Browsing Tag:

Verdure

carne/ Primi/ verdure

Pasta al forno cavolfiore e salsiccia

pasta al forno salsiccia e cavolfiore

Sono giornate davvero fredde, pur sforzandomi di mangiare verdura, inteso come insalata, sola verdura, faccio un po’ fatica, il corpo richiede piatti caldi, che saziano, di sostanza, cerco almeno di mangiare parecchie minestre, zuppe.

Ovvio il richiamo della pasta al forno è grande, a chi non piace? Buona, veloce da fare, bella calda, con il formaggio che fila, ho utilizzato il cavolfiore che a me non fa impazzire, riesco a mangiarlo se mischiato con altro come in questo caso, un piatto di solo cavolfiore o come contorno non ce la faccio.

La pasta al forno la preparo spesso quando ho tanti amici a cena, quando so che non arriveranno tutti allo stesso orario, oltretutto potete preparare tutto prima e mentre è in forno finire le ultime cose, vestirvi, truccarvi, apparecchiare, anche pronta spegnete il forno o lo tenete al minimo e potete gestire ritardatari, il tempo di salutarsi, mettersi a tavola.

Vi auguro un felice fine settimana.

 

pasta al forno cavolfiore e salsiccia

 

Ingredienti:

per 4 persone

350 gr di maccheroncini (va bene penne, maccheroni, conchiglie ecc..)

mezzo cavolfiore lessato

200 gr di salsiccia

100 gr di parmigiano grattugiato

sale e pepe

1 Mentre mettete a bollire l’acqua per la pasta, in una padella antiaderente cuocete la salsiccia tagliata a pezzetti grossolani, lasciate che la padella si scaldi bene un paio di minuti, non aggiungete olio.

2 Quando sarà ben rosolata unite il cavolfiore, regolate di sale e pepe, mescolate e lasciate amalgamare per una decina di minuti.

3 Accendete il forno a 200 gradi, quando la pasta è cotta conditela in una pirofilo con il condimento, mescolate bene, unite metà parmigiano, una volta ben amalgamata, spolverate di parmigiano, infornate per 25 minuti, deve risultare ben dorata, con la crosticina, sfornate e servite subito.

Primi/ verdure

Risotto con porri e castagne

risotto con i porri e la castagne

Mi piace molto ma preparo raramente il risotto, se mi chiedeste perchè non saprei rispondervi, quando penso a un primo di solito mi viene in mente la pasta se ho fretta o la pasta fresca, lasagne, crespelle, in terza istanza una zuppa/minestra, al risotto penso raramente.

In generale ho con il riso un rapporto particolare, mi piace molto ma non lo mangio quasi mai, eppure datemi un supplì, uno sformato di riso, un risotto, un riso alla cantonese, accompagnato con pollo al curry, basmati con qualche condimento orientale ecc…e mi fate felice.

Strani i meccanismi che segue la nostra testa, comunque sia oggi rimedio con un abbinamento che mi piace molto, porri e castagne, trovo che si sposino bene creando un sapore delicato ma saporito.

Sono giornate molto piene, ho tante cose da fare, da ricordarmi e ammetto di arrivare a fine giornata stanca, con diverse cose dimenticate o fatte a metà o da fare del tutto, siamo a mercoledì e aspetto con ansia il week end, aiuto!

Buona giornata!

 

risotto ai porri e castagne

 

Ingredienti per due persone:

160 gr di riso carnaroli

1 porro grande

1/2 litro di brodo di carne o vegetale

una decina di castagne

3 cucchiai di olio

1 cucchiaio di burro

1 bicchiere di vino rosso

2/3 cucchiai di parmigiano grattugiato

sale e pepe

1 Sbucciate il porro, togliete le estremità, tagliatelo a rondelle.

2 Mettete l’olio in una casseruola, fatelo scaldare e aggiungete i porri, mescolate, lasciate cuocere a fuoco medio per circa 15 minuti, se necessario aggiungete poca acqua, mescolate spesso.

3 Nel mentre scaldate il brodo.

4 Versate il riso nella casseruola, fate tostare per un minuto mescolando, sfumate con il vino, fiamma viva.

5 Versate due mestoli di brodo, mescolate, proseguite la cottura per circa venti minuti, mescolate di tanto in tanto, se necessario aggiungete brodo.

