete il cioccolato e il latte  a bagnomaria.

2 In una ciotola sbattete le uova con lo zucchero fino a rendere il composto chiaro e spumoso.

3 Unite l’olio, amalgamate.

4 Setacciate la farina e il lievito, uniteli poco alla volta al composto alternandoli con il latte, mescolate fino a ottenere un composto omogeneo.

5 Imburrate uno stampo a cerniera diametro 22 o anche meno, accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda versate il composto, distribuite sulla superficie le ciliegie e le mandorle, infornate per circa 40 minuti, sfornate e lasciate raffreddare.

Rispetto alla ricetta di Valentina ho eliminato il cacao, sostituito parte della farina con quella di mandorle, aggiunto un po’ di zucchero.

DOLCI

Torta al caramello salato ganache e pistacchi

torta al caramello salato ganache e pistacchi

La mia è stata una Pasqua sobria a tavola, niente piatti della tradizione, niente primi, secondi, contorni, se vi dico cosa ho mangiato vi deprimete ma onestamente andava bene così. I giorni sono tutti uguali, se mi va di preparare una bella torta posso farlo in qualsiasi momento indipendentemente da che giorno sia, torta o primo o quel che volete.

Complice anche che nei giorni precedenti a Pasqua le code ai supermercati erano infinite, ho deciso di non puntare sul cibo ma nell’avere un bel libro da leggere al sole, sole che entra dalla finestra, nessun giardino o terrazza ahimè.

Questa torta l’ho preparata venerdì, avevo della frolla in freezer, da tempo volevo preparare il caramello salato, la panna scadeva quel giorno, la granella di pistacchi erano mesi che dovevo utilizzarla. Una signora torta per essere frutto di mix di ingredienti più o meno pronti.

Sembra complicata ma non lo è basta organizzarsi, la frolla e la ganache si fanno in un attimo, il caramello basta seguire passo passo le indicazioni, questo è stato il mio lusso pre pasquale, voi che avete fatto? Mangiato?

Ingredienti:

per la frolla:

220 gr farina

20 gr cacao amaro

80 gr zucchero

1 uovo + 1 tuorlo

125 gr di burro

per il caramello salato:

225 gr zucchero

85 gr burro a pezzetti

125 ml di panna fresca

mezzo cucchiaino di sale

per la ganache:

250 gr cioccolato fondente

200 ml di panna

 

torta al caramello salato ganache e pistacchi

 

1 Preparate la frolla lavorando insieme tutti gli ingredienti, dovrete ottenere un composto compatto, senza tracce di burro, omogeneo, mettete a riposare in frigorifero.

2 Per il caramello, in una casseruola a sponde alto versate lo zucchero,  portare sul fuoco a fiamma media. Dopo circa due minuti lo zucchero comincerà a sciogliersi. Non allontanatevi mai dalla pentola e cominciate a mescolare lo zucchero in modo da aiutare lo zucchero a sciogliersi in modo omogeneo.

3 Con il passare dei secondi lo zucchero comincerà a sciogliersi. Continuate a mescolare fino a quando sarà sciolto completamente e avrà raggiunto un colore ambrato e una consistenza liquida.

4 Aggiungere il burro a cubetti e mescolare. Fare attenzione perché il caramello comincerà a schizzare a contatto con il burro. Una volta amalgamati completamente gli ingredienti spegnere il fuoco e versare la panna. Mescolare bene facendo attenzione a non scottarsi. Ottenuto un composto omogeneo versare il sale e mescolare. Lasciatelo raffreddare.

5 Accendete il forno a 190 gradi, mentre si scalda imburrate uno stampo, circa 22/24 cm, stendete direttamente con le mani la frolla, livellate bene i bordi, coprite con un foglio di carta forno e fagioli secchi, infornate per 13 minuti, togliete la carta forno e cuocere per altri 13 minuti, sfornate. Lasciate raffreddare.

6 Mentre la frolla si cuoce preparate la ganache sciogliendo a bagnomaria il cioccolato in una ciotola, una volta sciolto unite la panna, mescolate con una spatola fino a ottenere una crema lucida e densa.

7 Una volta che la base della torta è a temperatura ambiente spalmate sulla superficie il caramello salato, bastano due tre cucchiai ma se volete abbondare va bene, versate sopra la ganache fredda, livellate con una spatola, mettete la torta in frigorifero per una mezzora, toglietela spolverate con la granella di pistacchi, servite.

 

torta al caramello salato ganache e pistacchi