6 Gli ultimi cinque minuti unite le castagne sbriciolate.

7 Spegnete aggiungete il burro e il parmigiano, mantecate, servite subito caldo.

DOLCI

Torta con crema di zucca e crema al cioccolato

torta con crema di zucca e mix crema al cioccolato

Il titolo non è propriamente corretto ma se avessi dovuto scrivere da cosa è composta avrei dovuto scrivere un titolo molto lungo. La torta ha una crema di zucca marzapane e amaretto di Saronno e un mix di ganache e crema pasticcera.

L’idea non è mia ma del maestro Knam, l’ho presa da un suo libro che mi è stato regalato, ha sapori che amo moltissimo e per la prima volta ho unito la ganache e la crema pasticcera, un sapore divino. Ero scettica ammetto, mi sembrava una cosa strana invece è buonissima, decisamente strong.

Oggi chiudiamo il 2020, niente bilanci, niente analisi, per me non è stato un brutto anno, ci sono state molte cose belle e importanti, in generale credo sia stato un anno di crescita, di messa in discussione, un anno in cui le quarantene sono state messe bene a frutto invece che lamentarmi, inveire, annoiarmi, criticare tutto.

Spero che anche per voi questo anno vi ricordi luoghi, persone, situazioni, emozioni o quello che volete belli, sereni, che nonostante tutto siate riusciti a trarne dei giovamenti ed apprezzare le piccole cose belle della vita, mille auguri a tutti voi.

 

torta con crema al cioccolato e crema di zucca

 

Ingredienti:

per la frolla:

210 gr di farina

30 gr cacao amaro

80 gr zucchero

1 uovo e 1 tuorlo

125 gr di burro freddo a pezzetti

per la crema di zucca:

100 gr zucca lessata

100 gr marzapane

30 ml amaretto di Saronno

per la ganache:

300 gr cioccolato fondente

220 ml panna fresca

per la crema pasticcera:

4 tuorli

30 gr amido di mais

70 gr zucchero

360 ml latte

pistacchi per decorare

 

torta con crema di zucca e crema al cioccolato

 

1 Preparate la frolla amalgamando bene tutti gli ingredienti, formato un panetto rettangolare altro due cm, riponete in frigorifero.

2 Preparate la crema pasticcera sbattendo in una casseruola a sponde alte con una frusta i tuorli e lo zucchero, dovrete ottenere un composto chiaro e spumoso, unite l’amido, amalgamate rapidamente con la frusta.

3 Mettete sul fuoco, media intensità, unite il latte, mescolate sempre con un cucchiaio di legno fino a che non si addensa, circa una decina di minuti. Trasferita in una ciotola fredda fate raffreddare, mescolate di tanto in tanto.

4 In una ciotola mettete la zucca, il marzapane tagliato a pezzettini e l’amaretto, frullate con un minipimer o in un mixer fino a ottenere un composto omogeneo.

5 Preparate la ganache sciogliendo a bagnomaria il cioccolato, quando è ormai sciolto unite la panna, amalgamate.

6 Unite la ganache alla crema pasticcera, mescolate rapidamente con una frusta fino a ottenere una crema compatta omogenea.

7 Accendete il forno a 175 gradi mentre si scalda stendete la frolla in uno stampo a cerniera o in uno con carta forno, diametro 22/24, potrebbe avanzarvi un po’ di frolla, fate almeno due cm di bordo.

8 Stendete sulla superficie della torta la crema di zucca con una spatola.

9 Versate sopra l’altra crema livellate la superficie, infornate per 35 minuti, sfornate, lasciate raffreddare del tutto. Quando la servita la consistenza deve essere cremosa, la frolla deve tagliarsi facilmente, se la mettete in frigo tiratela fuori almeno 30 minuti prima, è comunque più buona a temperatura ambiente. Aggiungete i pistacchi prima di servirla.

 

Antipasti/ colazioni salate/ verdure

Muffin alla zucca e speck

muffin alla zucca e speck

Ricevere un muffin secondo me è sempre un bel pensiero.

Buono è buono, dolce o salato, è un pensiero carino, poco laborioso da preparare e ideale se devi farne parecchi di pensierini, non è troppo impegnativo ma comunque è home made, aspetto che a molte persone piace, non è troppo grande (per esempio se regalate a me un panettone di pasticceria sarebbe uno spreco, primo perchè non amo canditi e uvette ma poi finirei per stancarmelo, sarebbe troppo grande, sarebbe un bel pensiero ma troppo oneroso).

Per esempio è una bella idea se avete tanti colleghi o gruppi di amici dopo siete tanti, vi presentate con uno o due muffin e avete regalato la colazione se dolce o uno sfizio se salato. A me come idea piace molto. Così come mi piace l’idea che si possa personalizzare a seconda dei gusti, sia dolci che salati ne esistono infinite varietà. Non dimentichiamo che è pure economico, con un impasto ne ottime una decina minimo e hai speso qualche euro.

Insomma evviva i muffin, se volete un’idea carina, semplice, rustica ma di effetto e non banale ecco una ricetta salata.

 

muffin con zucca e speck

 

Ingredienti:

180 gr farina

mezza bustina di lievito salato

3 uova

150 ml di latte

50 ml di olio di semi

100 gr zucca lessata

100 gr parmigiano

100 gr stick o dadini di speck

sale e pepe

 

muffin speck e zucca

 

1 Spappolate la zucca in una ciotola, unite la farina, il lievito, il parmigiano grattugiato, sale e pepe, mescolate.

2 In una padella saltate qualche minuto lo speck, senza aggiungere olio, lasciate intiepidire, se necessario scolate il grasso in eccesso.

3 Mescolate in una ciotola le uova, il latte e l’olio.

4 Unite agli ingredienti secchi lo speck e quelli liquidi, amalgamate bene.

5 Scaldate il forno a 180 gradi, distribuite il composto negli stampini da muffin, capienza trequarti, io non ho imburrato, i miei sono di carta e si staccavano bene, se necessario imburrate, cuocete per 25 minuti, dovranno risultare dorati, se serve cuocete ancora qualche minuto, non superate i 30.

Antipasti/ carne/ contorni/ verdure

Involtini di phillo verza e salsiccia

involtini alla verza e salsiccia

Chi ha inventato la pasta phillo è un genio! Assolutamente un genio, pronta già in fogli pratici da usare, costa poco, perfetta per ricette dolci e salate, si lavora bene (si piega, taglia, avvolge ecc..), è leggera, si conversa bene, rende tutto più croccante.

La uso spesso, qua trovate diverse ricette, quando la trovo la prendo sempre (nel super sotto casa mia non c’è), non so mai come la utilizzerò ma la compro comunque; in questo caso avevo tanta verza che a me non fa impazzire, la mangio ma c’è di meglio.

Ho pensato che unita alla salsiccia che è sempre ottima e un po’ di parmigiano il risultato sarebbe stato buono! In realtà mi sono piaciuti tanto, molto meglio di buoni, sicuro anche perchè ho messo la verza a crudo, stracotta non mi piace, ne’ l’odore, ne’ la consistenza tantomeno il sapore.

Potrebbe essere una buona idea per far mangiare le verdure ai bambini, gli involtini sono cotti al forno quindi non fritti ma leggeri, dentro solo verza, salsiccia e parmigiano, provate! Vi auguro buon week end.

 

involtini con verza e salsiccia

 

Ingredienti:

14 fogli di pasta phillo (la confezione può averne meno come di più)

500 gr salsiccia

5 foglie di verza medie

3 cucchiai di parmigiano grattugiato

sale e pepe

2 cucchiai di latte

semi di sesamo

 

involtino alla verza e salsiccia

1 Togliete la pelle alla salsiccia, tagliate a pezzetti grossolanamente, scaldate una padella antiaderente senza aggiungere olio, unite la salsiccia, lasciate cuocere a fiamma viva per una decina di minuti mescolando ogni tanto, lasciate intiepidire.

2 Lavate le foglie di verza,  strizzatele bene, tagliatele a striscioline, mettetele in una ciotola.

3 Unite la salsiccia, il parmigiano, sale e pepe, mescolate.

4 Prendete un foglio di pasta phillo adagiata al centro in verticale a 4 cm dal bordo di destra il ripieno, arrotolate su stesso, ripiegate i due lembi inferiore e superiore sotto all’involtino. Proseguite allo stesso modo fino al termine degli ingredienti.

5 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda disponete gli involtini su una teglia di carta forno, spennellateli con il latte e coprite con i semi di sesamo. Infornate per circa 25 minuti, dovranno essere dorati, servite caldi o tiepidi.

 

La foto è brutta e fatta dopo le altre ma volevo mostrarvi l’interno

 

carne/ verdure

Panino di polenta hamburger e cipolle caramellate

panino di polenta hamburger e cipolle caramellate

Non so precisamente come mi sia venuta in mente questa idea, a un certo punto si è materializzata davanti a me l’immagine di un panino fatto con la polenta a sostituire il pane.

Le cipolle caramellate volevo farle da tempo, una vera goduria, forse sarebbe stato meglio non provare, sarò tentata di replicare spesso.

Penso che questa sia un’idea carina, un piatto unico che sazia, diverso dal solito, è semplice da preparare, e ovviamente può essere condito con ingredienti a piacere, perfetto il cavolo rosso, verde, peperoni, melanzane, zucchine, radicchio, senape, maionese, spezie, erbe, potete divertirvi a creare il vostro.

Mi sono accorta che qua non ci sono ricette con la polenta classiche, intendo con lo spezzatino, i funghi, formaggio ecc…è sempre rivisitata, sotto forma di spiedino, fritta, tartina, sandwich, panino, in carrozza, gnocchi, chissà perchè, non saprei darvi una risposta.

 

panino di polenta hamburger e cipolle caramellate

 

Ingredienti:

per due panini

180 gr di polenta istantanea

700 ml acqua

3 cipolle bianche (vanno bene anche altre)

100 gr zucchero

130 ml acqua

2 hamburger (manzo, pollo, maiale, quello che volete)

salsa bbq

1 Preparate come prima cosa le cipolle, sbucciatele, tagliatele grossolanamente, mettetele in una padella antiaderente, unite lo zucchero, mescolate, mettete sul fuoco medio, vedrete che dopo pochi minuti lo zucchero comincerà a sciogliersi, aggiungete l’acqua, lasciate cuocere circa 45/50 minuti, mescolando di tanto in tanto e dando un’occhiata, sempre fuoco medio. Capirete che sono pronte perchè cambieranno colore, l’acqua si sarà assorbita formando una sorta di sciroppo con lo zucchero.

2 Preparate la polenta come da istruzioni, stendetela su una teglia coperta da carta forno, altezza 1 cm, lasciate riposare 15 minuti.

3 Prendete un coppapasta o una ciotola della grandezza dell’hamburger, formate quattro tondi, gli avanzi potete friggerli, farci dei crostini.

4 Cuocete l’hamburger alla griglia, in forno, in padella, mentre cuoce scaldate le cipolle che nel mentre si saranno rapprese.

5 Disponete un tondo di polenta su un piatto poi della salsa bbq (qua la trovate home made), delle cipolle poi la carne, ancora cipolle e chiudete con un altro tondo di polenta, fate la stessa cosa per il secondo. Deve essere servito caldo, se la polenta si è raffreddata troppo scaldatela in forno.

Dal mondo/ DOLCI/ verdure

Cheesecake alla zucca

cheesecake alla zucca

Era tanto che volevo provarla, i dolci con la zucca mi piacciono molto, dai muffin ai pancake, passando per i biscotti, la famosa torta speziata di origine anglossassone, forse mi piace più nei dolci che nel salato.

Questa cheesecake l’ho trovata ottima, forse poco dolce, anche se i miei genitori, che amano i piatti dolci, hanno detto che era perfetta, essenziale utilizzare un’ottima ricotta fresca, no ricotte del banco del supermercato per intenderci, quelle al banco gastronomia si.

Voglio provare a rifarla con qualche variante, non so se con l’aggiunta di un liquore, amaretto di Saronno in primis o con delle gocce di cioccolato o base diversa di biscotti, vedremo, intanto ve la consiglio caldamente.

Bando alle ciance oggi è venerdì, tradotto domani si dorme, eh eh la mia massima ambizione….farò anche altre cose ovviamente ma a Milano non c’è una bella situazione quindi anche la voglia di uscire non è molta, vi auguro un felice week end!

 

cheesecake con la zucca

 

Ingredienti:

300 gr di biscotti secchi (io Digestive)

170 gr di burro fuso

500 gr di polpa di zucca lessata

250 gr philadelphia

500 gr ricotta

3 uova

150 gr zucchero

50 ml latte

facoltativa la ganache per decorare

 

cheesecake di zucca

 

1 Riducete i biscotti in polvere.

2 Unite il burro, amalgamate.

3 Ungete uno stampo a cerniera di burro, bene anche i bordi.

4 Distribuite sulla superficie l’impasto di biscotti, livellato con un cucchiaio perchè sia omogeneo, mettete in frigorifero.

5 Mettete la zucca nel mixer, frullate con il latte.

6 Unite la ricotta, il formaggio, le uova e lo zucchero, azionate il mixer fino a quando non otterrete un composto omogeneo e ben frullato.

7 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda riprendete lo stampo dal frigo, versate il composto di zucca, infornate per circa 45 minuti, muovendo leggermente lo stampo al centro dovrà essere soda, sfornate e fate raffreddare, mettete in frigorifero almeno 4 ore prima di servire, se la fate il giorno prima anche meglio.

Antipasti/ carne/ verdure

Fagottini con cavolo nero e salsiccia

fagottini con cavolo nero e salsiccia

Si sa che amo gli sfizi, da mangiare come aperitivo, in piedi, in terrazza, sorseggiando un bicchiere di bianco, aprono lo stomaco, sono belli da vedere e attraggono tutti, oltre a essere conviviali, aggreganti, anche solo per il fatto che quando compaiono tutti si avvicinano.

Cercavo una ricetta per il cavolo nero, non volevo una minestra, una zuppa o uno sformato, che peraltro qua già trovate, cercavo appunto qualcosa di sfizioso, qualcosa che attirasse chiunque, molti di fronte alla parole cavolo arricciano il naso, fra questi talvolta ci sono anche io ammetto.

Come sempre dipende da come un ingredienti viene cucinato, abbinato, presentato, sicuro se mi mettetevi di fronte un piatto con del cavolo lessato e condito con olio non sarei stata entusiasta, probabilmente dopo due forchettate non avrei continuato a mangiarlo, avrei pensato a come riutilizzarlo in veste “migliore”.

L’impasto  è quello delle borekitas che qua trovate ripiene con feta e melanzane, una pasta versatile per farcire strudel, sformati, crostatine ecc…

 

fagottini ripieni di cavolo nero e salsiccia

 

Ingredienti:

125 ml di olio di semi

125 ml di acqua fredda

230/250 farina 00

sale

cavolo nero circa 100 gr

2 salsicce

sale e pepe

semi di sesamo

1 tuorlo

1 Intiepidite l’acqua, mettetela in una ciotola, unite l’olio e poco alla volta la farina, nel mentre amalgamate, la farina versatela poco alla volta perchè servirne meno, quando avrete un composto compatto, omogeneo coprite e fate riposare un’ora a temperatura ambiente o in forno spento.

2 Lassate il cavolo dopo averlo lavato e tagliato grossolanamente, a seconda di come l’avete tagliatelo varia il tempo di cottura, io circa 25 minuti.

3 Spellate la salsiccia, tagliatela a tocchetti, prendete una padella antiaderente, mettetela sul fuoco medio, lasciate che si scaldi due minuti, unite la carne, non aggiungete olio, lasciate cuocere mescolando di tanto in tanto per circa dieci minuti.

4 Infarina un piano di lavoro, stendete con il mattarello la pasta, altezza 3-4 mm, prendete un coppapasta diametro 10, va bene anche una ciotola, una tazza, formate tanti cerchi, potete rimpastare i rimasugli ma più andrete avanti a farlo meno resterà compatta.

5 In una ciotola unite il cavolo nero e la salsiccia, regolate di sale e pepe, se volete aggiungete due cucchiai di parmigiano, mescolate bene.

6 Prendete un cerchio di pasta, riempitene metà, poco più di un cucchiaino, chiudete a mezza luna, pigiate bene con le dita i bordi, potete anche farlo con i rebbi della forchetta, procedete ugualmente nello stesso modo fino al termine degli ingredienti, disponete le mezze luna su una teglia da forno con carta forno.

7 Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda sbattete in una ciotola o in un bicchiere il tuorlo e mezzo cucchiaino di acqua (o latte) mescolate, spennellate le mezza lune, cospargete con i semi di sesamo, infornate per circa 30 minuti, dovranno risultare dorati, sfornate e servite o lasciate intiepidire.

Primi

Tagliatelle con broccoli e pancetta

tagliatelle con broccoli e pancetta

Dopo varie ricette che mi ricordano la mia nonna paterna, una ricetta che per me vuol dire Romagna!

Settimana scorsa sono stata a Faenza dove vivevano le mie prozie e tuttora vivono altri parenti, lì ho preso la mitica, unica, inimitabile e storica macchina per stendere la pasta delle mie prozie.

Quella macchina ha steso chili e chili di tagliatelle, tagliolini, lasagne, ravioli, cappelletti e tanto altro, ha lavorato per anni indefessamente dovendo sfamare una famiglia numerosa ghiotta di pasta fresca.

Il ricordo più bello che potessi ricevere dalle mie prozie è la loro macchina, un onore, un regalo prezioso e pure utile visto che la mia si è rotta.

Tagliatelle tendenzialmente, almeno per me, uguale ragù ma non avete tempo di prepararlo così ho optato per un condimento molto più semplice, altrettanto saporito, naturalmente potete condirle come meglio preferite, l’importante è realizzarle a mano, gustarsi tutti i passaggi e vedere le tagliatelle uscire dalla macchina, sempre una gioia.

Buon week end!

 

tagliatelle ai broccoli con pancetta

 

Ingredienti:

per due persone

2 uova (3 se sono piccole)

200 gr di farina

sale

un broccolo medio

2 fette di pancetta

sale e pepe

 

tagliatelle ai broccoli e pancetta

 

1 Per preparare le tagliatelle trovate la ricetta con tutti i passaggi foto per foto qui

2 Lessate il broccolo tagliandolo a cimette, circa 15/20 minuti, dipende dalla grandezza delle cimette e del gambo.

3 Tagliate la pancetta a listarelle, senza aggiungere olio mettete a scaldare una padella antiaderente, dopo un paio di minuti unite la pancetta, lasciate dorare per bene per qualche minuto, dovrà risultare croccante, scolatela su un foglio di carta assorbente (la mia ha rilasciato tanto grasso).

4 Cuocete la pasta come da prassi, riunite in una padella (va bene quella della pancetta senza il grasso) il broccolo e la pancetta, aggiungete un filo d’olio (potete anche omettere se preferite), regolate di sale e pepe, mescolate facendo in modo di spappolare il broccolo.

5 Condite le tagliatelle con il condimento, servite subito, se volete con una spolverata di parmigiano grattugiato.

DOLCI

Muffin alla zucca e cioccolato

muffin alla zucca e cioccolato

Tanti dolci con zucca e cioccolato su questi schermi eppure mancavano i muffin!

Io che di muffin ne ho preparati centinaia nella mia vita, credo sia il dolce che ho sfornato in assoluto di più, io che li adoro e in certi casi quando vengono ben cioccolatosi rientrano fra i miei dolci preferiti, dove avevo la testa?

Se ho deciso di prepararli è perchè mia mamma aveva tanta zucca anche un po’ troppo matura, motivo per cui ha deciso di regalarmene un po’, andava cotta abbastanza velocemente e pure mangiata, aprendo la dispensa mi sono trovata davanti dei bottoni di cioccolato ed eccoli.

In un baleno si sono palesati davanti ai miei occhi questi mini muffin, non sono enormi, non ho pensato ad altro, probabilmente se mi fossi messa a riflettere avrei pensato a un risotto, un pesto, delle polpette, fortuna che ho aperto la dispensa!

Ammetto di preferirli più grandi ma questi sono perfetti per una pausa caffè, come spezza fame a metà mattina/pomeriggio, secondo me per colazione uno è troppo poco, mentre invece come momento di stacco durante la giornata sono perfetti.

 

muffin di zucca e cioccolato

 

Ingredienti:

per circa 11/12 muffin

160 gr farina

160 gr zucca lessata

90 gr zucchero

60 ml olio di semi

60 ml latte fresco

1 uovo

80 gr bottoni cioccolato

1 cucchiaino lievito per dolci

cannella a piacere (potete anche non metterla se non vi piace)

 

muffin con zucca e cioccolato

 

1 In una ciotola mescolate il latte, l’olio e l’uovo.

2 In un’altra ciotola versate la farina setacciata, il lievito, lo zucchero, la cannella, mescolate.

3 Aggiungete gli ingredienti liquidi a quelli secchi, amalgamate.

4 Unite la purea di zucca e bottoni di cioccolato, amalgamate fino a ottenere un composto omogeneo.

5 Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda prendete degli stampi da muffin, di carta vi servirà un supporto, se li usate di silicone non serve, riempiteli per trequarti della capienza.

6 Infornate per 20 minuti, sfornate, lasciate riposare almeno 20 minuti prima di gustarli.